15 Marzo 2022
8:10

Dietrofront del museo Ermitage: le opere russe esposte a Milano possono restare

Dietrofront dell’Ermitage: restano al momento a Milano le opere in prestito dal museo russo. Negli scorsi giorni, tra polemiche e amarezza, ne era stata chiesta la restituzione immediata.
A cura di Francesco Loiacono
La
La "Giovane donna con cappello piumato" di Tiziano, esposta a Palazzo Reale: è una delle opere in prestito dall’Ermitage

Restano al momento a Milano le opere d'arte di proprietà del museo Ermitage di San Pietroburgo, delle quali era stata richiesta alcuni giorni fa la restituzione immediata. I capolavori al momento esposti alle Gallerie d'Italia di piazza Scala e a Palazzo Reale resteranno in Italia "per diverse settimane", secondo quanto avrebbe comunicato il direttore dell'Ermitage, Michail Piotrovsky, in una nuova lettera dopo quella inviata giorni fa e nella quale, sulla scorta del clima dovuto alla guerra tra Russia e Ucraina e probabilmente dell'inserimento dell'Italia nella cosiddetta blacklist, era stato chiesto l'immediato ritorno in patria delle opere russe.

L'accordo tra l'Ermitage e il ministero della Cultura russo

La decisione, confermata anche da Intesa Sanpaolo (proprietaria delle Gallerie d'Italia), arriva grazie a un "accordo con il ministero della Cultura russo secondo il quale la richiesta di un ritiro immediato delle opere da noi prestate viene attenuata". Non è stata specificata una data, ma sicuramente a questo punto la mostra "Grand tour. Sogno d'Italia da Venezia a Pompei", la cui chiusura è prevista per il 27 marzo, si chiuderà senza defezioni tra le opere esposte, tra cui cui vi sono ben 23 capolavori provenienti dall'Ermitage. Continueranno ad essere esposti a Milano anche i due dipinti che fanno parte della mostra "Tiziano e l'immagine della donna nel Cinquecento veneziano", in programma fino al 5 giugno a Palazzo Reale. Una delle opere principali della rassegna è la "Giovane donna con cappello piumato", di proprietà dell'Ermitage: negli scorsi giorni l'annuncio della restituzione del dipinto aveva scatenato una sorta di "corsa" tra i visitatori, con circa tremila ingressi solo nel weekend. Adesso gli amanti dell'arte avranno qualche giorno in più per ammirare il capolavoro di Tiziano: "Ripetiamo sempre che i ponti della cultura si fanno saltare in aria per ultimi. Ora è venuto il tempo di proteggerli", ha scritto Piotrovsky al segretario generale di Ermitage Italia Maurizio Cecconi, grazie alla cui mediazione è stato raggiunto il "congelamento" momentaneo dei prestiti.

La vera storia di Fernanda Wittgens, la direttrice della Pinacoteca di Brera che ha ispirato il film Rai
La vera storia di Fernanda Wittgens, la direttrice della Pinacoteca di Brera che ha ispirato il film Rai
Il Cenacolo di Leonardo da Vinci aperto fino alle 22: le 17 date degli ingressi speciali
Il Cenacolo di Leonardo da Vinci aperto fino alle 22: le 17 date degli ingressi speciali
Carnevale Ambrosiano 2023 a Milano, le date e quanti giorni chiudono le scuole
Carnevale Ambrosiano 2023 a Milano, le date e quanti giorni chiudono le scuole
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni