15 Marzo 2022
8:10

Dietrofront del museo Ermitage: le opere russe esposte a Milano possono restare

Dietrofront dell’Ermitage: restano al momento a Milano le opere in prestito dal museo russo. Negli scorsi giorni, tra polemiche e amarezza, ne era stata chiesta la restituzione immediata.
A cura di Francesco Loiacono
La
La "Giovane donna con cappello piumato" di Tiziano, esposta a Palazzo Reale: è una delle opere in prestito dall’Ermitage

Restano al momento a Milano le opere d'arte di proprietà del museo Ermitage di San Pietroburgo, delle quali era stata richiesta alcuni giorni fa la restituzione immediata. I capolavori al momento esposti alle Gallerie d'Italia di piazza Scala e a Palazzo Reale resteranno in Italia "per diverse settimane", secondo quanto avrebbe comunicato il direttore dell'Ermitage, Michail Piotrovsky, in una nuova lettera dopo quella inviata giorni fa e nella quale, sulla scorta del clima dovuto alla guerra tra Russia e Ucraina e probabilmente dell'inserimento dell'Italia nella cosiddetta blacklist, era stato chiesto l'immediato ritorno in patria delle opere russe.

L'accordo tra l'Ermitage e il ministero della Cultura russo

La decisione, confermata anche da Intesa Sanpaolo (proprietaria delle Gallerie d'Italia), arriva grazie a un "accordo con il ministero della Cultura russo secondo il quale la richiesta di un ritiro immediato delle opere da noi prestate viene attenuata". Non è stata specificata una data, ma sicuramente a questo punto la mostra "Grand tour. Sogno d'Italia da Venezia a Pompei", la cui chiusura è prevista per il 27 marzo, si chiuderà senza defezioni tra le opere esposte, tra cui cui vi sono ben 23 capolavori provenienti dall'Ermitage. Continueranno ad essere esposti a Milano anche i due dipinti che fanno parte della mostra "Tiziano e l'immagine della donna nel Cinquecento veneziano", in programma fino al 5 giugno a Palazzo Reale. Una delle opere principali della rassegna è la "Giovane donna con cappello piumato", di proprietà dell'Ermitage: negli scorsi giorni l'annuncio della restituzione del dipinto aveva scatenato una sorta di "corsa" tra i visitatori, con circa tremila ingressi solo nel weekend. Adesso gli amanti dell'arte avranno qualche giorno in più per ammirare il capolavoro di Tiziano: "Ripetiamo sempre che i ponti della cultura si fanno saltare in aria per ultimi. Ora è venuto il tempo di proteggerli", ha scritto Piotrovsky al segretario generale di Ermitage Italia Maurizio Cecconi, grazie alla cui mediazione è stato raggiunto il "congelamento" momentaneo dei prestiti.

Blackout a Milano, Unareti avverte:
Blackout a Milano, Unareti avverte: "Ne possono accadere altri in qualsiasi zona della città"
Nuova biblioteca al Memoriale della Shoah, Liliana Segre:
Nuova biblioteca al Memoriale della Shoah, Liliana Segre: "Il muro parla di morti, i libri di vita"
Quel doloroso ma bellissimo viaggio che è stato il concerto di Brunori Sas al Milano Summer Festival
Quel doloroso ma bellissimo viaggio che è stato il concerto di Brunori Sas al Milano Summer Festival
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni