Come anticipato da Fanpage.it, non c'è ancora il nome del candidato sindaco di centrodestra a Milano. La decisione è infatti slittata alla prossima settimana. Nel vertice odierno sono stati decisi invece i candidati sindaco a Roma e Torino. Eppure, a poche ore dall'ennesimo vertice di coalizione per cercare di trovare un accordo sul nome da proporre a sindaco di Milano alle Comunali del prossimo autunno, il leader della Lega Matteo Salvini aveva detto che il centrodestra era "in dirittura di arrivo". Il capo politico della fu Lega Nord, a RaiNews24, aveva infatti dichiarato che i partiti erano ormai prossimi a rivelare il proprio candidato. Rivelazione avvenuta per le città di Roma e Torino, ma non ancora per Milano.

Salvini: Siamo in dirittura d'arrivo per il candidato di Milano

Resta quindi grande incertezza all'interno della stessa coalizione, oltre che alla confusione generale. C'è chi annuncia la comunicazione dei nomi (leggasi Tajani), chi invoca un nuovo vertice e chi lo ufficializza. Salvini ha tenuto a sottolineare che non decide da solo, perché "siamo una squadra e decidiamo insieme". Giusto, fanno notare fonti del centrodestra a Fanpage.it, ma la motivazione è un'altra: arrivare divisi alle elezioni significherebbe sconfitta certa. E il centrodestra, ora, non può proprio permetterselo. Sul nome del candidato Salvini ha poi spiegato che "ci sono uomini e donne che si sono messi a disposizione. Roma e Milano sono le due città più belle, più importanti e peggio amministrate. Ci siamo presi qualche tempo in più per scegliere la squadra, non solo il candidato. La riunione di oggi sarà un altro passo in avanti". Il tempo comunque continua a trascorrere inesorabile e il malumore all'interno dell'elettorato dello schieramento ad aumentare. Tra qualche giorno, forse, la coalizione svelerà il proprio candidato. Altrimenti serviranno nuovi vertici, nuovi confronti. C'è tempo fino a settembre.