396 CONDIVISIONI

“Diamo l’Ambrogino d’oro alla manager che ha salvato la ragazza dallo stupro”: la proposta di Gabrielli

“Una cittadina che non si è girata dall’altra parte. Sarebbe la persona più meritoria per l’Ambrogino d’oro”, ha dichiarato il delegato alla Sicurezza di Milano a proposito della vicenda accaduta lo scorso 22 novembre, quando una 19enne si è salvata da un uomo violento facendo il gesto con le quattro dita.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
A cura di Francesca Del Boca
396 CONDIVISIONI
Immagine

"Una cittadina che non si è girata dall'altra parte. Sarebbe forse la persona più meritoria per l'Ambrogino d'oro". A sostenerlo è stato il delegato alla sicurezza Franco Gabrielli a proposito della vicenda accaduta lo scorso 22 novembre, quando una 19enne si è salvata da un uomo violento facendo il gesto con le quattro dita alla dipendente di un McDonald's in via Torino a Milano.

Le parole del delegato alla Sicurezza di Milano Franco Gabrielli

"Nella tristissima vicenda di qualche giorno fa, della ragazza abusata proprio qui sotto, credo che ci sia un messaggio straordinariamente importante", le parole dell'ex capo della polizia, fortemente voluto dal sindaco Beppe Sala come parte di un comitato strategico per la sicurezza in città, durante l'ultima conferenza stampa a Palazzo Marino. "È il comportamento di quella cittadina e di quei cittadini che non si sono girati dall'altra parte, che hanno subito chiamato le Forze di polizia, che sono intervenute".

Il riferimento è alla giovane che ha incrociato per i corridoi del fast food milanese una 19enne in difficoltà, che senza farsi vedere dal suo aguzzino le ha rivolto un sos silenzioso: il gesto con le quattro dita utilizzato per segnalare la presenza di un uomo violento, invitando a chiamare al più presto le forze dell'ordine.

La 19enne si è salvata facendo il gesto antiviolenza

La ragazza, secondo quanto ricostruito finora, aveva conosciuto un giovane durante una serata in piazza della Scala, a due passi dal Duomo. "A un certo punto siamo rimasti soli, e lui ha iniziato a raccontarmi la sua vita. Io ho intuito che volesse sfogarsi, che avesse bisogno di qualcuno con cui parlare, e l'ho ascoltato", il racconto della 19enne, turista in città. "Però, all'improvviso, ha cambiato atteggiamento. Mi ha toccata e baciata senza il mio consenso, detto che mi avrebbe fatto a pezzi se non l'avessi seguito".

La giovane, durante il tragitto, è riuscita però a divincolarsi con la scusa di andare in bagno all'interno di un McDonald's che stava per chiudere. È qui che ha incrociato la dipendente, e le ha rivolto un sos a quattro dita immediatamente colto dalla donna, che in men che non si dica ha chiamato la polizia. L'aggressore, dopo l'intervento degli agenti, è attualmente detenuto nel carcere di San Vittore.

396 CONDIVISIONI
Tracce di droga dello stupro sulla ragazza, i legali di Leonardo La Russa: "Una mossa disperata dell'accusa"
Tracce di droga dello stupro sulla ragazza, i legali di Leonardo La Russa: "Una mossa disperata dell'accusa"
Leonardo La Russa accusato di violenza sessuale, trovate tracce di "droga dello stupro" nei capelli della ragazza
Leonardo La Russa accusato di violenza sessuale, trovate tracce di "droga dello stupro" nei capelli della ragazza
Caso Leonardo La Russa, fissato il test sui capelli della ragazza per cercare tracce di droga dello stupro
Caso Leonardo La Russa, fissato il test sui capelli della ragazza per cercare tracce di droga dello stupro
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views