382 CONDIVISIONI
18 Novembre 2022
17:26

Baby gang arrestato per rapina: la Procura chiede quattro anni di carcere

Il trapper Baby Gang rischia quattro anni di carcere: il giovane si trova imputato in un processo con rito abbreviato per una serie di rapine commesse lo scorso anno.
A cura di Giorgia Venturini
382 CONDIVISIONI

Era finito in manette per una serie di rapine, ora Baby Gang rischia quattro anni di carcere. È quanto ha chiesto il pubblico ministero Leonardo Lesti per rapper 20enne Zaccaria Mouhib, nome d'arte proprio Baby Gang: il giovane si trova imputato in un processo con rito abbreviato per una serie di rapine che lo ha visto responsabile insieme a Neima Ezza, ossia Amine Ez Zaaraoui, anche lui 20 anni, Samy Dhahri, 19 anni conosciuto come Samy Free, e un 31enne albanese.

Per gli altri due trapper i legali la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio perché nei loro confronti è stato scelto il rito ordinario.

Le accuse contestate ai rapper

Il pubblico ministero contesta loro quattro episodi: tre casi avvenuti in una zona centrale della movida milanese, tra le Colonne di San Lorenzo e piazza Vetra nel maggio 2021, e l'ultimo a Vignate, nel Milanese, nel luglio dello stesso anno.

Sulla base delle indagini condotte dagli agenti dell'Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico della Questura di Milano e dei militari della compagnia Carabinieri di Pioltello, è emerso che i tre avrebbero avvicinato le vittime forti "della superiorità numerica e delle minacce" e si sarebbero fatti consegnare soldi, gioielli e altri effetti personali.

La difesa di Baby Gang sostiene che il rapper fosse in un'altra località al momento dei fatti che gli vengono contestati.

382 CONDIVISIONI
Condannato a oltre 4 anni per rapina il trapper Baby Gang
Condannato a oltre 4 anni per rapina il trapper Baby Gang
Baby gang fa una rapina dopo l'altra: una delle vittime è il figlio di un poliziotto
Baby gang fa una rapina dopo l'altra: una delle vittime è il figlio di un poliziotto
La lettera di Baby Gang dal carcere:
La lettera di Baby Gang dal carcere: "Dalla violenza mi può salvare solo la musica"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni