Foto da Twitter
in foto: Foto da Twitter

Una ondata di forte maltempo sta iniziando a interessare in queste ore l’Italia e secondo gli esperti meteo provocherà precipitazioni intense lungo tutto lo stivale. Secondo i meteorologi del sito ilmeteo.it, l’ultima perturbazione richiamerà a sé venti dai quadranti meridionali, più miti e ricchi di umidità, che forniranno quel surplus di energia necessario per il verificarsi di forti precipitazioni. Piove da ieri pomeriggio su buona parte dei settori tirrenici tra Toscana, Lazio e Campania e sulla Sardegna e nelle prossime ore il peggioramento si estenderà al Nord-Ovest, con piogge in Liguria e deboli nevicate a quote progressivamente più basse tra Piemonte e Lombardia. Attesa neve abbondante in particolare sulle province di Novara, Alessandria, Asti, Cuneo, Torino, Biella, Varese, Como, Monza Brianza, Milano, Pavia e Bergamo, con accumuli che potranno essere compresi tra i 10 e i 20 cm. Poi secondo gli esperti meteo l’azione dello Scirocco trasformerà i fiocchi in pioggia, provocando nel pomeriggio di oggi, venerdì primo febbraio, rovesci intensi soprattutto sulla Lombardia Orientale, sull'Emilia Romagna e sul Veneto. Sui settori nord-occidentali potrebbe continuare a nevicare fino alla sera, abbondante quanto meno sui rilievi, ma localmente anche in pianura, risultando l’evento nevoso più importante degli ultimi anni.

Tanta neve e anche pericolo nubifragi – Previste nevicate copiose inoltre su tutti i settori alpini, specialmente quelli centrali ed orientali, con quantitativi anche superiori al mezzo metro sul Trentino Alto Adige e su tutta l'area delle Dolomiti. Tra oggi e domani, sabato 2 febbraio, il maltempo si sposterà rapidamente su tutta l'area tirrenica e sulla Sardegna con possibilità di forti precipitazioni, anche a carattere temporalesco, con pericolo di nubifragi. Massima attenzione tra la Liguria di Levante e l'Alta Toscana dove sono attese piogge abbondantissime, con picchi oltre i 100 millimetri in poche ore. Sabato inoltre la neve continuerà a cadere sui settori alpini, specie su quelli orientali. Solo nel corso della giornata di domenica la situazione andrà migliorando ovunque.