Il fac simile della carta d’identità elettronica sul sito del Governo
in foto: Il fac simile della carta d’identità elettronica sul sito del Governo

L’obiettivo è evitare mesi e mesi di attesa. Per questo motivo è stato approvato un emendamento alla legge di Bilancio con cui si prevede la possibilità per gli utenti di richiedere la carta d’identità elettronica anche alle Poste. Lo scopo è quello di velocizzare le procedure, soprattutto in quei comuni dove ci sono ritardi lunghi, di mesi: l’esempio preso in considerazione è quello di Roma. Gli uffici postali potranno quindi rilasciare la carta d’identità elettronica perché il ministero dell’Interno avrà la facoltà di stipulare convenzioni per semplificare le procedure. L’emendamento è stato presentato dalla Lega e approvato in commissione Bilancio.

I requisiti dei soggetti a cui può far riferimento il Viminale sono in realtà generici ma rispecchiano perfettamente, come spiegato dal sottosegretario Massimo Garavaglia, la struttura di Poste: devono avere una rete di sportelli diffusi su tutto il territorio nazionale e devono essere Identity provider con la qualifica di Certification Authority accreditata dall’Agenzia per l’Italia Digitale. L’emendamento va a modificare l’articolo 59 del ddl, consentendo al ministero di stipulare convenzioni nel limite di spesa di 750mila euro a decorrere dal 2019.

Come funziona oggi la carta d’identità elettronica

Dal primo gennaio 2019 la carta d’identità verrà rilasciata solamente in formato elettronico. Il nuovo documento di riconoscimento viene realizzato in materiale plastico, ha le dimensioni di una carta di credito ed è dotata di elementi di sicurezza e di un microchip a radiofrequenza per memorizzare i dati del titolare. La nuova carta d’identità elettronica può essere utilizzata per richiedere una identità digitale sul sistema Spid (Sistema pubblico di identità digitale) che consente di accedere ai servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni. Si può richiedere alla scadenza della propria carta d’identità (o in caso di smarrimento, furto e deterioramento) nel comune di residenza o di dimora. Per velocizzare le operazioni è possibile prenotare un appuntamento: la carta viene poi spedita direttamente al cittadino entro sei giorni dalla richiesta. La validità della carta d’identità è di 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni, di 5 anni per i minori tra i 3 i 18 anni, di 10 anni per i maggiorenni. Il costo della carta è di 16,79 euro, oltre ai diritti fissi e di segretaria dove sono previsti.