Lutto cittadino a Perugia dove oggi 31 gennaio alle ore 15 sono in programma in cattedrale i funerali di Leonardo Cenci, il presidente dell'associazione Avanti Tutta diventato testimonial a livello nazionale della lotta contro il cancro attraverso lo sport e la solidarietà e morto in ospedale all’età di 46 anni. Il Comune ha anche disposto l'esposizione a mezz'asta della bandiera sulla facciata di palazzo dei Priori e ha invitato gli esercizi commerciali a tenere abbassate le serrande dei propri locali durante i funerali. Alle esequie sarà presente il Gonfalone della città, essendo stato tra l'altro, Cenci iscritto all'Albo d'oro. A celebrare i funerali sarà il vescovo delegato ad omnia monsignor Paolo Giulietti insieme a don Saulo Scarabattoli, parroco della famiglia del fondatore di Avanti Tutta.

“Il nostro Leo è volato in cielo, tra gli angeli. La sua missione sulla terra è terminata”, è quanto Avanti Tutta ha scritto su Facebook per dare la notizie della morte di Cenci. “Di questi sei anni che gli sono stati ‘regalati' dalla malattia – si legge nel post – non ha sprecato neanche un giorno. Con i sogni ai piedi e l'invincibilità nel suo cuore è riuscito a realizzare tanti dei suoi desideri e il resto saranno portati a compimento perché il patrimonio umano e materiale che lui ha creato non andrà disperso”. Leo Cenci era stato insignito dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella come “esempio civile” per il suo impegno nello sport. Il fondatore di Avanti tutta ha corso per due volte la maratona di New York con la malattia in atto.

Il sindaco di Perugia: “Ha saputo dare coraggio a tutti” – “Con Leo se ne va un caro amico, ma soprattutto un uomo che, con il suo esempio e l'attività concreta dell'associazione Avanti Tutta da lui fondata, ha saputo dare speranza e coraggio non solo a tanti malati oncologici, ma a tutti noi”, le parole del sindaco di Perugia, Andrea Romizi. “Quella che ha combattuto da quando gli è stato diagnosticato il cancro – ha aggiunto il primo cittadino – non è stata solo una sua lotta personale contro la malattia, ma la strenua battaglia di un uomo forte, a favore di tanti altri pazienti come lui e dei loro familiari”. Un sentito ringraziamento a Cenci è arrivato anche, tra gli altri, dal vice presidente della Giunta regionale con delega allo sport, Fabio Paparelli: “Il suo straordinario percorso di vita si è sublimato in un messaggio di speranza che va oltre il tempo e lo spazio, e lo sport, con il suo esempio, si è riappropriato di quel valore intimo e universale che porta a superare limiti e fragilità. Nello sport ha sempre trovato quel compagno di strada che lo ha aiutato a competere contro la malattia, andando incontro alla vita con un sorriso da vero campione”.