Conflitto in Ucraina
3 Giugno 2022
06:01
AGGIORNATO03 Giugno

Le notizie del 3 giugno sulla guerra in Ucraina

Cosa è successo nel 100esimo giorno di guerra in Ucraina. Putin offre porti Mariupol e Berdyansk per grano ucraino. Le forze russe occupano attualmente circa il 20% del territorio ucraino. Peskov: "Operazione in Ucraina avanti fino al raggiungimento di tutti gli obiettivi". Kiev: "Non useremo armi statunitensi per attaccare il territorio russo". A Severodonetsk un’altra Azovstal: 800 persone e bambini rifugiati nella fabbrica chimica Azot. Oggi Presidente Senegal incontra Putin per discutere del rilascio delle forniture di grano.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina
03 Giugno
23:12

20 oligarchi fanno ricorso a Corte Giustizia Ue contro le sanzioni: tra loro anche Roman Abramovich

Circa 20 magnate russi, fra cui Roman Abramovich, hanno presentato ricorsi alla Corte di giustizia Ue contro le sanzioni europee, nel tentativo di scongelare i loro asset e ottenere lo sblocco dei loro visti. Lo riporta Politico, precisando che fra i nomi di alto profilo nei documenti compaiono anche Fridman, Aven e Usmanov. L'Ue ha sanzionato Mikhail Fridman, fondatore di Alfa Group, il suo ex partner d'affari Petr Aven, nonché il miliardario russo Alisher Usmanov.

A cura di Annalisa Cangemi
03 Giugno
22:29

Intelligence ucraina: "Centrale Zaporizhzhia situazione critica, carenza pezzi di ricambio"

Secondo l'agenzia di intelligence militare ucraina, la più grande centrale nucleare d'Europa, quella di Zaporizhzhia – nella regione sud-orientale occupata dai russi – sta affrontando una grave carenza di pezzi di ricambio.
"Nell'impianto", ha riferito l'intelligence del ministero della Difesa in una nota, "si è sviluppata una situazione critica in termini di garanzia di operazioni stabili e sicure. Non sono rimasti praticamente pezzi di ricambio e materiali riutilizzabili".
La centrale di Zaporizhzhia è stata occupata dall'esercito russo poco dopo l'inizio dell'invasione del Paese, ma la struttura è ancora gestita da tecnici ucraini.

A cura di Annalisa Cangemi
03 Giugno
22:23

Filorussi Lugansk: "Anche Italia farà parte del tribunale per processi contro nazionalisti ucraini"

Il tribunale internazionale per i processi contro i "nazionalisti ucraini" potrebbe includere rappresentanti di Stati Uniti, Germania, Francia e Italia. È quando ha detto il viceministro degli Esteri della autoproclamata Repubblica popolare di Lugansk, Anna Soroka.
"Il tribunale pubblico internazionale è già avviato e sono presenti esperti internazionali, ci sono gli Stati Uniti e la Germania e la Francia e l'Italia", ha spiegato. "Sono già presenti nel tribunale internazionale che lavora sotto l'egida della Camera civica della Federazione russa", ha aggiunto Soroka. Per i reati commessi, ha spiegato il viceministro, i soldati rischiano "da 15 anni di reclusione fino all'ergastolo". Attualmente, nella autoproclamata repubblica filo-russa di Lugansk è in vigore una moratoria sulla pena di morte.

A cura di Annalisa Cangemi
03 Giugno
21:55

Arcivescovo Kiev: "100 giorni,100 soldati morti al giorno"

"L'Ucraina sta vivendo il 100mo giorno di questa grande guerra che la Russia ha portato nella sofferente terra ucraina. Da cento giorni gli ucraini difendono la propria terra. Da cento giorni gli ucraini frenano l'invasione russa, che con tutte le sue risorse supera ciò con cui possiamo opporle resistenza". Lo dice l'arcivescovo di Kiev, Sviatoslav Shevchuk, nel suo video messaggio quotidiano. "Purtroppo, per ogni giorno di questa resistenza il popolo ucraino paga un prezzo altissimo", sottolinea l'arcivescovo. "Ieri il presidente dell'Ucraina ha ancora una volta ribadito che ogni giorno muoiono almeno 100 soldati ucraini, mentre 400-500 nostri soldati riportano ferite. Il sangue scorre sulla terra ucraina".

A cura di Biagio Chiariello
03 Giugno
21:39

Macron: "Errore storico di Putin, ora è isolato"

Il presidente russo Vladimir Putin a fatto un "errore storico e fondamentale" invadendo l'Ucraina e adesso è "isolato". Lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, in un ‘intervista rilasciata alla stampa regionale. "Penso, e gliel'ho detto, che ha fatto un errore storico e fondamentale per la sua gente, per se stesso e per la storia". Il presidente francese non ha escluso una visita a Kiev in tempi brevi.

A cura di Biagio Chiariello
03 Giugno
21:28

Putin: "Porti Berdyansk e Mariupol potranno esportare grano"

La Russia sta finendo di sminare i porti di Berdyansk e Mariupol sul Mar d'Azov ed e' pronta a offrirli per sbloccare l'export di grano dall'Ucraina. Lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin, in un'intervista alla televisione pubblica. "I porti del Mar d'Azov – Berdyansk, Mariupol – sono sotto il nostro controllo, siamo pronti a garantire un'esportazione senza problemi, compreso del grano ucraino, attraverso questi porti", ha detto il leader russo. "Stiamo finendo i lavori di sminamento", ha aggiunto, "il lavoro e' in fase di completamento, creeremo la logistica necessaria, lo faremo".

A cura di Biagio Chiariello
03 Giugno
20:30

Putin offre porti Mariupol e Berdyansk per grano ucraino

La Russia e' pronta a offrire i porti di Mariupol e Berdyansk per sbloccare l'export del grano in Ucraina. Lo ha reso noto Vladimir Putin, secondo quanto riporta Interfax.

A cura di Biagio Chiariello
03 Giugno
18:58

Arrestato attivista dell'università di Mosca

E' stato arrestato in Russia Dmitry Ivanov, attivista pro-democrazia e studente di informatica titolare di un canale Telegram di protesta all'Università statale di Mosca. Il ragazzo è stato messo in stato di detenzione preventiva e rischia fino a 10 anni di prigione. Il Guardian, che dà la notizia, ricorda che si tratta di uno degli attivisti che ha deciso di non lasciare la Russia.

A cura di Biagio Chiariello
03 Giugno
18:31

Salvini: "Non ho sentito Draghi dopo polemiche per viaggio in Russia"

Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha chiarito di non aver sentito il presidente del Consiglio, Mario Draghi, dopo le polemiche sul suo possibile viaggio in Russia. "No", ha risposto Salvini a precisa domanda nel corso di "Live in Venezia", evento organizzato da Sky Tg24.

A cura di Biagio Chiariello
03 Giugno
18:17

Ong: "Mosca ha rimosso Dvornikov dal comando della guerra"

Il generale Alexander Dvornikov non sarebbe piu' al comando dell'operazione militare russa in Ucraina. Ad affermarlo e' il Conflict Intelligence Team, ong investigativa russa. Al suo posto sarebbe stato nominato il generale Gennady Zhidko, ex comandante del distretto militare orientale e viceministro della difesa di Mosca per gli affari politici. Secondo quanto indicato dall'analista Ruslan Leviev, la rimozione potrebbe essere legata a un "processo di rotazione" dei vertici operativi delle forze armate, "come quello visto in Siria", dato che non risulta al momento che sia la conseguenza
di una gestione ritenuta deludente.

A cura di Biagio Chiariello
03 Giugno
17:54

Fonti Ue, navi europee possono trasportare petrolio per Stati terzi

Le navi europee potranno trasportare petrolio dai porti della Russia a Paesi che non siano dell'Unione. Lo hanno spiegato fonti europee in merito al sesto pacchetto di sanzioni di Bruxelles. Nel testo, a seguito anche del pressing di alcune capitali, Atene in testa, non è previsto un divieto di trasporto di greggio russo da parte di navi battenti bandiera di un Paese Ue. Le stesse fonti tuttavia sottolineano come ci potrebbe essere un problema di assicurazioni. Questo infatti dovrebbe costituire un forte deterrente, trattandosi di un mercato specifico e dato che le prime due delle maggiori compagnie assicurative di questo tipo al mondo sono proprio europee.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
17:40

Primo ministro Ucraina: "Mi appello ad aziende internazionali affinché tornino nel Paese"

"Faccio appello a tutte le aziende internazionali che hanno avuto rapporti con l'Ucraina a riprendere il loro lavoro come hanno fatto la maggior parte delle aziende ucraine. Il vostro ritorno sarà una manifestazione di vera solidarietà verso il popolo ucraino, che oggi lotta per la propria libertà e per un futuro pacifico per l'intera Europa". Lo scrive il primo ministro dell'Ucraina, Denys Smihal, sulla sua pagina Telegram. "L'Unione Europea ha ufficialmente approvato il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia. Le restrizioni stanno finalmente colpendo le importazioni di petrolio russo, il che avrà un impatto significativo sul budget dell'aggressore e sulla capacità di finanziare la guerra. L'Ue prevede di rinunciare al petrolio estratto della Russia entro sei mesi e a tutti i prodotti petroliferi russi entro otto mesi". ha aggunto Smihal. "Siamo grati all'Unione Europea per la decisione. È importante – aggiunge – non fermare la pressione delle sanzioni e continuare a indebolire ulteriormente la Russia in modo che l'aggressore non abbia l'opportunità di continuare la guerra. Oggi, l'unità dell'Europa è più importante che mai per la nostra vittoria comune, per la sicurezza e la pace globali".

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
17:24

Borrell: "Russia ha rubato grano ucraino e ha cercato di venderlo"

"La Russia ha rubato del grano dell'Ucraina e ha cercato di venderlo". Lo ha dichiarato l'Alto rappresentante dell'Ue per la Politica estera, Josep Borrell, in un'intervista all'emittente Al Arabiya. Il capo della diplomazia europea ha ribadito il sostegno alle iniziativa dell'Onu per cercare di liberare i porti ucraino e fare uscire il grano verso i Paesi che ne hanno bisogno. In ogni caso, rispondendo alle preoccupazioni espresse dal presidente dell'Unione africana, ha affermato che "non ci sono divieti all'importazione di cibo dalla Russia".

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
16:59

Ue non riconoscerà passaporti russi delle zone occupate

"L'Unione Europea condanna fermamente i decreti presidenziali russi del 25 e 30 maggio, che semplificano il processo di concessione della cittadinanza russa e il rilascio di passaporti russi ai cittadini ucraini delle regioni di Kherson e Zaporizhzhia, temporaneamente sotto il controllo militare delle truppe di invasione russe, nonché ai
bambini ucraini privi di cure parentali e alle persone legalmente incapaci delle regioni di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia. L'Unione Europea non riconoscerà questi passaporti, emessi come parte della guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina". Lo si legge in una nota.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
16:47

Kuleba: "Ruolo costruttivo dell'Italia"

"Apprezziamo il ruolo costruttivo dell' Italia". Lo scrive su Twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba
"Ho parlato con il mio amico italiano il ministro degli Esteri Luigi Di Maio per aggiornarlo sulla situazione in Donbass, ringraziarlo per il sostegno alla candidatura Ue dell'Ucraina e discutere degli sforzi per sbloccare le esportazioni di cibo dell'Ucraina", scrive ancora su Twitter. "Uniti per fermare questa atroce guerra e trovare la pace", scrive Di Maio.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
16:31

Mosca: "Incontro Putin-Zelensky ora non ha senso"

Rispondendo ai giornalisti che le chiedevano di un eventuale incontro fra Putin e Zelensky, la viceministra degli Esteri russi Zakharova ha detto: "Non vedo il senso di discutere, anche a livello teorico, di questo tema". Poi: "Siamo grati a tutti coloro che offrono la loro mediazione, ma non mi impegnerei a fare dei ragionamenti senza avere dei fatti".

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
16:13

Dall’inizio della guerra sono più di 116mila profughi ucraini che hanno richiesto la protezione in Italia

Dall’inizio della guerra sono più di 116mila profughi ucraini che hanno richiesto la protezione temporanea in Italia. Secondo gli ultimi dati del Viminale sono  precisamente 116.955 gli sfollati che hanno richiesto la protezione temporanea nel nostro Paese. Dallo scoppio della guerra sono entrati nel nostro Paese 127.997 ucraini, 121.124 dei quali alla frontiera e 6.873 controllati dal compartimento Polizia ferroviaria del Friuli Venezia Giulia. Sul totale dei profughi 67.124 sono donne, 19.284 uomini e 41.589 minori. Le città di destinazione dichiarate all'ingresso in Italia sono ancora Milano, Roma, Napoli e Bologna.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
15:55

Perché il Copasir teme che Salvini (o altri) abbiano fornito informazioni segrete a Mosca

Il Copasir ha chiesto al governo una relazione per capire se informazioni top secret sono finite nelle mani di “persone non autorizzate”, cioè il Cremlino.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
15:15

Le nuove sanzioni Ue colpiscono anche la fidanzata di Putin

Sono 65 le personalità e 18 le entità russe colpite dal sesto pacchetto di sanzioni anti-russe. Tra le personalità figurano Alina Kabaeva, compagna di Vladimir Putin, il generale Mikhail Mizintsev, noto come ‘il macellaio di Mariupol' e il colonnello Azatbek Omurbekov, noto come ‘il macellaio di Bucha'.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
15:09

Michel: "L'UE farà di tutto per porre fine alla guerra"

"Nel centesimo giorno della guerra russa in Ucraina il Consiglio Ue ha formalmente adottato il sesto pacchetto di sanzioni, che comprende anche il divieto del petrolio russo. L'Ue è unita e farà tutto il possibile per porre fine a questa guerra disastrosa". Lo scrive in un tweet il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
14:50

Hacker russi hanno attaccato i porti di Genova e Savona

Il sito dell'Autorità di sistema portuale del “Mar Ligure Occidentale”, comprendente Genova e Savona, è stato oggetto di un attacco hacker. Lo ha reso noto la stessa Authority in una breve nota stampa. L'attacco è stato però  respinto grazie al pronto intervento della polizia postale genovese, in collaborazione con i tecnici della stessa autorità portuale e gli esperti di Liguria digitale, che gestisce il sito dell'Adsp. A quanto si apprende, l'attacco sarebbe stato organizzato dal gruppo di attivisti filorussi Killnet che ha già messo nel mirino da ieri i principali scali portuali italiani.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
14:30

Ucraina, Oms: "servono 147,5 milioni di dollari per aiuti umanitari e sanità"

L'Organizzazione mondiale della sanità ha lanciato un appello aggiornato per 147,5 milioni di dollari", con l'obiettivo di "supportare il crescente bisogno umanitario in Ucraina, fornire assistenza sanitaria immediata e aiutare il sistema sanitario del Paese a conservare resilienza a lungo termine". Lo sottolinea l'Oms, in occasione dei primi 100 giorni di guerra.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
14:19

Unione Africana a Putin: noi vittime del conflitto in Ucraina, sbloccare forniture alimentari

Il presidente senegalese Macky Sall, nel ruolo di leader dell'Unione Africana, ha affermato, nel suo incontro con il presidente russo Vladimir Putin, che gli africani sono "vittime" del conflitto in Ucraina a causa degli effetti sugli approvvigionamenti di cereali. Sall ha chiesto a Putin di "rendersi conto che i nostri Paesi, anche se sono lontani dal teatro di guerra, sono vittime a livello economico" della guerra. Sall ha poi dichiarato che le forniture alimentari devono essere "fuori" dal sistema di sanzioni occidentali.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
14:02

Croce rossa: La portata della distruzione in Ucraina sfugge alla comprensione

La portata della distruzione in Ucraina “sfugge a ogni comprensione”, lo ha affermato il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) in una dichiarazione in occasione del 100° giorno del conflitto. Migliaia di persone “vivono con l'angoscia di non sapere cosa è successo ai loro cari”, ha affermato il direttore generale del CICR, Robert Mardini. "Sarebbe difficile esagerare il bilancio che il conflitto armato internazionale in Ucraina ha avuto sui civili negli ultimi 100 giorni. L'entità della distruzione nelle città sfugge alla comprensione. Case, scuole e ospedali sono stati distrutti ei civili hanno subito gli orrori del conflitto, con vite perse e famiglie distrutte" ha detto Mardini, esortando tutte le parti a consentire l'accesso ai prigionieri di guerra, aggiungendo che “mentre abbiamo potuto visitare alcuni prigionieri di guerra, le parti devono ancora darci accesso a tutti loro. E alcuni non bastano”.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
13:43

Lukashenko: Pronti a discutere passaggio grano da Bielorussia ma servono compromessi

Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko si è detto "pronto" a discutere della possibilità che il grano bloccato in Ucraina possa essere esportato attraverso il territorio bielorusso. "Ora tutti stanno valutando la logistica. Va bene, ne possiamo parlare", ha affermato Lukashenko intervistato da "Belarus Today". Parlando del grano ucraino ha detto che "ci va bene portarlo attraverso la Bielorussia, ma ci devono essere dei compromessi".

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
13:16

Zelensky: "Da 100 giorni difendiamo il Paese, vittoria sarà nostra"

‘Sono cento giorni che difendiamo l'Ucraina. La vittoria sarà nostra". Lo ha dichiarato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un videomessaggio diffuso in occasione del centesimo giorno dall'inizio dell'aggressione militare russa. Affiancato, tra gli altri, dal primo ministro ucraino Denys Shmyhal e dal consigliere presidenziale Mykhaylo Podolyak, Zelensky ha affermato che il suo esercito respingerà l'invasione russa.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
12:44

Peskov: "Operazione in Ucraina avanti fino agli obiettivi previsti"

La Russia ha ottenuto "alcuni risultati nella sua operazione militare speciale in Ucraina: i militanti della formazione nazionalista Azov si sono arresi a Mariupol e la liberazione del Donbass è stata portata avanti in modo coerente" e continuerà fino al raggiungimento di tutti gli obiettivi. Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, come riporta la Tass. "Un buon numero di località sono state liberate dalle forze armate ucraine filo-naziste e la gente può iniziare a riportare la propria vita alla normalità. Questi sforzi continueranno fino al raggiungimento di tutti gli obiettivi dell'operazione militare speciale tra cui la denazificazione e la smilitarizzazione dell'Ucraina", ha dichiarato Peskov.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
12:30

100 giorni di guerra, il generale Tricarico a Fanpage.it: "Serve zona cuscinetto nell'est dell'Ucraina

Il generale Leonardo Tricarico a Fanpage.it: “Oggi come 100 giorni fa lo status del Donbass continua a rappresentare il fulcro di qualsiasi negoziato, che dovrebbe avere due obiettivi: affermare l’integrità territoriale ucraina e contemplare una zona ‘cuscinetto’ nei territori orientali del Paese, ai quali andrebbe riconosciuta una larga autonomia da Kiev”.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
12:17

Mosca: "Russia sospende cooperazione su sicurezza nucleare con Norvegia"

La Russia ha sospeso la cooperazione con la Norvegia nel campo della sicurezza nucleare a causa della "linea ostile" adottata da Oslo nei confronti di Mosca. Lo ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, in conferenza stampa. "In connessione con la linea ostile occupata dal Regno di Norvegia nei confronti del nostro Paese dopo l'inizio di un'operazione militare speciale in Ucraina, l'adesione di Oslo alle sanzioni anti-russe dell'Unione Europea e i tentativi di esercitare pressioni economiche e politiche sul nostro Paese, è stato deciso di sospendere la cooperazione con la Norvegia nel campo della sicurezza nucleare e dalle radiazioni", ha affermato Zakharova.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
11:58

Kiev: "La centrale di Zaporizhzhya in situazione critica"

"I russi hanno causato una situazione critica nel funzionamento della centrale nucleare di Zaporizhzhya per mancanza di pezzi di ricambio dopo che hanno lasciato la centrale al termine dell'occupazione. Lo sostiene, secondo Ukrinform, la direzione principale dell'intelligence del ministero della Difesa ucraino su Telegram. Secondo l'intelligence, un proiettile sparato dai russi durante l'occupazione della centrale è esploso vicino a una delle unità di potenza provocando una perdita d'olio. Il danno è stato riparato, ma il personale è stato costretto a riempire il circuito con olio usato.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
11:46

Media: Lavrov sarà in Serbia lunedì

Il ministro degli esteri russo Serghiei Lavrov sarà in visita in Serbia il 6 e 7 giugno. A darne notizia sono i media a Belgrado, che citano la portavoce del ministero degli esteri russo Maria Zakharova. Lavrov avrà colloqui con il presidente serbo Aleksandar Vucic, con il collega ministro degli esteri Nikola Selakovic, con il presidente del parlamento Ivica Dacic e con il patriarca serbo ortodosso Porfirije. I temi in agenda la collaborazione bilaterale tra Mosca e Belgrado, la situazione nei balcani e le principali questioni dell'attualità internazionale.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
11:28

Ministro della Difesa ucraino: la Russia costruisce difese a Kherson per stabilizzare il fronte

Il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov ha affermato che il Cremlino sta cercando di portare la guerra in una "fase prolungata" costruendo difese a strati nelle regioni occupate nel sud del paese. "Il Cremlino sta cercando di portare la guerra in una fase prolungata", ha riferito Reznikov,aggiungendo: "Invece di avanzare, gli eserciti russi stanno costruendo difese a strati" nelle regioni occupate del sud, principalmente Kherson.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
11:12

Kiev accusa la Turchia: compra dai russi grano rubato in Ucraina 

L'ambasciatore di Kiev ad Ankara ha affermato che la Turchia è tra i paesi che stanno acquistando grano che la Russia ha rubato all'Ucraina. Reuters riferisce che l'ambasciatore Vasyl Bodnar ha anche detto ai giornalisti di aver chiesto aiuto alle autorità turche e all'Interpol per indagare su chi è coinvolto nelle spedizioni di cereali in transito nelle acque turche. Le forze russe hanno riaperto il porto di Mariupol, avendo occupato completamente la città e sminato le acque che la circondano e ora hanno creato un percorso per le navi mercantili

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
10:51

Mosca: "Pronti a dialogo ma serve rispetto" 

La Russia è pronta "a dialogare su qualsiasi questione, ma ci deve essere il rispetto": lo ha affermato il vice presidente del Consiglio di Sicurezza russo, Dmitry Medvedev, in una intervista a Al Jazeera. "Abbiamo cercato un accordo attraverso la diplomazia sulle questioni riguardanti l'Ucraina, cosi' come sulle questioni inerenti alle relazioni con la Nato e la sicurezza. Non è successo niente. Nessuno ci ascolta. Gli americani non ci ascoltano, gli europei non ci ascoltano. E seguono il proprio corso. Ma cosi' gli sforzi diplomatici svaniscono e gli eventi prendono una piega diversa. Vengono prese decisioni simili a quelle prese dal nostro presidente il 24 febbraio, la decisione di iniziare un'operazione militare speciale", ha osservato Medvedev.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
10:37

Von der Leyen: "100 giorni di guerra ingiustificata, Ue è con Kiev"  

"Cento giorni fa la Russia ha scatenato la sua guerra ingiustificata contro l'Ucraina. Il coraggio degli ucraini richiede il nostro rispetto e la nostra ammirazione. L'Ue è con l'Ucraina". Lo ha scritto su Twitter la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, annunciando che "oggi a Parigi parlerò con Emmanuel Macron il sostegno attuale e futuro dell'Ue al Paese".

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
10:18

Come funziona il letale sistema lanciarazzi HIMARS che gli USA consegneranno all’Ucraina

Tra i nuovi aiuti militari che gli Stati Uniti forniranno all’Ucraina figurano anche i sistemi d’arma HIMARS, lanciarazzi precisi e letali. Ecco come funzionano.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
10:14

Kiev: "Non useremo armi statunitensi per attaccare il territorio russo"

Il consigliere della presidenza ucraina Mykhailo Podolyak ha affermato che Kiev non intende utilizzare armi statunitensi per attaccare il territorio russo, e che, suggerire che potrebbero farlo, fa parte della campagna di disinformazione di Mosca. “Compito numero uno oggi per la Russia – minare la fiducia tra Ucraina e Stati Uniti. L’Ucraina sta conducendo una guerra difensiva e non prevede di utilizzare i Mlrs (sistemi missilistici avanzati) per attaccare le strutture in Russia. I nostri partner sanno dove vengono utilizzate le loro armi”, ha scritto Podolyak su Twitter.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
10:05

A Severodonetsk un’altra Azovstal: 800 persone e bambini rifugiati nella fabbrica chimica Azot

A Severodonetsk, una delle città obiettivo dei russi, centinaia di persone si sono rintanate nella fabbrica Azot dove sono rimasti ora bloccati dall’avanzata russa.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
09:43

Kiev: "Bombe nella notte sulla regione di Kharkiv, un morto"

Una persona è stata uccisa la notte scorsa in seguito a bombardamenti russi sulla regione di Kharkiv, nel nordest dell'Ucraina: a renderlo noto l'amministrazione militare regionale, secondo quanto riporta l'agenzia Unian. Nella città è stato colpito un edificio amministrativo e non si registrano vittime, mentre nel villaggio di Tsirkuny alcune case sono state distrutte e un civile ha perso la vita. Altre sei persone sono rimaste ferite.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
09:38

Medvedev: "La Russia è pronta ad aprire un dialogo su tutto, ma pretende rispetto"

"Il nostro Paese non si è mai escluso dai contatti internazionali. Siamo pronti a parlare". A dirlo il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev in un'intervista ad Al Jazeera, ripresa da Interfax. La Russia, afferma Medvedev, è pronta "a condurre un dialogo su qualsiasi questione, ma deve essere basato sul rispetto", deve "tenere conto della sovranità e delle preoccupazioni russe" e "cercare di fornire una sicurezza indivisibile".

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
09:03

Intelligence UK: "Nelle prossime 2 settimane i russi controlleranno tutta la regione di Lugansk"

La Russia controlla oltre il 90% della regione di Lugansk, nell'Ucraina orientale, e probabilmente salirà al 100% nelle prossime due settimane: lo scrive l'intelligence britannica nel suo aggiornamento quotidiano sulla situazione nel Paese. Il dossier, pubblicato dal ministero della Difesa su Twitter, sottolinea tuttavia che il successo nel Lugansk è costato caro a Mosca in termini di risorse. Tanto che la Russia non è stata in grado di avanzare su altri fronti o assi, dove le truppe sono passate sulla difensiva.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
08:46

Kiev: "I russi hanno commesso oltre 22mila crimini di guerra"

Nei primi cento giorni di guerra le autorità ucraine nel loro insieme hanno registrato 22.678 crimini commessi dalle forze russe di diversa gravità, ora agli atti della speciale unità della magistratura creata appositamente per indagare simili reati. Secondo gli ultimi dati della procura generale, per i reati di aggressione e crimini di guerra sono stati registrati 15.446 delitti. Di questi 14.935 riguardanti la violazione delle leggi e dei costumi di guerra, 59 riguardanti la pianificazione, preparazione o inizio e conduzione di una guerra aggressiva, 18 riguardanti la propaganda di guerra, 434 di altro genere. Gli investigatori hanno registrato anche 7.232 reati contro la sicurezza nazionale, di cui 4.941 violazione dell'integrità territoriale e inviolabilità dell'Ucraina, 1.037 per tradimento, 923 per collaborazionismo, 36 per una qualche sorta di supporto alla Russia, 6 per atti di sabotaggio.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
08:20

Gli USA: "Putin ha un cancro". Cosa sappiamo sulle condizioni di salute del leader russo

Secondo un presunto rapporto riservato dei servizi segreti americani ad aprile Vladimir Putin sarebbe stato curato per un tumore in stadio avanzato.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
08:15

Medvedev: "Gli USA hanno dichiarato una guerra per procura alla Russia"

Gli Stati Uniti, in risposta alla "operazione speciale" della Russia in Ucraina, hanno dichiarato una guerra per procura contro Mosca, fornendo armi a Kiev. Lo ha detto ieri sera il vice presidente del Consiglio di sicurezza ed ex capo di Stato russo Dmitrij Medvedev, citato dall'agenzia di stampa "Ria Novosti". "In risposta alla nostra operazione militare speciale, i Paesi della Nato, guidati dagli Stati Uniti d'America, ci hanno dichiarato una cosiddetta guerra per procura, che consiste nel fornire all'Ucraina un'enorme quantità di armi", ha sostenuto Medvedev. Secondo l'ex presidente, Washington sta cercando in tutti i modi di mantenere in Ucraina una "frenesia militaristica" volta a combattere "fino all'ultimo ucraino".

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
08:10

Dieci cose che dovremmo aver capito dopo 100 giorni di guerra in Ucraina

Era il 24 febbraio, 100 giorni fa, quando Putin decise di rompere gli indugi invadendo l’Ucraina. Quel giorno, la nostra percezione del mondo è cambiata per sempre. Ma il mondo era già cambiato da tempo, senza che ce ne fossimo accorti. L'editoriale del direttore di Fanpage.it Francesco Cancellato.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
07:47

Medvedev: "Revocare le sanzioni alla Russia per abbassare il prezzo del cibo"

"Le sanzioni alla Russia devono essere revocate per abbassare i prezzi alimentari globali": a dirlo il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev in un'intervista alla televisione Al Jazeera del Qatar, secondo la Tass. "Il tentativo occidentale di incolpare la Russia per la crisi alimentare globale è una bugia e la revoca delle sanzioni sarà sufficiente per abbassare i prezzi alimentari", ha detto Medvedev. "Per migliorare la sicurezza alimentare in tutto il mondo, per ottimizzare la situazione alimentare, dobbiamo rinunciare alle sanzioni reciproche e i prezzi inizieranno a diminuire", ha affermato.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
07:40

Gli Stati Uniti dicono che la guerra in Ucraina durerà ancora molti mesi

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha spiegato che, stante la situazione sul campo di battaglia, la guerra dovrebbe durare “ancora molti mesi”. “Potrebbe finire domani se la Russia scegliesse di porre fine all’aggressione ma non vediamo alcun segno di questo al momento”.

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
07:08

Zelensky: "Resistiamo a Severodonetsk, grazie agli USA per le nuove armi"

Le forze armate ucraine hanno conseguito alcuni successi combattendo i russi nella città di Severodonetsk, ma la situazione militare complessiva nella regione del Donbass non è mutata nelle ultime 24 ore. A dirlo il presidente Volodymyr Zelensky nell'ultimo video-messaggio diffuso in serata.  Il leader ucraino, riferiscono i media locali, ha ringraziato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per la promessa di nuove armi e ha detto di "aspettarsi buone notizie" sulle forniture "anche da altri partner".

A cura di Davide Falcioni
03 Giugno
06:55

Cosa succederà all’economia russa con l’embargo sul petrolio dell’Unione Europea

L'embargo europeo al petrolio russo peserà sull'economia di Mosca in modo significativo. Secondo diverse stime (da quella di Bloomberg, a quella del Wall Street Journal, passando per Reuters), il blocco alla vendita del greggio stabilito dal sesto pacchetto di sanzioni dell'Ue, vale per il Cremlino tra i 20 e i 60 miliardi di dollari di introiti in meno ogni anno. Una cifra enorme, che la Russia potrà riuscire a compensare solo in parte, grazie all'aumento dei prezzi degli ultimi mesi e alla crescita del suo export in Asia.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
06:42

Ue vara nuove sanzioni alla Russia, escluso patriarca Kirill

È stato adottato dalla riunione degli ambasciatori dell'Ue il sesto pacchetto delle sanzioni alla Russia, che prevede l'embargo graduale al petrolio.
Dalla lista dei sanzionati esce il patriarca della Chiesa ortodossa Kirill, come chiesto dall'Ungheria. Le nuove sanzioni vedono la luce verde, dopo un mese di discussioni e rinvii. L'approvazione formale avverrà mediante procedura scritta, con scadenza domani mattina.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
06:28

Osce: nuova indagine su crimini Bucha

Durante la riunione del Consiglio permanente dell'Osce, una cordata di 44 Paesi (su 56) ha nuovamente invocato l' obbligo di istituire in seno all'Osce una missione di raccolta prove su casi di crimini di guerra e violazione dei diritti umani in Ucraina. Una missione dello stesso genere era già stata portata a termine in aprile con un report che indicava la presenza di "chiare evidenze di violazioni diritti umani", ma i dati presi in analisi non comprendevano Bucha e Irpin.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
06:13

Il missile russo Yars spaventa il mondo

Potenti missili balistici equipaggiati con testate termonucleari e in grado di colpire fino a 10mila chilometri di distanza. Sono i missili RS-24 Yars, testati delle forze armate russe nelle esercitazioni delle ultime ore a Ivanovo, a nord-est di Mosca. Un'arma con queste caratteristiche spaventa il mondo, catalizzando l'attenzione delle principali capitali occidentali.

A cura di Antonio Palma
03 Giugno
06:03

Russia-Ucraina, le news di oggi 3 giugno sulla guerra

Nel centesimo giorno di guerra in Ucraina, le forze russe continuano l'offensiva nel Donbass. L'esercito russo accupa attualmente circa il 20% del territorio ucraino e le linee del fronte della battaglia si estendono per oltre 1.000 km in particolare nel sud est. Kiev: riconquistai 8 chilometri di territorio occupato a Kherson. Stoltenberg (Nato): Occidente si prepari a guerra lunga in Ucraina". Oggi Presidente Senegal incontrerà Putin per discutere del rilascio delle forniture di grano. Via libera ambasciatori Ue a sesto pacchetto sanzioni.

A cura di Antonio Palma
2861 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni