137 CONDIVISIONI
7 Aprile 2017
07:06
AGGIORNATO07 Aprile

Gli USA attaccano la Siria: lanciati 59 missili sulla base dei raid chimici

137 CONDIVISIONI

Il bombardamento americano nella base aerea siriana di Al Shayranel è "vitale interesse della sicurezza" degli Stati Uniti, ha affermato Trump "Nessun bambino deve soffrire, come stanno soffrendo quelli siriani". Damasco conferma l'attacco: "E' un'aggressione, ci sono state vittime".

In evidenza
07:06

Usa lanciano 60 missili contro una base aerea in Siria

Gli Stati Uniti hanno lanciato circa 60 missili Tomahawk verso la base aerea siriana di Al Shayrat, quella da dove sarebbero partiti i jet di Bashar al Assad che hanno portato alla strage di Khan Sheikhoun in cui sono morte più di 80 persone, fra cui 28 bambini, e le cui immagini sono ancora vive dagli agli occhi del mondo.

La tv di Stato siriana ha confermato l’attacco missilistico americano, definendolo  una "aggressione" che ha “provocato 15 vittime, di cui nove civili, tra cui quattro bambini". L'orario indicato dell'impatto è delle 20.45 ora di Washington (le 2,45 in Italia), le prime ore del mattino in Siria. Secondo l'agenzia ufficiale siriana Sana, i missili statunitensi non hanno colpito solo la base militare ma anche abitazioni civili nei villaggi circostanti.

 

Poi è arrivato l'annuncio del Presidente americano: "Questa sera ho ordinato un attacco mirato contro la base da cui è partito l'attacco chimico. E' un interesse vitale degli Stati Uniti prevenire e fermare la diffusione e l'uso di armi chimiche mortali", ha detto Trump che era a cena con il presidente cinese Xi Jinping, nel resort di Mar-a-Lago in Florida. La Siria, ha aggiunto, "ha ignorato gli avvertimenti del Consiglio di sicurezza dell'Onu" perché "non si possono discutere le responsabilità della Siria nell'uso delle armi chimiche". E ancora: "Nessun bambino dovrebbe soffrire" come hanno sofferto quelli siriani.

E si è poi rivolto "a tutte le nazioni civilizzate" per chiedere di interrompere il bagno di sangue in corso: "Il mondo – ha detto Trump – si unisca agli Usa per mettere fine al flagello del terrorismo".

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
17:15

Le immagini della base siriana distrutta dai missili Usa

A cura di Antonio Palma
07 Aprile
14:56

Siria, Consigliere Assad: "Risponderemo all'aggressione degli USA"

Buthayna Shaaban, consigliere politico del presidente siriano Bashar al Assad promette che "la Siria e i suoi alleati risponderanno in maniera appropriata a quest'aggressione". Intervistata dalla tv panaraba al Mayadin, vicina all'Iran, Shaaban ha assicurato che "il coordinamento tra Damasco e suoi alleati (la Russia e l'Iran) continua".

In precedenza, Assad aveva definito il comportamento degli Usa "spericolato, irresponsabile e sciocco". Nel comunicato dello staff del presidente siriano è stato poi sottolineato che "questa aggressione ha aumentato la determinazione della Siria a colpire i terroristi, a continuare a schiacciarli, ad aumentare il ritmo dell'azione" contro di loro dice ancora Assad. Con il termine terroristi il regime di Assad indica da sempre non solo i gruppi terroristici, ma i ribelli in genere.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
14:53

Mogherini: "Attacco USA comprensibile, ma non ci sarà soluzione militare"

L'Alto rappresentante per la politica estera, Federica Mogherini, ha definito il bombardamento americano in Siria "comprensibile", ma ha evidenziato che "non ci sarà soluzione militare al conflitto". L'Unione europea ritiene che "solo una soluzione politica credibile" potrà assicurare "la pace e la stabilità in Siria e permettere una sconfitta decisiva di Daesh e di altri gruppi terroristi".

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
14:32

Tv siriana: "Quindici le vittime, tra cui quattro bambini, nell'attacco USA"

La tv di Stato siriana ha confermato l'attacco missilistico statunitense che nel cuore della notte ha colpito una serie di obiettivi militari all'interno del Paese mediorientale, definendo l'attacco una "aggressione" che ha anche provocato vittime. Come riferito dall'agenzia di stampa ufficiale siriana Sana, tra le vittime ci sono – oltre a sei militari della base – anche nove civili, tra cui quattro bambini. Il bilancio complessivo è dunque di 15 vittime.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
13:03

Mosca irride gli Usa: "Raid in Siria è stato un flop: solo 23 missili su 59 a bersaglio"

Secondo i dati a disposizione delle autorità di Mosca, "la base aerea siriana" di Shayrat, colpita dal bombardamento americano "è stata raggiunta solo da 23 missili" e "il luogo in cui sono caduti gli altri 36 missili da crociera è sconosciuto": lo ha dichiarato il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, sottolineando che stando a queste cifre "l'efficacia bellica del massiccio attacco missilistico americano alla base siriana è estremamente bassa".

Konashenkov ha poi sottolineato che, secondo i dati delle forze armate siriane, in seguito all'attacco americano contro la base siriana di Shayrat, "due militari siriani sono considerati dispersi, quattro sono morti e sei hanno ustioni conseguite nel corso dell'estinzione degli incendi". Il bombardamento avrebbe distrutto anche sei caccia Mig-23, una stazione radio e altre strutture.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
12:28

Cremlino parla di "aggressione degli USA contro un nostro alleato"

La Russia considera il bombardamento degli Usa alla base dell'aviazione siriana "un atto di aggressione nei confronti di una nostro alleato". Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov, come riportato dalla Tass. La Russia "è stata avvisata" dell'attacco missilistico americano in Siria "attraverso i canali esistenti" ha aggiunto Peskov, che poi ha evitato di rispondere alla domanda se Mosca aumenterà la sua presenza militare in Siria. "Solo il presidente Putin può disporre l'aumento delle truppe russe in Siria", ha detto. Lo riporta la Tass.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
11:46

Gentiloni: "Assad è responsabile di un crimine di guerra in Siria"

L'intervento americano della notte scorsa si è sviluppato contro "la base aerea da cui sono partiti gli attacchi con uso di armi chimiche. Un crimine di guerra il cui responsabile è il regime di Bashar Al-Assad e credo che le immagini di morte e sofferenza viste nei giorni scorsi sono immagini che non possiamo accettare". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. "Ho avuto colloqui con il presidente Hollande e la cancelliera Merkel: abbiamo condiviso che l'Europa contribuisca nella direzione della ripresa del negoziato" continua il premier. "Credo che una soluzione duratura vada ricercata nel negoziato, che deve comprendere tanto le forze di opposizione quanto quelle del regime, sotto l'egida delle Nazioni Unite con il ruolo costruttivo della Russia" ha detto ancora Gentiloni.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
11:01

La reazione dell'Italia: attacco Usa è la risposta ad una "inaccettabile impunità", dice Alfano

 L'Italia "comprende" le ragioni dell'azione militare Usa in Siria come "risposta a un inaccettabile senso di impunità nonché quale segnale di deterrenza verso i rischi di ulteriori impieghi di armi chimiche da parte di (Bashar al) Assad, oltre a quelli già accertati dall'Onu". E' arrivato dunque a distanza di qualche ora il commento del ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Angelino Alfano, sull'attacco Usa in Siria.

"Gli attacchi aerei a Khan Sheikhoun del 4 aprile scorso sono stati spietati per il loro carico di vite umane, inclusi molti bambini, e per la loro efferatezza. Sono atti vili che l'Italia e l'Unione europea hanno condannato fermamente e che si sommano alle ripetute violazioni del cessate il fuoco da parte di Assad e delle atroci violenze ai danni dei civili nei confronti dei quali le sue forze armate si sono più volte rese responsabili", ha detto Alfano, precisando che il governo segue con la massima attenzione gli sviluppi nel Mediterraneo, tenuto conto dei suoi molteplici e diretti interessi alla sicurezza e alla stabilità della regione.

"E' ora necessario e urgente riattivare la piena funzionalità del Consiglio di sicurezza e pervenire all'adozione di una risoluzione consensuale onde identificare responsabilità e scongiurare nuove atrocità", ha aggiunto il titolare della Farnesina, sottolineando che "l'Italia quale membro del Consiglio di sicurezza l'Italia continuerà ad adoperarsi a tal fine".

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
10:50

Russia contro USA dopo l'attacco: "Avete deciso raid in Siria prima della strage dei bambini"

"Gli Usa avevano deciso di attaccare la Siria già prima" della strage avvenuta tre giorni fa nella provincia siriana di Idlib per un presunto attacco con armi chimiche di cui sarebbero responsabili le truppe di Damasco: lo sostiene il ministero degli Esteri russo, secondo cui il massacro di oltre 80 persone, tra cui molti bambini, è stata per gli americani solo "un pretesto".

"L'Isis adesso applaude gli Stati Uniti, che di fatto gli hanno garantito una tregua e un rafforzamento": lo ha detto il presidente della Duma, Viaceslav Volodin, commentando l'attacco voluto da Trump contro la base delle forze aeree siriane. "Tutti i passi precedentemente fatti in Siria dalla Russia e da coloro che sostenevano questi passi, anche dagli stessi Stati Uniti, che hanno partecipato a questo dialogo, erano mirati all'eliminazione proprio di questo ‘Stato terroristico'. Adesso questi attacchi cancellano tutto".

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
10:44

Turchia: "Possono esserci nuove ondate di migranti dalla Siria"

 "Possono esserci nuove ondate di migranti. Il numero di sfollati in Siria è molto alto. Creare una ‘safe zone' in Siria è più importante che mai". Lo ha detto il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, che poi è intervenuto anche più nello specifico sulla drammatica situazione in Medio Oriente. In Siria "deve essere stabilito un governo di transizione senza Assad. Deve essere rimosso il più presto possibile". Cavusoglu ha quindi confermato il sostegno di Ankara all'intervento Usa.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
10:18

Quando Trump twittava: “Mai attaccare la Siria, sarebbe un disastro"

"Se Obama attaccherà la Siria ferendo e uccidendo civili innocenti, lui e gli Stati Uniti sembreranno davvero cattivi". Parola di Donald Trump il 30 agosto del 2013. Il Presidente degli Stati Uniti era Barack Obama ed era sul punto di intervenire in Siria perché Assad aveva gassato i civili a Ghouta. Il suo futuro successore alla Casa Bianca manifestava con questa serie di tweet la sua palese contrarietà all'intervento in Medio Oriente.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
09:53

La reazione della Russia: sospesa cooperazione militare con Usa nello spazio aereo siriano

Dopo l'attacco americano in Siria, la Russia ha deciso di sospendere il memorandum con la coalizione a guida americana per la prevenzione degli incidenti e sulla garanzia della sicurezza dei voli durante l'operazione in Siria: lo riferisce il ministero degli Esteri russo.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
09:51

Nato: "Siamo stati informati prima dell'attacco Usa"

La Nato rimanda alle autorità degli Stati Uniti per quanto riguarda commenti agli attacchi in Siria. Lo riferisce un funzionario dell'Alleanza Atlantica, aggiungendo di "poter confermare che il Segretario generale, Jens Stoltenberg, è stato informato dal Segretario alla Difesa americano, James Mattis, prima degli attacchi".

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
09:26

Siria: "Abbiamo subito sei morti nell'attacco USA"

Sarebbero sei i morti nell'attacco missilistico americano contro la base siriana di Shayrat. Lo ha affermato l'esercito siriano. In precedenza l'Osservatorio siriano dei diritti umani aveva parlato di 4 morti, tra i quali un generale di brigata aerea.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
09:15

Anche Turchia e Australia appoggiano gli USA: "Attacco giusto". Le Pen invece è "stupita"

La Turchia "giudica positivamente" il raid americano in Siria. Il vicepremier Nurman Kutulmus alla Fox Tv turca, ha appoggiato la scelta di Trump in risposta alle "barbarie" del presidente Assad, che la Turchia ha accusato di essere responsabile dell'attacco chimico. Anche il premier australiano, Malcolm Turnbull, ha definito "giusto e rapido" il bombardamento americano. "È stata una risposta calibrata, proporzionata, con un obiettivo", ha sottolineato Turnbull in una conferenza stampa a Sydney.

Chi invece manifesta perplessità è la leader dell'estrema destra francese Marine Le Pen che si dice "stupita"della scelta del presidente Usa di lanciare missili contro la base aerea siriana: "L'America assume di nuovo il ruolo di gendarme del mondo" ha detto Le Pen.

 
A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
08:51

Mogherini: "Ue avvisata sulla decisione di Trump di attaccare la Siria"

L'Ue "era stata informata della probabilità di un'imminente svolta degli Stati Uniti". Lo dice una portavoce dell'alto rappresentante per la politica Estera Ue spiegando che Federica Mogherini ha seguito durante la notte gli eventi con i servizi diplomatici dell'Ue al lavoro. "L'Ue sta coordinando gli Stati membri" prosegue la fonte ed "è in contatto con Stati Uniti e Nazioni Unite".

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
08:08

Il bombardamento Usa in Siria ha provocato almeno quattro morti

Almeno quattro soldati siriani sono rimasti uccisi nell'attacco americano contro la base militare di Shayrat, a sud est di Homs, in Siria. Lo riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani in Siria, aggiungendo che nei raid sono stati danneggiati una decina di hangar, un deposito di carburante e una base di difesa aerea. La base militare siriana sarebbe stata comunque evacuata prima dell'attacco missilistico.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
07:50

Il momento del lancio dei missili americani contro la Siria

 

Gli Stati Uniti hanno lanciato 59 missili verso la base aerea siriana da cui si presume sia partito l'attacco con armi chimiche nella provincia di Idlib. Si tratta di missili ‘Tomahawk', lanciati da due navi americane di stanza nel Mediterraneo.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
07:38

Missili Usa sulla Siria: "Un attacco mirato contro la base dei raid"

L'attacco missilistico è stato definito "mirato": "Ho ordinato che venisse colpita la base dalla quale è partito il raid chimico" ha detto chiaramente Trump. Il Pentagono ha poi precisato che il bombardamento sulla Siria è stato condotto utilizzando 59 missili Tomahawk lanciati dai cacciatorpediniere USS Porter e USS Ross nel Mediterraneo orientale. Gli USA hanno definisco quest'attaco "risposta proporzionata" all'attacco chimico e fa sapere che l'attacco Usa contro la base aerea in Siria ha "ridotto la capacità del governo siriano di utilizzare armi chimiche". Stando ad un comunicato della Difesa americana secondo indicazioni iniziali l'attacco ha severamente danneggiato o distrutto velivoli siriani e strutture di supporto e attrezzature presso la base aerea di Shayra. Il maggiore Jamil al-Saleh, a capo di un gruppo ribelle sostenuto dagli americani nella città centrale di Hama, ha confermato che il lancio di missili americani ha preso di mira la base aerea da cui è partito il raid effettuato con armi chimiche.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
07:28

Anche Israele sta con gli USA e condanna Assad: "Attacco giusto"

Anche Israele condanna il governo di Assad per quanto accaduto martedì: "I due attacchi avvenuti a Idlib, quello chimico omicida sui civili e quello all'ospedale locale, sono stati condotti su ordine diretto e dietro progettazione del presidente siriano Bashar Assad, mediante aerei da combattimento siriani", ha detto il ministro della Difesa israeliana Avigdor Lieberman in un'intervista al giornale Yediot Ahronot. "Israele supporta pienamente la decisione del presidente Trump", ha poi affermato un comunicato dell'ufficio del premier israeliano Benjamin Netanyahu in seguito all'attacco missilistico Usa sulla Siria.

A cura di Biagio Chiariello
07 Aprile
07:18

Russia: "Azione sconsiderata da parte degli USA". Trump: "Mosca avvertita"

Il Comitato di Difesa della Duma di Stato (la Camera bassa) russa afferma che l'attacco missilistico degli Stati Uniti contro la Siria rischia di incrinare i rapporti tra Mosca e Washington, nonché portare a un ampliamento dei conflitti armati in Medio Oriente. Lo riportano i media russi. "Queste sono azioni irresponsabili, sconsiderate", recita una nota ufficiale. Mosca chiede con urgenza che si riunisca il Consiglio di sicurezza dell'Onu.

Prima di colpire, riferiscono fonti del Pentagono ai media Usa, Trump avrebbe comunque avvertito i russi. "Non avevamo nessuna intenzione di colpire i loro aerei" ha detto un funzionario anonimo al New York Times.

A cura di Biagio Chiariello
137 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni