in evidenza 27 maggio 02:31 Europee, trionfa Salvini: Lega oltre il 34%. I dati circoscrizione per circoscrizione

La Lega trionfa alle elezioni europee. La terza proiezione dell’istituto Swg per La7 conferma il primato del Carroccio, che arriva al 34,1%. Nettamente staccato il Partito Democratico con il 22%, poi il Movimento 5 Stelle al 18%, Forza Italia all’8,5%, Fratelli d’Italia al 6,5%, +Europa – Italia in Comune al 3,2%, Europa Verde al 2,4% e La Sinistra all’1,7%. La stessa proiezione prevede anche i seggi che ogni partito conquisterebbe a Bruxelles: sarebbero 28 per la Lega, 18 per il Pd, 15 per il M5s, 6 per Forza Italia, 5 per Fratelli d’Italia. I dati vengono confermati – con minime variazioni – anche dalle proiezioni del Consorzio Opinio per la Rai e da quelle di Tecnè per Mediaset. Per quanto riguarda l'affluenza, invece, il dato finale è del 56,08%, in leggero calo rispetto a cinque anni fa quando fu del 58,66%.

L’istituto Swg ha fornito per La7 anche i dati delle elezioni europee, sulla base delle proiezioni, suddividendoli circoscrizione per circoscrizione. Partiamo dal Nord, dove la Lega ha quasi venti punti di vantaggio su tutti gli altri partiti. Al Nord Ovest la situazione è: Lega al 41%, Pd al 23,4%, M5s 11,5%, Fi all’8,4%, Fdi 5,6%, +Europa 3,2%, Europa Verde 2,4% La Sinistra 1,4%. Al Nord Est invece: Lega al 41,3%, Pd al 23%, M5s al 10,7%, Fdi al 5,8% alla pari con Forza Italia al 5,8%, +Europa al 3,8%, Europa Verde al 3,12%, La Sinistra all’1,6%.

Al Centro cambia un po’ la situazione, con la Lega comunque in testa ma al 33%. Il Pd segue al 27,1%, il M5s al 15,7%, Fdi al 7% scavalca Fi al 6,1%, +Europa è al 3,2%, Europa Verde e La Sinistra sono invece al 2,2%, Al Sud in testa troviamo il Movimento 5 Stelle con il 29,9%, seguito dalla Lega al 24,6%, il Pd al 16,8%, poi Fi all’11,7%, FdI al 7,6%, +Europa al 3%, Europa Verde all’1,9%, La Sinistra all’1,8%. Non sono stati forniti dati per la circoscrizione Isole.

27 maggio 02:04 Meloni: “Gli italiani hanno indicato una nuova maggioranza tra Lega e Fratelli d’Italia”

Mentre continua lo spoglio e le proiezioni si fanno sempre più attendibili, la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, è intervenuta per commentare i risultati del suo partito. Secondo le ultime proiezioni FdI è intorno al 6%, ben oltre la soglia dello sbarramento del 4%. La Meloni si è detta soddisfatta del risultato, anche se parziale, del suo partito e ha sottolineato che gli italiani hanno indicato "una nuova maggioranza tra Lega e Fratelli d'Italia".

Andiamo fieri del nostro risultato. Il nostro problema non è mai stato superare la soglia dello sbarramento come alcuni volevano far credere. Gli italiani hanno continuato a sostenere Fratelli d’Italia che oggi raggiunge il secondo miglior risultato di questa competizione. Domani quando avremo i dati definitivi faremo le valutazioni del caso. La prima cosa che balza agli occhi è che c’è un’alternativa possibile per il governo della nazione, oggi Lega e Fratelli d'Italia rappresentano una maggioranza alternativa. Questo è il segnale degli italiani, decideranno tutti gli attori in campo se seguire le indicazioni degli italiani o no. Siamo comunque fieri di questo risultato contro ogni pronostico.

27 maggio 02:01 Salvini dopo le europee: “Amici dei 5 Stelle sono alleati, non saranno mai avversari”

In collegamento telefonico con la Maratona Mentana su La7, il leader della Lega Matteo Salvini torna a commentare il voto delle elezioni europee – con la netta vittoria della Lega – e si sofferma sui rapporti con il suo alleato di governo del Movimento 5 Stelle: “I miei avversari sono i Renzi, Boschi, Orlando e Zingaretti del Pd. Gli amici dei Cinque Stelle sono alleati, non sono e non saranno mai avversari”. Tornando sui litigi delle ultime settimane con Luigi Di Maio, Salvini commenta ancora: “Gli italiani chiedono responsabilità e fatti, non litigi. Io ho conosciuto Di Maio, persona onesta, coerente e fattiva. Da domani conto di tornare al tavolo con gli alleati che ho conosciuto per quasi tutti questi mesi. Mi permetto di sottolineare che tutti i sondaggi fino a ieri davano la Lega in difficoltà, nervosa, ma gli italiani sono più avanti. Io da domani lavoro”. E sul commissario europeo che l’Italia dovrà scegliere, il ministro dell’Interno prosegue: “Non abbiamo nomi e cognomi dei commissari, sicuramente ne chiederemo uno che si occupa di economia e non di filosofia come fece Renzi. È chiaro che se la Lega avrà il 30% dei voti e i Cinque Stelle il 20%…”.

27 maggio 01:28 Zingaretti: “Torna bipolarismo centrato su forza Pd, Salvini leader governo pericoloso”

Il Pd, stando alle proiezioni delle elezioni europee, sarebbe il secondo partito, davanti al Movimento 5 Stelle ma nettamente staccato dalla Lega di Matteo Salvini. Il segretario dem Nicola Zingaretti parla in conferenza stampa e si sofferma sul commento del voto:

Molti hanno visto la possibilità per voltare pagina in questo Paese, dando il voto alla lista. Noi siamo molto soddisfatti del risultato, la scelta unitaria del Pd si è rivelata vincente perché introduce una grande novità politica: il bipolarismo è tornato a essere centrato sulla forza elettorale e sulla presenza del Pd in Italia. Il governo esce da queste consultazioni alle europee ancora più fragile per divisioni interne e con palesi difficoltà. Noi ora useremo la forza che ci viene da questo risultato per andare avanti soprattutto sui contenuti e per costruire un piano per l’Italia, fondato su crescita, sviluppo, lavoro, giustizia sociale. Il voto ci dà la sfida di costruire un’alternativa a Matteo Salvini, leader di un governo immobile e pericoloso. In un Paese che purtroppo è un Paese con molti più debiti di un anno fa, meno lavoro, meno produzione industriale, più cassa integrazione. Accettiamo questa sfida dell’alternativa, continuando in una sfida unitaria con la messa in campo di un nuovo programma per salvare il nostro Paese. L’altro dato in Europa è che l’aggressione sovranista alle istituzioni europee è fallito. Dentro il Parlamento europeo c’è una ampia e solida maggioranza che ha la voglia di cambiare l’Europa e di difendere e rilanciare il grande sogno europeo. E questo colloca le grandi forze sovraniste, anche italiane, in una posizione di marginalità. La nostra famiglia dei Socialisti e Democratici sarà la prima o seconda delegazione dentro questo grande gruppo europeo e noi, da questo ruolo di maggioranza, rappresenteremo l’Italia e gli daremo il ruolo che merita in Europa rispetto a forze che saranno marginalizzate. L’Italia deve contare di più e noi faremo di più per rappresentarla. Si apre la stagione di un bipolarismo che vede la destra estremista come leader indiscussa del governo e un nuovo fronte, di un nuovo centrosinistra che noi vogliamo costruire con il Pd al centro.

27 maggio 01:21 Elezioni europee, la Lega sfonda: nella terza proiezione supera il 34%

Le nuove proiezioni continuano a vedere l'ascesa della Lega, con un vantaggio sempre più netto su tutti gli altri partiti. La terza proiezione realizzata da Swg per La7 vede il partito di Matteo Salvini al di sopra del 34%, con il Partito Democratico staccato di oltre 12 punti ma comunque nettamente davanti al Movimento 5 Stelle. Ecco le proiezioni di Swg:

Lega 34,1%

Partito Democratico 22%

Movimento 5 Stelle 18%

Forza Italia 8,5%

Fratelli d'Italia 6,5%

+Europa – Italia in Comune 3,2%

Europa Verde 2,4%

La sinistra 1,7%

Questa proiezione prevede anche una prima stima dei seggi conquistati all'Europarlamento da ogni singolo partito, con la Lega che eleggerebbe ben 28 eurodeputati. Al Pd ne andrebbero 18, al M5s 15, a Forza Italia 6, a Fratelli d'Italia 5 e a Svp 1.

27 maggio 00:51 Europee, Salvini festeggia: “Useremo bene la vostra fiducia, si cambia in Europa”

Con un breve video pubblicato su Twitter, il leader della Lega e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, esulta per il risultato delle elezioni europee e per il boom della Lega che, stando alle proiezioni, sarebbe ben al di sopra del 30%. Nella breve diretta da via Bellerio, sede del Carroccio a Milano, Salvini inquadra tutta la squadra leghista e ringrazia: "In attesa dei dati definitivi, grazie grazie grazie da tutta la squadra. Grazie grazie Italia. Useremo bene la vostra fiducia: primo partito in Italia, si cambia in Europa".

27 maggio 00:38 Elezioni europee, Meloni esulta: “Patrioti italiani sbarcano all’Europarlamento”

Esulta la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, dopo le prime proiezioni che vedono il suo partito abbondantemente sopra la soglia di sbarramento del 4% e, in alcuni casi, persino intorno al 6%. La Meloni su Facebook condivide una sua foto sorridente e scrive: "I patrioti italiani sbarcano nel Parlamento europeo".

27 maggio 00:33 Elezioni europee, la Lega rivendica: “Commissario Ue dobbiamo sceglierlo noi”

La Lega rivendica, dopo il risultato delle elezioni europee che si va consolidando con le proiezioni che vedono il Carroccio nettamente in testa, la scelta del commissario europeo che spetta all’Italia: “Se un commissario europeo deve spettare all'Italia, visti i risultati mi sembra abbastanza chiaro che la scelta deve spettare alla Lega”, afferma il capogruppo della Lega alla Camera, Riccardo Molinari, intervistato durante lo speciale Porta a Porta su Rai 1. Molinari aggiunge: “Non ci sono le condizioni per le opposizioni di chiedere un voto politico”. Secondo il leghista, quindi, non c’è possibilità di tornare al voto ora: “Insieme Lega e Cinque Stelle sono sopra il 50%”.

27 maggio 00:27 Elezioni europee, seconda proiezione: è boom della Lega, supera il 33%

Il boom della Lega alle elezioni europee viene confermato dalle seconde proiezioni realizzate da Swg per La7, con il partito di Matteo Salvini che supera addirittura il 33%. Quando le cifre iniziano a diventare leggermente più attendibili (ma ancora lontano dall'essere definitive), il Carroccio ha sempre più vantaggio sul Pd, che si conferma al secondo posto, con oltre due punti percentuali di vantaggio – a sua volta – sul Movimento 5 Stelle. Questi i dati delle seconde proiezioni:

Lega 33,1%

Partito Democratico 21,7%

Movimento 5 Stelle 19%

Forza Italia 8,5%

Fratelli d’Italia 6,3%

+Europa – Italia in Comune 3,4%

Europa Verde 2,7%

La Sinistra 1,7%

27 maggio 00:01 Elezioni europee, le prime proiezioni: Lega sempre più avanti, staccati Pd e M5s

Dopo gli exit poll, arrivano anche le prime proiezioni che confermano i dati finora emersi, con il Pd leggermente davanti al Movimento 5 Stelle, al secondo posto. La Lega rimane nettamente davanti, con il 27,3% dei voti. Ecco la proiezione realizzata dal Consorzio Opinio per lo speciale di Porta a Porta, su Rai 1:

Lega: 30%

Partito Democratico: 21,3%

Movimento 5 Stelle: 20,2%

Forza Italia: 10%

Fratelli d'Italia:6%

+Europa: 3,9%

Un’altra proiezione, effettuata da Swg per La7, evidenzia il netto vantaggio della Lega su tutti gli inseguitori: il Carroccio, del leader Matteo Salvini, è al 32%. Con il Partito Democratico a più di dieci punti di distanza, al 21,7%. Due punti più indietro c'è il Movimento 5 Stelle al 19,6%. Poi troviamo Forza Italia all’8,6% e Fratelli d’Italia al 6,2%.

26 maggio 23:46 Elezioni europee, nel Regno Unito è boom di Farage: supera il 30%

Nessun dubbio sui risultati delle elezioni europee nel Regno Unito: è boom del Brexit Party di Nigel Farage che, sulla base del 10% delle schede scrutinate, sarebbe al 32%. Dietro troviamo i Liberal-democratici che si attestano al 20,1%, mentre il terzo posto è occupato dai Laburisti al 16,2%. Crollano i Conservatori che non raggiungono neanche il 10%, fermandosi al 7,6%. E venendo scavalcati anche dai Verdi con l’11,4%. L’Ukip, ex partito di Farage, si ferma al 4,1%.

26 maggio 23:40 Europee, i secondi exit poll: Lega sempre in testa, Pd davanti al M5s

Anche i secondi multi-pool (un insieme di exit poll, instant poll e altre rilevazioni), confermano il trend già emerso alla chiusura dei seggi. Secondo i dati di Swg diffusi da La7, la Lega si conferma in testa, con il Pd al secondo posto davanti al Movimento 5 Stelle. Al di sopra della soglia di sbarramento del 4% anche Forza Italia e Fratelli d’Italia. Ecco i dati di tutti i partiti:

Lega 27,5 – 30, 5%

Partito Democratico 21 – 24%

Movimento 5 Stelle 19,5 – 22,5%

Forza Italia 8,5 -10,5%

Fratelli d’Italia 4,5 – 6,5%

+Europa 2,5 – 3,5%

Europa Verde 2 – 3%

La Sinistra 1,5 – 2,5%

26 maggio 23:31 Salvini commenta il risultato delle europee: “Primo partito in Italia, grazie”

Arriva subito il commento del leader della Lega, Matteo Salvini, al risultato del Carroccio, primo in Italia davanti a Pd e Movimento 5 Stelle. "Una sola parola: GRAZIE Italia!", scrive su Twitter il ministro dell'Interno. Salvini condivide una foto in cui, sorridente, tiene in mano un cartello con su scritto: "Primo partito in Italia, grazie!". La Lega, stando ai primi exit poll, sarebbe intorno al 30%, con un netto vantaggio su tutti gli altri partiti, tra cui anche gli alleati di governo del M5s.

26 maggio 23:20 Europee, il primo commento del Pd: “Risultato importante, siamo in campo”

Il primo a commentare i primi exit poll, con tutte le cautele del caso, è il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando: "A livello europeo molti cittadini sono tornati a votare. In Italia il Pd ottiene un risultato importante, ricordo che un anno fa si discuteva della fine del bipolarismo ma le cose non vanno in questa direzione. L’anno scorso tra noi e il M5s c’erano più di dieci punti di scarto: oggi stiamo discutendo se siamo avanti noi o loro. Il Pd è in campo, sappiamo che dobbiamo ancora cambiare molto e tuttavia il Pd c’è ed è la forza su cui costruire l’alternativa".

26 maggio 22:59 Exit poll elezioni europee: prima la Lega, testa a testa Pd-M5s

I primi exit poll delle elezioni europee certificano il primo posto della Lega di Matteo Salvini e, subito dietro, il testa a testa tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle. Superano la soglia di sbarramento anche Forza Italia e Fratelli d'Italia. Ecco tutti i dati dei primi exit poll, diffusi da La7 e realizzati da Swg:

Lega: 26,5 – 29.5%

Partito Democratico: 21- 24%

Movimento 5 Stelle: 20 – 23%

Forza Italia: 9 – 11%

Fratelli d'Italia: 5 – 7%

Più Europa: 2,5 – 3,5%

La Sinistra: 2 – 3 %

Europa Verde: 1,5 – 2,5%

I dati sono in realtà un mix di exit poll e instant poll e vengono confermati, con minime differenze, anche dai numeri diffusi da altre reti come Mediaset e Rai. La Lega è quindi saldamente in testa, intorno al 30%, con il Partito Democratico di Nicola Zingaretti che diventa il secondo partito e precede il Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio.

26 maggio 22:03 La prima proiezione del prossimo Parlamento europeo: niente maggioranza Ppe-Pse

In foto: il Parlamento europeo a Strasburgo.
in foto: In foto: il Parlamento europeo a Strasburgo.

Per la prima volta da quando si elegge il Parlamento europeo, il Partito Popolare e il Partito Socialista non avranno la maggioranza nell’aula di Strasburgo. La prima proiezione pubblicata dal Parlamento europeo conferma le previsioni dei giorni precedenti al voto delle elezioni europee: il Partito Popolare dovrebbe avere 177 seggi, contro i 147 dei Socialisti e Democratici. Terzo posto per i liberali dell’Alde, che eleggerebbero in tutta Europa 101 deputati. Il quarto gruppo è quello dei Verdi, con 69 seggi. Poi troviamo con 59 seggi i Conservatori, con 57 il gruppo di cui fa parte la Lega di Matteo Salvini dell’Enf e con 56 seggi l’Efdd, di cui nella scorsa legislatura faceva parte il Movimento 5 Stelle. Sono 42 i seggi attribuiti al gruppo di sinistra Gue/Ngl.

Netto il calo di Popolari e Socialisti rispetto a cinque anni fa, quando il Ppe aveva 219 eurodeputati e il Pse 189. Sulla base dei dati di oggi la maggioranza – fissata a 376 seggi – è lontana e servirebbe, quindi, l'apporto dell'Alde (in crescita di oltre 30 eurodeputati) per raggiungere questa quota. In caso di alleanza con i Verdi la quota della maggioranza salirebbe avvicinandosi ai 500 seggi. Al contrario, i gruppi sovranisti – mettendo insieme Enf, Efdd ed Ecr – rimarrebbero ben lontani da ogni possibile maggioranza, fermandosi a 172 seggi.

26 maggio 20:12 Elezioni europee, primi dati dalla Francia: Le Pen davanti a Macron

Arrivano le prime proiezioni riguardanti la Francia e il voto delle elezioni europee in uno dei paesi dove si combatte la sfida più attesa, quella tra Marine Le Pen e il presidente Emmanuel Macron. Secondo i primi dati in testa c'è il Rassemblement National della Le Pen con il 23,2%. Subito dietro troviamo Renaissance, la lista che fa riferimento a Macron, al 21,9%. I Verdi sono al 12,8%, terzo partito in Francia. All'8,3% c'è invece il partito Repubblicano, seguito dalla sinistra radicale al 6,7% e dai socialisti al 6,5%. Nessuna altra lista dovrebbe superare, stando a questi dati, la soglia di sbarramento.

26 maggio 19:59 Europee, i primi risultati da tutta l’Ue: in Ungheria stravince Orban

Il premier ungherese, Viktor Orban, durante il suo intervento al Parlamento europeo
in foto: Il premier ungherese, Viktor Orban, durante il suo intervento al Parlamento europeo

Netta affermazione per il premier ungherese Viktor Orban e per il suo partito (Fidesz) alle elezioni europee. Il partito di Orban ha raggiunto il 55% dei voti, stando ai primi dati, in Ungheria, staccando nettamente i partiti appartenenti alla famiglia dei Socialisti europei, fermi al 10% nel caso del Mszp e dell’11% per il Dk. In Finlandia, invece, in testa troviamo il partito di centrodestra National Coalition Party, al 20,9%, seguito dai Socialdemocratici al 16,7% e dai Verdi al 14,4%. Poi, ancora il Center Party al 13,7% e il Finns party al 13,1%. Sopra il 5% troviamo ancora il Finns Party, la Left Alliance, lo Swedish People’s Party e i Christian Democrats.

Prime proiezioni anche per l’Irlanda, dove si è votato venerdì 24 maggio e i primi exit poll erano stati già diffusi. Cambia, però, almeno in parte, la situazione, con il Fine Gael nettamente in testa al 29%, seguito a distanza dal Fianna Fail al 15% (entrambi sono partiti europeisti moderati) e i Verdi sempre intorno al 15%. Più indietro il Sinn Fein al 13% e i laburisti sotto il 5%. L’Olanda è stato invece il primo Paese a fornire gli exit poll, già giovedì 23 maggio, con l’affermazione dei Socialisti guidati da Timmermans, candidato alla guida della Commissione europea. Dopo il PvdA, al 18,1%, troviamo il VVD al 15% e i Cristianodemocratici al 12,3%. All’11%, invece il partito di estrema destra Forum voor Democratie di Thierry Baudet. Male il Pvv, il partito nazionale di Geert Wilders, che si è fermato al 4% circa.

26 maggio 19:38 Elezioni europee, primi exit poll in Grecia: avanti il centrodestra, segue Tsipras

I primi exit poll delle elezioni europee in Grecia confermano le previsioni con il Partito Popolare in testa, seguito da Syriza, la formazione guidata dal premier Tsipras. Il partito Nuova Democrazia, appartenente alla famiglia del Partito Popolare europeo, si attesta tra il 32% e il 36%, seguito da Syriza (in Europa con la sinistra di Gue) tra il 25% e il 29%. Al terzo posto troviamo Mfc, della famiglia dei Socialisti europei, tra il 7% e il 9%. Più dietro tutti gli altri, con DiEM 25, il partito di Yanis Varoufakis, tra il 2,5% e il 4,5%.

26 maggio 19:31 I primi risultati delle elezioni europee: in Germania in testa la Merkel, boom dei Verdi

Il voto in Germania conferma le previsioni degli ultimi giorni prima dell'apertura dei seggi: alle elezioni europee si conferma primo partito la Cdu della cancelliera tedesca Angela Merkel, stando alle prime proiezioni. E come atteso da molti pronostici arriva anche il boom dei Verdi, che sono il secondo partito davanti alla Spd, i Socialisti tedeschi. La Cdu è in testa con il 27,5%, che varrebbe 27 seggi a Bruxelles. Poi troviamo i Verdi al 20,5%, con 20 seggi, la Spd al 15,5% (15 seggi) e più indietro la formazione di estrema destra Afd al 10,5%, con 11 seggi. Infine, la sinistra di Linke è al 5,5%, con 6 seggi all'Europarlamento.

26 maggio 19:07 Affluenza alle urne: alle 19 ha votato oltre il 43,8% degli aventi diritto

Alle ore 19 ha votato il 43,84% degli aventi diritto. I dati sono stati comunicati dal ministero dell'Interno e riguardano tutte le 7915 sezioni interessate. Viene quindi aggiornato il dato delle 12, quando aveva votato il 16,7% dell'intero corpo elettorale. Ricordiamo che nel 2014 alle 19 aveva votato il 42,14%, dato che, alla chiusura delle urne alle 23, era salito al 58,7%. Alle politiche del marzo 2018, invece, alle 19 l'affluenza era stata del 58,42%, per poi fermarsi definitivamente al 72,99% alla chiusura dei seggi.

26 maggio 16:03 Elezioni europee, Matteo Salvini vota a Milano: “C’è cambiamento, si sente nell’aria”

"Oggi sarà una giornata bella bella, molto bella. C'è cambiamento nell'aria". Così Matteo Salvini davanti al seggio prima di votare per le elezioni europee a Milano presso la scuola media "De Marchi-Gulli". Il leader del Carroccio ha fatto seguire con una diretta sui suoi canali social il momento del voto, circondato da numerosi fotografi e curiosi. C'è stato un piccolo "siparietto" quando un'anziana elettrice ha cercato di consegnare la sua scheda elettorale.

26 maggio 12:14 Affluenza alle urne: alle 12 ha votato oltre il 16%

Alle ore 12 ha votato circa il 16,2% degli aventi diritto. È questo il dato parziale appena comunicato dal ministero dell'Interno sull'affluenza alle urne per le Elezioni Europee 2019. Ricordiamo che gli aventi diritto al voto sono circa 50,9 milioni. Nel 2014 alle 12 aveva votato il 16,6% degli elettori, dato che poi sarebbe salito al 42,14 alle 19 per determinare un totale di votanti del 58,7% alle 23. Cinque anni fa, dunque, si registrò un netto calo dell'affluenza rispetto alle Europee del 2009, quando aveva votato il 66,3% degli aventi diritto.

26 maggio 06:58 Elezioni Europee 2019: seggi aperti in tutta Italia

Sono aperti in tutta Italia i seggi per le Elezioni Europee 2019. Al voto, per eleggere i membri del nuovo Parlamento Europeo, sono attesi 50.952.719 elettori, di cui 24.711.529 uomini e 26.270.873 donne. Di questi, come comunicano i dati del ministero dell'Interno, oltre 3 milioni sono gli elettori che hanno tra i 18 e i 23 anni e voteranno per la prima volta per eleggere i rappresentanti italiani a Strasburgo e Bruxelles.

I seggi chiuderanno questa sera alle ore 23 e lo spoglio dei voti comincerà subito dopo. Alla chiusura delle operazioni di voto verranno diffusi i primi exit poll, mentre per conoscere i risultati occorrerà attendere le proiezioni e i dati dello scrutinio in tempo reale.

25 maggio 10:53

I risultati delle elezioni europee 2019 arriveranno solo dopo la chiusura delle urne elettorali, quindi il 26 maggio a partire dalle 23. Prima dei risultati, saranno resi pubblici gli exit poll e le proiezioni, che permetteranno già di farsi un’idea della composizione del nuovo Parlamento Europeo e dei nuovi rapporti di forza tra partiti e gruppi parlamentari.

Per conoscere i risultati definitivi e i candidati eletti circoscrizione per circoscrizione bisognerà aspettare, perché sono molti i casi di incompatibilità o di presenza dei candidati su più di una circoscrizione. Il dato sull’affluenza alle urne verrà invece comunicato sia durante la giornata del voto come dato parziale, che subito dopo la chiusura delle urne. I seggi chiuderanno alle 23 e subito dopo comincerà lo spoglio dei voti. Nei Comuni in cui si tengono anche le elezioni comunali si comincerà dallo spoglio delle schede per le Elezioni Europee, mentre quello per la scelta del Sindaco o nei comuni del Piemonte per la scelta del nuovo Presidente della regione comincerà lunedì 27 maggio alle ore 14.

Dopo la pubblicazione dei risultati definitivi, si capirà chi ha vinto le elezioni europee, con statistiche, riflessioni e analisi sul voto che permetteranno di definire i nuovi equilibri politici in Europa.

Le Europee 2019 sono elezioni importanti per tutta l’Eurozona: in Italia il risultato delle elezioni europee 2019 sarà particolarmente importante anche per la politica interna, perché permetterà di prefigurare la forza dei partiti politici a poco più di un anno dal voto nazionale.