11.295 CONDIVISIONI
Covid 19
3 Gennaio 2021
08:03
AGGIORNATO03 Gennaio

Le notizie del 3 gennaio sul Coronavirus, verso nuove restrizioni dopo la Befana

11.295 CONDIVISIONI

Le ultime notizie in tempo reale sul Covid oggi in Italia e nel mondo, con i dati di domenica 3 gennaio 2021. Continua la campagna vaccinale covid in Italia dove si è superato quota 80mila vaccinati. Arcuri: "Siamo secondi in Ue". Intanto torna a salire il tasso di positività in Italia e anche i ricoveri covid sia nei normali reparti che in terapia intensiva, nell'ultimo bollettino registrati ulteriori 14.245 casi e 347 morti. Oggi in Veneto 3.419 casi. Il governo studia le nuove regole dopo le feste con l'ipotesi zona arancione nel fine settimana del 9 e 10 gennaio sull'intero territorio e il coprifuoco alle 20. Ancora scontro tra governo ed enti locali sui meccanismi di riapertura delle scuole il 7 gennaio per la didattica a distanza i trasporti. Nel mondo  84.5 milioni di contagi da coronavirus e oltre 1,8 milioni di morti covid. Resta grave la situazione in Usa dove ormai si sfiorano i 350mila morti. Record di contagi anche in Europa con il Regno Unito il Paese più colpito in questo momento.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19
03 Gennaio
22:39

In corso vertice Governo-Regioni su misure dal 7 gennaio: tutte le ipotesi

È in corso il vertice tra il governo e le Regioni per illustrare le ipotesi sulle misure che saranno introdotte dal prossimo 7 gennaio, alla scadenza del decreto di Natale. Per l'Esecutivo sono presenti i ministri per le Autonomie e per la Salute, Francesco Boccia e Roberto Speranza. Tra i governatori, sono presenti Toti, Zaia, Bonaccini e Toma. Tra le ipotesi al vaglio, quella di mantenere in vigore le misure vigenti fino al 15 gennaio, data di scadenza dell'ultimo Dpcm, oppure di tornare in zona gialla per il 7 e 8 gennaio, per poi passare alle misure della fascia arancione il weekend del 9 e 10 e, successivamente, assegnare le fasce per la settimana seguente.

A cura di Ida Artiaco
03 Gennaio
22:01

In Italia superate le 100mila persone vaccinate contro il Coronavirus

È stata superata la soglia delle 100mila persone vaccinate in Italia: in serata, il numero era pari a 109.454, secondo i dati aggiornati del Ministero della Salute. Finora il Lazio è in testa alla classifica delle regioni con il maggior numero di dosi distribuite, la Lombardia all'ultimo posto. Meno solo la Calabria (3,5%), la Sardegna (3,0%), il Molise (1,7%).

A cura di Ida Artiaco
03 Gennaio
21:54

Misure anti Covid, ipotesi Italia gialla il 7 e 8 gennaio e arancione il 9 e 10

La scadenza del decreto di Natale, prevista il 7 gennaio, potrebbe essere prorogata con un'ordinanza del ministro della Salute. Le due ipotesi in campo sono quella di mantenere in vigore le misure vigenti fino al 15 gennaio, data di scadenza dell'ultimo Dpcm, oppure di tornare in zona gialla per il 7 e 8 gennaio, per poi passare alle misure della fascia arancione il weekend del 9 e 10 e, successivamente, assegnare le fasce per la settimana seguente.

A cura di Ida Artiaco
03 Gennaio
21:21

Variante inglese, nel Regno Unito 54.990 nuovi casi e 454 morti in 24 ore

Ancora un'impennata di contagi nel Regno Unito alle prese con la nuova variante di Covid-19 scoperta inizialmente a Londra e nel Kent: per il sesto giorno consecutivo si registrano oltre 50mila nuovi contagi da Covid-19 nell'arco delle 24 ore. Il dato di oggi è di 54.990 casi. Il numero dei decessi è di 454, in lieve aumento rispetto ai 445 delle 24 ore precedenti. Il totale delle vittime supera quota 75mila (75.024).

A cura di Ida Artiaco
03 Gennaio
20:42

La ministra dell'Interno, Lamorgese, convoca Comitato sicurezza sulla distribuzione dei vaccini

La ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, presiederà domani, alle ore 12.00 il Comitato Nazionale dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica, convocato "per un esame delle questioni di sicurezza ed ordine pubblico attinenti l’attuazione della campagna di distribuzione delle dosi vaccinali". Lo rende noto il Viminale. Al Comitato parteciperà il Commissario Straordinario per l’emergenza, Domenico Arcuri.

A cura di Ida Artiaco
03 Gennaio
20:00

Coronavirus in Francia, 12.489 contagi e 116 decessi nelle ultime 24 ore  

È di 12.489 nuovi contagi e 116 decessi il bilancio dell'emergenza Coronavirus in Francia nelle ultime 24 ore secondo fonti ufficiali. Da ieri in 15 dipartimenti francesi il coprifuoco è stato anticipato alle 18 per evitare l'ulteriore diffusione del contagio.

A cura di Ida Artiaco
03 Gennaio
19:54

Il virologo Burioni: "Il vaccino non può proteggere prima di 14 giorni"

"Il vaccino anti Covid-19 non può proteggere prima di 14 giorni. È impossibile. Per questo, se una persona appena vaccinata si infetta, non c’è nessuna notizia, e riportando il fatto irrilevante generate solo confusione. L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno". Lo ha scritto su twitter il virologo Roberto Burioni rispondendo a a sua volta ad un tweet di Nino Cartabellotta della Fondazione Gimbe sul caso della dottoressa di Siracusa contagiata sette giorni dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino.

A cura di Ida Artiaco
03 Gennaio
19:29

Boom di casi Covid a Caltanissetta: tasso di positività al 45,34%

Tornano a superare quota mille i positivi al Covid-19 in provincia di Caltanissetta. L'ultimo bollettino, all'indomani delle feste, è allarmante, con un tasso di positività che è arrivato addirittura al 45.34%, su 78 tamponi positivi su 172 tamponi eseguiti, e il numero di ricoverati che torna a salire. A preoccupare è in particolare la situazione di Gela che, nelle ultime ore, ha registrato un aumento di 57 positivi su un totale di 78 casi in più in provincia.

A cura di Ida Artiaco
03 Gennaio
18:50

Conte conferma: "La scuola riparta in presenza al 50% dal 7 gennaio"

La didattica in presenza al 50% nelle scuole deve ripartire dal 7 gennaio. Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha ribadito al vertice con i capidelegazione della maggioranza, il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia e il Cts,  l'importanza di riapertura delle scuole. La riunione era stata convocata per fare un punto sull'emergenza Covid in vista della scadenza delle misure messe in campo per le festività.

A cura di Ida Artiaco
03 Gennaio
18:17

Nigri (vice presidente dei pediatri italiani): "Inopportuna riapertura scuole presenza"

"Non è opportuno riaprire le scuole in presenza perché la diffusione del virus sta aumentando e non abbiamo ancora un sistema di tracciamento che consenta attraverso i tamponi diffusi di identificare e isolare i casi". Così Luigi Nigri, vice presidente dei pediatri italiani e referente di quelli pugliesi, già tra i primi a sollecitare la chiusura delle scuole in presenza, sull'imminente riapertura delle scuole, anche superiori, a partire dal 7 gennaio.

A cura di Ida Artiaco
03 Gennaio
18:01

Covid in Gran Bretagna: quasi 55mila casi nelle ultime 24 ore, superati i 75mila decessi

Anche la Gran Bretagna, come l’Italia, ha superato in queste ore i 75mila morti dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Con 454 decessi il Regno Unito raggiunge in totale 75.024 vittime. Per quanto riguarda i nuovi casi giornalieri, per il sesto giorno consecutivo la cifra sale sopra quota 50mila. Oggi i contagi sono stati 54.990, in leggero calo rispetto ai quasi 58mila (livello record) di ieri.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
17:59

Coronavirus in Lombardia, nelle ultime 24 ore 1.709 casi e 36 decessi

I nuovi casi di Covid-19 registrati in Lombardia nelle ultime 24 ore sono stati 1.709. I decessi sono invece 36, per un totale di 25.317 morti da inizio epidemia. Sono questi i dati dell'ultimo bollettino quotidiano regionale. La provincia più colpita è quella di Varese, con 408 nuovi casi. In calo i ricoveri in ospedale (-26) e in terapia intensiva (-2).

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
17:49

Covid, in Italia superati i 75mila morti da inizio epidemia

L’Italia ha superato i 75mila decessi dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus. Con i 347 morti di oggi il totale sale a 75.332. I guariti, invece, sono in totale 1.503.900, con i 14.746 che si sono aggiunti nelle ultime 24 ore.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
17:43

Governo pensa a proroga restrizioni a casa: non più di 2 ospiti nelle abitazioni

Anche dopo il 6 gennaio potrebbe restare in vigore il limite agli spostamenti nelle abitazioni private: non più di 2 ospiti per ogni casa, così come avvenuto durante le festività natalizie. Questa è l’ipotesi sul tavolo del governo ed emersa durante l’incontro tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e i capidelegazione di maggioranza, a cui partecipano anche gli esponenti del Comitato tecnico-scientifico. Altra ipotesi è quella di bloccare gli spostamenti tra Regioni tra il 7 e il 15 gennaio.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
17:16

Coronavirus, il bollettino di oggi: 14.245 contagi, tasso di positività al 13,8%

Sono 14.245 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore, stando ai dati del bollettino di oggi, domenica 3 gennaio, diffuso dal ministero della Salute. I decessi sono 347. I tamponi effettuati in Italia sono stati 102.974, con un tasso di positività che si attesta al 13,8%.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
16:54

Incontro Conte-capidelegazione, verso nuove restrizioni: ipotesi coprifuoco anticipato alle 20

Dopo la riunione tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e i capidelegazione, il governo sta valutando nuove possibili restrizioni da mettere in campo dopo la fine delle festività natalizie. L’ipotesi è quella di un provvedimento ponte per il periodo tra il 7 e il 15 gennaio. Allo studio sia l’idea di anticipare il coprifuoco alle 20 che quella di avere tutto il territorio nazionale in zona arancione il weekend del 9 e 10 gennaio.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
16:17

Emilia-Romagna, 1.818 nuovi casi di Covid nelle ultime 24 ore

Sono in calo i nuovi casi di Coronavirus in Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore: i contagi sono stati 1.818, con 41 decessi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono ora 234, in aumento di 5 unità, mentre negli altri reparti sono 2.657 (8 in più). Bologna è la provincia con più contagi giornalieri.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
16:07

Coronavirus, i calcoli di Battiston: “Indice Rt nazionale si attesta a 0,99”

Secondo i calcoli effettuati dal fisico dell’università di Trento, Roberto Battiston, l’indice Rt in Italia è oggi pari a 0,99. Un risultato simile a quello fornito dall’Istituto superiore di sanità. “L'individuazione delle zone rosse, gialle e arancioni parte dal valore dell'indice Rt, ma non considera il grado di sviluppo dell'epidemia sul territorio”, afferma Battiston. Che aggiunge: “Va invece inclusa nella valutazione la quantità dei casi positivi nella regione perché sono i due valori insieme che determinano quanto rapidamente può ripartire l'epidemia con il rischio di saturare il sistema sanitario territoriale”.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
15:47

In Puglia 950 nuovi contagi da Covid-19: nelle ultime 24 ore 25 decessi

Sono 950 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Puglia nelle ultime 24 ore, secondo quanto comunicato dal presidente della Regione, Michele Emiliano. I tamponi effettuati sono stati poco più di 7.500. I decessi nelle ultime 24 ore sono stati 25. Gli attualmente positivi in Regione sono ora 54.078.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
15:27

Covid, in Germania le persone vaccinate sono più di 238mila: 40mila da ieri

Proseguono le vaccinazioni contro il Covid in Germania, Paese dell’Ue che al momento ha somministrato più dosi. Sono 238.809 le persone finora vaccinate nel Paese, stando ai dati dell’istituto Robert Koch. Da ieri sono state somministrate altre 40.665 dosi. Tra i vaccinati ci sono 103mila residenti delle strutture per anziani e 107mila operatori sanitari.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
15:06

Focolaio dopo un funerale: 76 contagi nel casertano

In seguito al funerale di una donna di Rocca d’Evandro, in provincia di Caserta, è scoppiato un focolaio di Coronavirus. I casi accertati sono 76, di cui molti asintomatici, tra cui anche diversi minori. La donna deceduta aveva espresso il desiderio di avere tutta la famiglia riunita attorno a sé per l’ultimo saluto.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
14:14

Covid in Veneto, registrati altri 3.419 casi e 88 morti

Tornano a crescere i nuovi casi di Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore nel Veneto: sono 3.419 i contagi nelle ultime 24 ore, stando ai dati del bollettino regionale. In totale i casi registrati in Regione sono più di 266mila. I decessi su base giornaliera sono 88, per un totale di 6.763 morti da inizio pandemia. In calo i ricoverati nei reparti ospedalieri, con 2.688 posti occupati in area non critica. A scendere è anche l’occupazione delle terapie intensive: sono ricoverati in 365.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
13:57

Covid, in Argentina somministrato vaccino russo Sputnik 5: “Registrato 1% di reazioni avverse"

L’Argentina ha iniziato a somministrare il vaccino anti-Covid realizzato dalla Russia, denominato Sputnik V. Il ministro della Salute argentino, Gines Gonzalez Garcia, ha fatto sapere che a fronte di 32.013 vaccinazioni del personale sanitario, si sono registrati 317 “eventi avversi”, di cui il 99,3% considerati “lievi o moderati”. Gli effetti collaterali hanno riguardato quindi l’1% del totale dei vaccinati e “la presenza di febbre, cefalea o dolori muscolari ha riguardato l’80% degli eventi registrati”. Sintomi che appaiono “entro sei ore dalla somministrazione del vaccino e scompaiono nel giro di 24-48 ore”.

A cura di Stefano Rizzuti
03 Gennaio
13:09

Sicilia, medico vaccinato da pochi giorni risulta positivo al Coronavirus

Un medico appena vaccinato è risultato positivo al Coronavirus. Il caso riguarda una dottoressa dell’ospedale Umberto I di Siracusa che era stata vaccinata sei giorni fa a Palermo.  Secondo quanto confermato dall’Azienda sanitaria provinciale, era stata una delle prime ad essere sottoposta al vaccino ma nelle scorse ore ha scoperto di essere stata contagiata. È probabile che abbia contratto il virus prima di essere vaccinata e comunque per ottenere la risposta immunitaria occorrono due settimane, oltre alla seconda dose del vaccino. Le autorità sanitarie locali sono ora al lavoro per stabilire i suoi contatti anche durante il viaggio verso il capoluogo siciliano con i colleghi e durante la procedura di somministrazione del vaccino. Come ha spiegato Franco Locatelli, "Negli articoli scientifici è chiaramente riportato che anche negli studi clinici si sono infettate persone dopo la prima dose proprio perché la risposta immunitaria non è ancora completamente protettiva. E lo diventa soltanto dopo la seconda dose. Questa è una delle ragioni per non abbandonare comportamenti responsabili dopo essere stati vaccinati".

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
13:01

Quali Regioni rischiano di rimanere in zona rossa dopo il 6 gennaio

Dal 7 gennaio si tornerà al sistema di divisione in tre zone del Paese, a seconda dei rischi legati all’emergenza coronavirus. Alla scadenza del decreto Natale tutte le Regioni dovrebbero tornare in zona gialla, ma alcune potrebbero restare in zona rossa. La situazione epidemiologica rimane critica in Veneto, Liguria, Calabria ma anche Lombardia, Basilicata e Puglia: qui potrebbe essere necessario prorogare alcune delle più severe regole anti-contagio per evitare la terza ondata di contagi.

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
12:57

A Palermo caccia ai "furbetti del vaccino": medici in pensione hanno cercato di farsi vaccinare

Qualcuno ha cercato di farsi vaccinare pur essendo in pensione. Per questo abbiamo preparato un'autocertificazione in cui bisogna dichiarare di essere dipendenti dell'azienda sanitaria e di essere effettivamente in servizio e che poi verrà verificata caso per caso” lo ha spiegato il commissario per l'emergenza covid nella provincia di Palermo Renato Costa dopo alcuni episodi di medici di base o in pensione che si sono presentati al centro vaccinale di Villa delle Ginestre chiedendo di essere vaccinati in modo prioritario pur non essendo nella lista dei dipendenti. Al momento son 6700 i vaccinati in Sicilia per una percentuale di poco superiore al 14%

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
12:47

Morta dopo essere guarita dalla Covid, il figlio non regge al dolore e muore

Era guarita dalla covid ma le conseguenze del virus erano state devastanti e avevano portato comunque a un peggioramento delle sue condizioni fisiche già precarie fino al decesso. Una notizia straziante per il figlio che non ha retto al dolore ed è stato colpito da infarto letale qualche ora dopo. È la triste vicenda di una pensionata di Gela di 75 anni morta sabato dopo un lungo calvario per colpa del coronavirus e del figlio di 54 anni. Questa mattina il funerale di madre e figlio insieme a Gela

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
12:38

Papa Francesco: "In molti pensano solo alle vacanze, sono addolorato"

In questo periodo molti, nonostante il coronavirus, hanno pensato "soltanto a fare le vacanze, al proprio piacere: questo mi ha addolorato tanto", sono le parole usate da Papa Francesco dopo l'Angelus di oggi. "Ho letto sui giornali una cosa che mi ha rattristato abbastanza: in un paese, non ricordo quale, per fuggire dal lockdown e fare le vacanze , sono usciti quel pomeriggio più di quaranta aerei. Ma quella gente, che è gente buona, non ha pensato a coloro che rimanevano a casa? Ai problemi economici di tanta gente che il lockdown ha buttato a terra? Agli ammalati? Soltanto fare le vacanze, fare il proprio piacere. Questo mi ha addolorato tanto" ha sottolineato il Pontefice rivolto i fedeli.  "Non sappiamo che cosa ci riserverà il  2021 ma ciò che ognuno di noi, e tutti insieme possiamo fare, è di impegnarci un po' di più a prenderci cura gli uni degli altri e del Creato ,la nostra casa comune" ha aggiunto Bergoglio rinnovando i suoi auguri per l'anno appena iniziato. "Come cristiani rifuggiamo dalla mentalità fatalistica o magica. Sappiamo che le cose andranno meglio nella misura in cui, con l'aiuto di Dio, lavoreremo insieme per il bene comune mettendo al centro i più deboli, gli svantaggiati" ha sottolineato Papa Francesco.

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
12:18

Riapertura scuola il 7 gennaio, scontro tra Governo e Regioni

Prosegue lo scontro tra Governo e Regioni sulla Riapertura della scuola il 7 gennaio. Gli enti locali, preoccupati per un ritorno degli studenti tra i banchi per le lezioni in presenza, hanno chiesto un nuovo confronto con il governo sul tema. Anche il leader della Lega Matteo Salvini si è detto contrario alla riapertura degli istituti dopo l'Epifania. “Non si può trattare la scuola come un tema di serie B. Io i nostri figli in queste condizioni a scuola non ce li rimanderei” ha commentato Salvini.

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
12:02

Paola, infermiera uccisa dalla covid, cordoglio dell'Asl: "Persona gentile e speciale"

Grande lo sconforto fra i colleghi dell’URP, tra gli infermieri e gli altri colleghi dell’ospedale Lotti di Pontedera, in provincia di Pisa, per la morte di Paola Cavallini, infermiera 59enne uccisa dalla covid nelle scorse ore. "A soli 59 anni ci ha lasciati a causa del Covid che a metà dicembre l’aveva colpita. Chi ha avuto la fortuna di conoscerla e di lavorare con lei la ricorda come una persona speciale, sempre disponibile con tutti, in particolare con gli utenti che giornalmente la contattavano, lo dimostrano i tanti ringraziamenti che riceveva" scrivono dall'Asl toscana.

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
11:51

Johnson: "Nel Regno Unito vaccinate un milione di persone contro il coronavirus"

Nel Regno Unito sono state già vaccinate un milione di persone contro il coronavirus, ad annunciarlo oggi è stato il premier britannico Boris Johnson. "Abbiamo vaccinato un milione di persone, più del resto d'Europa messo insieme" ha dichiarato Boris Johnson ai microfoni del programma tv Andrew Marr Show. Johnson ha sottolineato che da domani circa 530.000 dosi del vaccino Oxford-AstraZeneca saranno disponibili nei centri di vaccinazione e "qualche milione in più" del vaccino Pfizer deve ancora essere somministrato ai pazienti. Assicurando che "tutti stanno lavorando a pieno ritmo" ha poi annunciato: "Posso dirvi che faremo decine di milioni di vaccinazioni nei prossimi tre mesi".

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
11:24

Nuova stretta sulle norme covid: Conte incontra i capidelegazione 

In vista delle scadenza del decreto con le misure anti-Covid per le festività natalizie e l'introduzione di altre misure di contenimento del contagio, in mattinata è convocata una riunione tra il premier Giuseppe Conte e i capidelegazione dei partiti di maggioranza per fare il punto sull'emergenza della pandemia. Alla riunione partecipano  anche i membri del Comitato tecnico scientifico, il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro.

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
11:13

Ivan muore di covid a 42 anni: non aveva nessuna patologia, genitori in terapia intensiva

Lutto a Malcontenta, in provincia di Venezia, per la morte di Ivan Busso, papà 42enne portato via dalla covid. Era stato ricoverato all’ospedale di Dolo per problemi legati al coronavirus lo scorso 8 dicembre, ma nessuno tra patenti e amici, poteva immaginare che Ivan non ce l’avrebbe fatta visto che era in forma e non soffriva di nessuna particolare patologia. Il virus ha colpito l'intera famiglia il padre e la madre sono ancora ricoverati in terapia intensiva all’ospedale di Mestre, mentre la moglie Elisa e la bimba, inizialmente positive, si sono negativizzate. "Era stato ricoverato senza particolati problemi. All’inizio gli avevano somministrato solo l’ossigeno poi, dopo qualche giorno è stato intubato. Prima di Natale lo avevano estubato e sembrava che iniziasse a riprendersi. Ci siamo sentiti al telefono e con la bimba abbiamo anche fatto delle videochiamate. Poi delle infezioni batteriche hanno avuto il sopravvento nel cuore e nei polmoni e, nonostante vari tentativi da parte dei medici, Ivan non ce l’ha fatta" ha raccontato la moglie al Gazzettino.

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
10:54

Covid, quasi 80mila vaccinati in Italia: le regioni con più somministrazioni

Sono 79.146 le persone vaccinate in Italia contro il coronavirus secondo gli ultimi dati aggiornati alle 9.14 di  oggi sul portale del Commissario straordinario per l'emergenza Covid. Fra questi, 46.709 sono donne mentre gli uomini vaccinati sono 32.437. Al primo posto fra le regioni per numero di somministrazioni c'è il Lazio (16.752). Seguono il Veneto (11.119), il Piemonte (9.719), la Toscana (6.824) e la Campania (6.671). In Lombardia, invece finora, sono state vaccinate solo 2.416 persone. Le vaccinazioni hanno riguardato finora la categoria degli operatori sanitari e sociosanitari (67.781), il personale non sanitario (6.523) e gli ospiti di strutture residenziali (4.842). Per quanto riguarda le fasce di età infine, al primo posto le persone fra i 50-59 anni, con 22.536 somministrazioni di vaccino, segue la fascia 40-49 anni (18.303), quella fra 30-39 anni (14.004) e quella fra 60-69 anni (11.631).

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
10:31

Il Lazio la regione con più vaccinati covid in Italia

Il Lazio è attualmente la regione con più vaccinati covid in Italia. Sono oltre 16mila  le persone che nel Lazio già hanno ricevuto una delle 45.805 dosi del vaccino Pfizer – Biontech consegnate. Una percentuale di oltre il 36% seconda solo a quella della provincia di Bolzano. I dati della Regione Lazio sulla prima fase di somministrazione di vaccini anti Covid-19 mostrano che le donne sono più degli uomini ad aver ricevuto le dosi (9.992). La fascia d’età che comprende il maggior numero di vaccinati è quella compresa tra i 50 e 59 anni (4.833) mentre la categoria più coinvolta è quella degli operatori sanitari e sociosanitari (67.781)

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
10:19

Regno Unito travolto da una nuova ondata di contagi covid: a Londra scuole chiuse

Il Regno Unito appare travolto dal nuovo ceppo del Coronavirus e dalla conseguente nuova ondata di contagi. Con quasi 58mila nuovi casi registrati in 24 ore  in molte aree del Paese dove si procede con blocchi ulteriori per evitare il dilagare dei casi.  A Londra le autorità hanno deciso di chiudere le scuole e c'è chi chiede la chiusura delle scuole in tutto il Paese.

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
09:49

Larry King ricoverato in ospedale per Covid

Il famoso giornalista americano Larry King è stato ricoverato in ospedale per Covid. Larry King, 87 anni, è stato ricoverato dopo essere risultato positivo al Covid-19. Il giornalista americano si troverebbe presso il Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles già da più di una settimana. Lo ha annunciato la Cnn, l'emittente tv americana in cui ha lavorato per 25 anni con il suo Larry King live, uno degli show più famosi d'America.  Il giornalista soffre di diabete di tipo 2 e ha avuto una serie di problemi medici, tra cui diversi attacchi di cuore, cancro ai polmoni e l'angina pectoris. Al momento non sono noti dettagli circa le sue condizioni di salute. I figli, come prevedono le regole per arginare il contagio, non possono andare a fargli visita.

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
09:37

Controlli su strade e autostrade per blocchi covid, sanzionate 19.141 persone

Sono 19.141 le persone sanzionate dalla polizia stradale durante i controlli per i blocchi covid in tuta Italia. Alla data del 27 dicembre 2020 la Polizia Stradale ha effettuato 1.439.339 controlli di persone, quasi equamente divisi tra viabilità autostradale ed ordinaria. I controlli amministrativi presso le aree di servizio sono stati 150.793.  E' quanto emerge dal bilancio 2020 della Polizia stradale che dalla istituzione delle prime ‘zone rosse' "ha profuso il massimo impegno nell'azione di controllo sul rispetto dei divieti di mobilità, attuando – nell'ambito di specifici dispositivi operativi definiti dalle Autorità provinciali di pubblica sicurezza e specie lungo la viabilità autostradale – posti di blocco per la verifica, nei confronti di tutta l'utenza, della sussistenza delle situazioni eccezionali che legittimavano gli spostamenti ai sensi della normativa di emergenza".

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
09:20

Il Governo pensa a restrizioni più severe anche dopo il 6 gennaio

Mancano pochi giorni alla data in cui tutte le Regioni dovrebbero tornare in zona gialla. Ma i nuovi casi di coronavirus continuano ad aumentare e il governo starebbe pensando a mantenere alcune delle rigide norme anti-contagio anche oltre l’Epifania. Si ragiona su una proroga almeno fino al 15 gennaio. Ma alcune restrizioni e chiusure potrebbero essere mantenute anche in zona gialla più a lungo: si pensa, ad esempio, a tenere chiusi bar, ristoranti e negozi anche nel weekend, introducendo allo stesso tempo limiti più severi agli spostamenti.

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
09:09

Nonna Fiorina a 108 anni vaccinata contro il coronavirus: "Ho già vinto la Spagnola sconfiggerò il virus"

"Ho già vinto la Spagnola anche se ero piccola e sconfiggerò il virus. Lo faccio per me, ma soprattutto per i miei nipoti" così nonna Fiorina Fiorelli a 108 anni ha voluto commentare la sua vaccinazione contro il coronavirus a cui è stata sottoposta in questi giorni nella Rsa di Tolfa, sulle colline di Civitavecchia, dove è ospite da diversi anni. "Lei che ha vissuto in prima persona anche l’epidemia influenzale “Spagnola”, ora fa conoscere la sua storia, come esempio di fiducia nella medicina. Alla signora Fiorina, alla sua famiglia e agli altri ospiti della residenza socio sanitario dove stanno partendo le vaccinazioni, così come agli operatori socio sanitari facciamo tanti auguri di Buon Anno!

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
08:49

Cambiano ancora le regole anti-contagio: domani si torna in zona arancione

Oggi, domenica 3 gennaio, è l'ultimo giorno di zona rossa (anche se per poco). Domani, infatti, lunedì 4 gennaio, scatterà la zona arancione in tutta Italia. Cambieranno di nuovo, quindi, le regole anti-contagio da seguire. Potranno riaprire i negozi, ma resteranno chiusi al pubblico bar e ristoranti che potranno lavorare solo con i servizi di asporto e consegna a domicilio. Ci si potrà muovere liberamente all'interno del proprio Comune e il modulo di autocertificazione servirà solo nel caso sia necessario spostarsi oltre i confini comunali: questo si potrà fare solo per ragioni di lavoro, salute o urgenza. Resterà comunque possibile fare visita ad amici e parenti (massimo un'uscita al giorno e nel limite di due persone) e si applicherà anche la deroga prevista dal governo per i piccoli Comuni nei giorni di zona arancione: chi vive in un Comune con meno di 5 mila abitanti potrà muoversi liberamente, senza autocertificazione, in un raggio di 30 chilometri, esclusi i capoluoghi. Il 5 e il 6 gennaio, comunque, tutta Italia tornerà nuovamente in zona rossa.

A cura di Annalisa Girardi
03 Gennaio
08:36

Di Lorenzo (Irbm): "Per l'Italia 50 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca entro giugno"

"AstraZeneca ha annunciato di essere pronta a produrre tre miliardi dosi nel 2021. Io credo che i circa 50 milioni di vaccini destinati all’Italia potranno arrivare tutti entro giugno", lo ha spiegato Piero Di Lorenzo, presidente e ad della Irbm di Pomezia, il centro di ricerca che in collaborazione con l’Università di Oxford ha sviluppato il vettore virale del vaccino anti covid più atteso nel nostro Paese. "L’Ema deve verificare tutta la documentazione poi deciderà. Per quanto ci riguarda non c’è alcun problema. Abbiamo fornito la stessa documentazione a tutte le agenzie. E l’Australia approverà il vaccino ad horas", ha aggiunto Di Lorenzo in una intervista a La Stampa, assicurando: "In 24 ore siamo in grado di iniziare a consegnare. L’Europa dovrà ricevere 400 milioni di dosi, il 13, 5% andrà all’Italia. Nel primo trimestre è in calendario la consegna al nostro Paese di 16 milioni di dosi"

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
08:26

Brusaferro: "Non è il momento di rilassarsi, l'epidemia è ancora in una fase molto pericolosa"

È ancora tropo presto per parlare di ritorno alla normalità e le prime vaccinazioni in Italia non devono farci abbassare la guardia, a lanciare l'avvertimento è Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità e componente del Comitato tecnico-scientifico. "Non è il momento di rilassarsi. Tutti i dati mostrano che l’epidemia non è finita, è ancora in una fase molto pericolosa. L’andamento dell’Rt, che indica la velocità di riproduzione del virus, sta di nuovo risalendo e il numero dei nuovi positivi rimane elevato" ha avvertito Brusaferrto in un intervista al Corriere della Sera, ricordando che "il vaccino è un segnale positivo di grande speranza però per i prossimi mesi dovremo continuare a mantenere uno stretto controllo dei comportamenti individuali e sociali"

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
08:21

In Usa superati i 350mila morti covid

In Usa continua a essere grave la situazione del contagio da coronavirus dei decessi covid, nell'ultima giornata registrate ulteriori 277.346 nuove infezioni, per un totale di contagi dall'inizio dell'epidemia che sale a 20.381.349.  Gli Stati Uniti hanno superato oggi anche la soglia dei 350mila morti a causa del coronavirus. Secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University, segnalati anche altre 2.300 vittime covid che portano il bilancio del Paese dall'inizio della pandemia a 350.186 morti. si pera molto nel vaccino visto che sono state anche già vaccinate più di 4 milioni di persone. Lo riferisce la Cnn citando i dati dei Cdc. Alle 9 del mattino di sabato le dosi iniettate erano 4.225.756 su un totale di 13.071.925 già distribuite.

A cura di Antonio Palma
03 Gennaio
08:15

Le ultime notizie sul Coronavirus Covid-19 di oggi, 3 gennaio 2021

Continua la campagna vaccinale covid in Italia dove si è superato quota 72mila vaccinati. Sono esattamente 72.397 le persone vaccinate contro il coronavirus in Italia, secondo l'ultimo dato disponibile sul portale online del commissario straordinario per l'emergenza. Arcuri: "Siamo Secondi in Ue". Ma resta molta differenza tra le regioni, In testa per numero di somministrazioni il Lazio, con 16.366 vaccinazioni (il 35,7% delle dosi disponibili). Subito dietro il Piemonte (9.478 – 23,2%), la Toscana (6.824 – 24,4%) e la Campania (6.671 – 19,7). Molto indietro la Lombardia (2.446 – 3%)

Intanto torna a salire il tasso di positività in Italia e anche i ricoveri covid sia nei normali reparti che in terapia intensiva, nell'ultimo bollettino del Ministero della salute registrati ulteriori 11.831 casi per un totale dall'inizio dell'emergenza sanitaria di 2.141.201 contagiati.  Si contano anche ulteriori 364 decessi per un bilancio totale che sale a 74.985 morti dall’inizio dell’epidemia. I guariti in Italia sono complessivamente 1.489.154 (+9.166). I casi attualmente positivi sono 577.062, di cui sono ospedalizzati 22.948, mentre i pazienti in terapia intensiva sono 2.569. I tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore però son stai solo 67.174. La Regione che fa registrare più casi su base giornaliera resta il Veneto con 3.165 contagi. Ecco i dati relativi agli incrementi delle ultime 24 ore, Regione per Regione:

Lombardia: +1.402

Piemonte: +433

Campania: +392

Veneto: +3.165

Emilia Romagna: +2.035

Lazio: +1.275

Toscana: +498

Sicilia: +734

Liguria: +203

Puglia: +344

Marche: +285

Abruzzo: +23

Friuli Venezia Giulia: +379

Umbria: +50

P.A. Bolzano: +86

Sardegna: +189

P.A. Trento: +116

Calabria: +175

Valle d'Aosta: +7

Basilicata: +39

Molise: +21

Il governo intanto studia le nuove regole dopo le feste con l'ipotesi zone rosse nei fine settimana sull'intero territorio con chiusura di bar, ristoranti, negozi, centri commerciali, oltre a vietare i movimenti non essenziali. L'Esecutivo starebbe riformulando i criteri legati per decretare le varie zone gialle, arancioni e rosse regionali. Ancora scontro tra governo ed enti locali sui meccanismi di riapertura delle scuole il 7 gennaio per la didattica a distanza i trasporti. Alcune fonti di governo spiegano addirittura che la riapertura potrebbe slittare al 18 gennaio.

Nel mondo 84.5 milioni di contagi da coronavirus e oltre 1,8 milioni di morti covid. Resta grave la situazione in Usa dove ormai si son superati i 350mila morti covid . Record di contagi anche in Europa con il Regno Unito il Paese più colpito in questo momento.

A cura di Antonio Palma
11.295 CONDIVISIONI
29788 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni