12 giugno 22:40 Per le autorità Usa la pandemia non è finita: “Il numero dei casi potrebbe aumentare ancora”

"La pandemia non è finita. Nelle prossime settimane potremmo vedere un aumento dei casi negli Usa, mentre gli Stati stanno riaprendo". Lo ha detto Jay Butler, il vicedirettore per le malattie infettive dei centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) Usa, il quale ha invitato gli americani alla cautela. Butler ha anche ricordato l'importanza del rispetto delle regole di distanziamento sociale e dell'uso delle mascherine. I Cdc hanno anche aggiornato i calcoli sulle morti previste a causa del SARS-Cov-2 entro il 4 luglio, quando il totale dovrebbe raggiungere quota 130.000. Gli stati in cui si prevedono più decessi sono: Arizona, Arkansas, Hawaii, North Carolina, Utah, e Vermont. Gli ultimissimi dati confermano una temuta tendenza: Florida e Texas hanno registrato negli ultimi 7 giorni il più alto numero di contagi da inizio pandemia. Butler ha sottolineato l’ importanza di essere "preparati" per l’autunno, in vista di una seconda ondata: "Non sappiamo cosa succederà , ma dobbiamo mettere tutto il nostro impegno per essere pronti a nuove sfide".

12 giugno 21:03 In Liguria alert da primi 3 positivi tracciati con l’App Immuni

In Liguria c’è stato  "lo sblocco dei primi tre codici dell’app Immuni per il tracciamento del contagio su tre soggetti trovati positivi". Lo ha annunciato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti nel punto stampa quotidiano sull’emergenza Coronavirus. "È accaduto nell’Asl 3 di Genova nel corso della settimana – ha spiegato-. Tre soggetti risultati positivi al tampone sono stati forniti del codice numerico per dare l’alert nell’app Immuni". Tutti quelli che hanno scaricato l'app e sono entrati in contatto con loro verranno avvisati.

12 giugno 20:37 Rezza: “Rt inferiore a 1 in tutte le regioni ma impossibile escludere nuovi focolai”

La situazione epidemiologica in Italia "continua a migliorare e l'incidenza di Covid è in diminuzione pressoché in tutte le regioni". Lo afferma il direttore generale della prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, commentando i dati del monitoraggio nelle regioni italiane. L'indice di trasmissibilità Rt "è al di sotto di 1 in tutte le aree del paese. Naturalmente – avverte – il virus continua a circolare anche se a bassa intensità, per cui non si può escludere l'occorrenza di possibili focolai".

12 giugno 19:52 Il commissario Arcuri: “Da lunedì l’App Immuni sarà utilizzabile in tutta Italia”

Lo aveva già anticipato nella serata di ieri il premier Giuseppe Conte, ed ora è il commissario speciale per l'emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri, a confermarlo: da lunedì 15 giugno l'App Immuni per il tracciamento del contagio sarà scaricabile e utilizzabile in tutta Italia. "I 2 milioni e 200mila italiani che l'hanno già scaricata lo hanno fatto spontaneamente – ha aggiunto Arcuri parlando ai microfoni di SkyTg24 -. Da lunedì ci sarà una massiccia campagna di comunicazione. Voglio ribadire che è anonima e resterà tale fino alla fine del suo uso e che è una componente fondamentale nella strategia del contenimento della pandemia nel proprio Paese. Abbiamo voluto e dovuto ottemperare alle esigenze di privacy e abbiamo impiegato il minimo del tempo".

12 giugno 19:41 “Da domani confini aperti tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia”: l’annuncio del governatore Fedriga

"Ringrazio il Capo del governo sloveno per aver anticipato i tempi della riapertura dei confini al Friuli Venezia Giulia. Questo importante risultato è il frutto del costante colloquio portato da sempre avanti tra la nostra regione e la Repubblica di Slovenia". Lo ha affermato in una nota il governatore del Friuli Venezia Giulia, Fedriga, sulla riapertura delle frontiere con la Slovenia a partire da domani, sabato 13 giugno.

12 giugno 19:37 Iss: “I nuovi casi dimostrano che l’epidemia non è finita, infezione contratta 2-3 settimane prima”

In "quasi tutta la Penisola sono stati diagnosticati nuovi casi di infezione nella settimana di monitoraggio" e ciò evidenzia "come l'epidemia in Italia di Covid-19 non sia ancora conclusa". Lo evidenzia il monitoraggio del ministero della Salute e Istituto superiore di Sanità che riporta i dati dall'1 al 7 giugno. Molti dei casi notificati in questa settimana "verosimilmente hanno contratto l'infezione 2-3 settimane prima, ovvero tra la prima e seconda fase di riapertura (tra l'11 e il 25 maggio)". Si invita, pertanto, "alla cautela" dal momento che "in alcune parti del Paese la circolazione di SARS-CoV-2 è ancora rilevante".

12 giugno 19:18 L’Oms: “Non c’è nessuna garanzia che sarà trovato un vaccino per il Coronavirus”

"Dobbiamo imparare a convivere con il virus. Speriamo di trovare un vaccino efficace ma non è garantito che questo accada". E' quanto ha affermato il capo dell'emergenze dell'Oms, Mike Ryan, nel consueto briefing quotidiano sulla pandemia, aggiungendo che i governi di tutto il mondo devono trovare un equilibrio tra il controllo del virus e le conseguenze sociali ed economiche delle misure messe in campo".

12 giugno 18:31 Bollettino Lombardia: “Ancora 272 nuovi casi e 31 morti”

Su 14.837 tamponi sono 272 i nuovi positivi in Lombardia per un totale complessivo di 91.204 persone contagiate in Regione. L'indice positivi-tamponi è all'1,8%. I decessi sono 31 per un totale di 16.405. Ieri c'erano stati 252 nuovi casi con 13.376 tamponi (indice 1.9%) e 25 decessi. Senza variazioni il numero dei ricoverati in terapia intensiva (97), mentre diminuiscono i ricoveri negli altri reparti (2.357, -131). I nuovi casi positivi registrati a livello regionale rappresentano il 70% di quelli  su base nazionale, secondo quanto confermato dal bollettino odierno della Protezione civile.

12 giugno 17:49 Protezione civile: “In Italia 236.305 positivi, di cui 34.223 morti”

La Protezione civile ha reso noto il bollettino di oggi, venerdì 12 giugno, dell'emergenza Coronavirus in Italia: sono 236.305 i casi positivi al nuovo Coronavirus in Italia (+393 rispetto a ieri), di cui 173.085 guariti (+1.747) e 34.223 decessi (+56) secondo il bilancio aggiornato.

12 giugno 17:46 Il ministro Speranza dopo l’incontro con i pm di Bergamo: “Massima disponibilità verso chi indaga”

"Penso che chiunque abbia avuto responsabilità dentro questa emergenza, dal capo dell’Oms al sindaco del più piccolo Paese, debba essere pronto a rendere conto delle scelte fatte.
È la bellezza della democrazia. È giusto che sia così. Da parte mia ci sarà sempre massima disponibilità nei confronti di chi sta indagando". E' quanto ha scritto il ministro della Salute Roberto Speranza in riferimento al suo incontro a Palazzo Chigi con i pm di Bergamo che indagano nell'ambito dell'indagine sulla mancata zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro.

12 giugno 17:34 “Le madri positive al Coronavirus possono allattare”: l’annuncio dell’Oms

"Le neomamme con sospetto Coronavirus o risultate positive devono allattare i loro bambini e non essere separate da loro a meno che non si sentano troppo male". Lo ha detto il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel consueto briefing sulla pandemia. "Sulla base dei dati che abbiamo i benefici dell'allattamento superano di gran lunga ogni potenziale rischio di trasmissione del Covid-19", ha spiegato l'esponente dell'Organizzazione mondiale della Sanità.

12 giugno 17:13 Campionato di Serie A, se un giocatore è positivo nessuno stop per squadra

Non scatterà la quarantena per l’intera squadra nel caso uno dei giocatori o membri dello staff risulterà positivo. È la modifica chiesta dalla Federcalcio e accolta dal Comitato tecnico scientifico: in caso di positività infatti ad andare in isolamento sarà solo il giocatore positivo mentre il resto della squadra sarà sottoposto a tampone per vedere se ci sono altri contagi. La modifica delle modalità della quarantena consentirà alla squadra di non fermarsi e al campionato di proseguire.

12 giugno 17:06 Da lunedì 15 giugno riapre il Terminal 1 dell’aeroporto di Malpensa

malpensa_scalo

Da lunedì 15 giugno riapre il Terminal 1 dell'aeroporto di Milano Malpensa dopo la chiusura dello scorso marzo durante il lockdown per l'emergenza Coronavirus. L’accesso verrà gestito tramite misurazione della temperatura corporea e distanziamento sociale. Obbligatorio per i passeggeri l'uso della mascherina e l'igienizzazione delle mani. Chiuderà, invece, il Terminal 2, unico ad essere rimasto aperto durante la pandemia.

12 giugno 16:54 La provincia dell’Hubei abbassa il livello di emergenza: a Wuhan non si registrano casi da 12 giorni

La provincia cinese dello Hubei, primo epicentro dell'infezione da Covid-19, abbasserà il livello di risposta d'emergenza al nuovo Coronavirus dal livello II al livello III a partire da domani. Yang Yunyan, vicegovernatore dello Hubei, ha affermato che le misure di prevenzione e controllo saranno regolate e ottimizzate di conseguenza. Alla data di ieri, non si segnalano nuovi casi asintomatici nel capoluogo di provincia Wuhan da 12 giorni consecutivi. Altre aree della provincia non hanno registrato casi del genere da nove giorni.

12 giugno 16:41 Nel Regno Unito altri 200 morti Covid nelle ultime 24 ore

Resta pesante, rispetto alla media europea, l'incremento giornaliero di decessi da Coronavirus nel Regno Unito con 202 vittime censite nelle ultime 24 ore contro le 151 di ieri. Lo rende noto il ministero della Sanità, indicando ora una somma di morti certificati con il tampone pari a 41.481 dall'inizio della pandemia, seppure sottolineando come il bilancio settimanale sia il più basso da marzo.

12 giugno 16:06 USA, rischio seconda ondata a settembre

Una seconda ondata di coronavirus potrebbe colpire gli Stati Uniti verso settembre. La preoccupazione arriva sulla base del nuovo modello scientifico dell'Institute of Health Metrics and Evaluation (Ihme) dell'Università di Washington. I ricercatori – come riporta il Seattle Times – prevedono anche che il bilancio delle vittime per il Covid-19 negli Usa raggiungerà i 170 mila decessi entro il primo ottobre, questo significa altri 57 mila nei prossimi mesi. Il direttore dell'Ihme, Christopher Murray, ha spiegato pero' che queste morti non sono inevitabili: "Speriamo che il nostro modello sia smentito dalle azioni rapide che singoli individui e governi adottano per ridurre la trasmissione"

12 giugno 15:57 Il virologo Palù: “95% italiani non ha avuto infezione, quindi è ancora suscettibile al virus”

Circa il 95% della popolazione italiana non ha contratto l'infezione da SarsCov2, ed è dunque ancora suscettibile al virus. Il dato emerge allo studio in via di pubblicazione del virologo dell'università di Padova, Giorgio Palù, sulla base dei dati raccolti dalle Regioni e dalle stime ottenute con test sierologici ad alta sensibilità. Emerge inoltre che i tassi di immunità al virus sono invece maggiori in provincia di Bergamo e in altre aree della Lombardia, dove l'infezione è circolata di più.

12 giugno 15:17 Il flop dell’analisi sui test sierologici, i medici: “Nessun coinvolgimento con le Regioni”

I test sierologici predisposti dal governo su un campione di 150mila persone procedono a rilento, anche a causa di una carenza di comunicazioni da parte delle Regioni e delle Province autonome, che avrebbero dovuto avvisare i medici di base dei pazienti che si dovrebbero sottoporre al test. Il sindacato medici italiani, però, denuncia che non c’è stato alcun reale coinvolgimento.

12 giugno 15:12 Ministro Gualtieri: “Fiducioso che continui trend positivo”

"Sono fiducioso che il trend positivo continui, siamo i primi ad aver sperimentato un lockdown completo. Gli italiani sono responsabili e disciplinati e lo dimostra anche il modo in cui stiamo venendo fuori dal lockdown. Anche la nostra realtà economica dimostra questa capacità di resilienza". Così il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri al 24simo forum annuale organizzato da Goldman Sachs.

12 giugno 14:33 Kyriakides: Pandemia non è finita in Ue”

"Al 9 di giugno l'incidenza del coronavirus è calata del 80% rispetto al picco del 9 aprile", ma questa pandemia non è finita: non siamo ancora fuori pericolo". Lo ha detto la commissaria alla Sanità, Stella Kyriakides, in una conferenza stampa dopo la riunione in videoconferenza con i ministri della Salute dell'Ue. "Dobbiamo essere pronti a fare marcia indietro sull'allentamento delle misure (di confinamento) se necessario", ha detto Kyriakides.

12 giugno 14:14 Crisanti: “Test sierologici a studenti per mappare contagi passati in classe”

"Con l'inizio delle scuole siamo disponibili a fare degli studi per capire come è avvenuta la diffusione del virus nella comunità scolastica in passato. Sarebbe interessante fare dei campionamenti sierologici a varie fasce d'età per corroborare le nostre affermazioni". Lo ha detto Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di Microbiologia e virologia di Padova, nel corso di un incontro organizzato dal Comune di Padova sulla riapertura di scuole e centri estivi. A questo proposito, Crisanti ha osservato che "se consentiamo agli adulti di andare allo stadio e in discoteca, non vedo problemi per le scuole. Una classe con bimbi di 7-8 anni è più sicura di una situazione con adulti che bevono spritz o fanno una festa a casa. Per proteggere gli insegnanti le mascherine sono sufficienti".

12 giugno 14:00 Trapianto di midollo su bimbo positivo: intervento realizzato dall’equipe di Locatelli

È riuscito all'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù il trapianto di midollo per un bambino di 6 anni che era affetto da leucemia linfoblastica acuta e, che, nel mese di marzo, era risultato positivo al nuovo coronavirus con i genitori. Lo comunica l'ospedale in una nota aggiungendo che "per favorire l'eliminazione del virus, il bambino era stato ricoverato al Centro Covid di Palidoro e sottoposto in via compassionevole al trattamento con plasma ottenuto da un soggetto guarito dall'infezione virale". Una volta negativizzato, è stato possibile eseguire il trapianto con le cellule staminali emopoietiche prelevate dal papà, anche lui intanto guarito dal virus. Ora il bambino sta bene, non ha avuto complicanze e verrà sottoposto ai normali controlli post-trapianto. A eseguire l'intervento l'equipe del professore Franco Locatelli.

12 giugno 13:51 Ad agosto ripartono i pellegrinaggi

Ripartono i pellegrinaggi. Tra i primi enti a muoversi c'è l'Opera Romana Pellegrinaggi che dal 24 al 27 agosto porterà i fedeli a Lourdes, in Francia. Si tratte del primo viaggio della diocesi di Roma dopo l'emergenza coronavirus e a guidarlo saranno il cardinale vicario Angelo De Donatis e il presidente dell'Orp mons. Remo Chiavarini. Pronto per settembre il pellegrinaggio in Terra Santa e ad ottobre a Fatima, in Portogallo.

12 giugno 13:44 Zona rossa, terminata dopo 3 ore l’audizione di Conte

Dopo circa tre ore è terminata l'audizione del premier Giuseppe Conte a Palazzo Chigi con la pm di Bergamo Maria Cristina Rota sulla mancata istituzione della zona rossa a Nembro e Alzano Lombardo. Il magistrato deve ancora ascoltare i ministri Roberto Speranza e Luciana Lamorgese, arrivati intorno alle 12.45 a Palazzo Chigi. Il presidente del Consiglio è stato ascoltato come persona informata dei fatti, così come lo saranno il ministro della Salute e la responsabile dell'Interno.

12 giugno 13:35 In aumento i donatori di sangue tra i giovani: in 411.000 hanno “sfidato” il lockdown

Durante la Fase 1 della pandemia di coronavirus c'è stata un'ottima risposta dei donatori di sangue, con 411.000 persone che hanno "sfidato" il lockdown, e in generale nel 2019 sono tornati a crescere i donatori giovani, tra i 18 e i 25 anni, in calo dal 2013. È quanto emerge dai dati del Centro Nazionale Sangue resi noti in vista della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, che si terrà il 14 giugno.

12 giugno 13:25 Riaperture 15 giugno: cosa si potrà fare da lunedì

Col nuovo Dpcm arrivano certezze sulle riaperture dal 15 giugno. A partire da lunedì riprende l'attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo. Riaprono i battenti anche centri benessere, centri termali, culturali e centri sociali, se gli enti locali avranno verificato l'esistenza di condizioni in base ai dati relativi alla curva epidemiologica. Riaprono il 15 giugno anche cinema, sale teatrali, sale da concerto. Per gli spettacoli al chiuso, il numero massimo di spettatori è 200 e sarà necessario indossare la mascherina, per gli spettacoli all’aperto il numero massimo di spettatori è 1.000. Le discoteche potranno riaprire solo a partire dal 14 luglio e gli sport di contatto saranno vietati fino al 25 giugno.

12 giugno 12:59 A Pechino sospesa la riapertura delle scuole elementari: ci sono nuovi casi di coronavirus

Pechino ha sospeso la riapertura delle scuole elementari, per gli allievi di prima, seconda e terza, dopo la conferma di tre nuovi casi di Covid-19 negli ultimi giorni. Per gli allievi dei primi tre anni delle elementari il ritorno in classe era previsto lunedì prossimo.

12 giugno 12:39 Brusaferro: “Dobbiamo sviluppare la capacità di reagire alle cose inattese”

"Per il futuro dobbiamo sviluppare la capacità di reagire alle cose inattese: in alcuni aspetti questa epidemia era inattesa, o attesa in altre modalità. Non eravamo pronti forse a gestire la curva di un'epidemia di questo tipo. Una delle sfide che abbiamo è riflettere su come preparare le persone a reagire alle cose inattese. Dobbiamo essere preparati per questo". Lo ha detto Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità,  parlando al webinar "Rischi globali: come affrontarli nel mondo post Covid-19" organizzato dal Cnel. "Non possiamo escludere per il futuro – ha aggiunto Brusaferro – che grandi crisi inattese, di tipo sanitario o di altro genere, possano accadere, e quindi dobbiamo essere preparati con modelli scientifici ma anche le persone dovranno esserlo".

12 giugno 12:21 Morto il direttore della rsa San Camillo di Genova: si era ammalato di Covid a marzo

È morto il direttore amministrativo della rsa San Camillo di Genova, una delle residenze per anziani finita nel mirino della procura di Genova per l'alto numero di contagi e di decessi durante l'emergenza sanitaria. Carlo Giacobbe aveva 63 anni e all'interno dell'istituto era stato contagiato dal Covid 19 quando, a marzo, nella struttura un focolaio aveva ucciso 29 anziani su 136 ospiti. A metà aprile inoltre alla San Camillo era morto a causa del  virus anche un operatore socio-sanitario di 59 anni. Giacobbe era stato ricoverato per alcuni giorni all'ospedale San Paolo di Savona, poi era stato dimesso ma le sue condizioni sono peggiorate negli ultimi giorni con un nuovo trasferimento d'urgenza all'ospedale San Martino di Genova. Questa mattina il decesso.

12 giugno 12:06 Procura di Ferrara apre inchiesta su case di riposo per valutare i “veri” morti per Covid

La procura di Ferrara ha aperto una maxi inchiesta sulle case di riposo dell'Argentano – Residenza Manica, la Fiorana e Villa Aurora – per verificare e valutare i "veri" morti per coronavirus nelle strutture, modalità e cause dei contagi all'interno, anche tra gli operatori, alla luce del fatto che l'Argentano è stato il focolaio più importante e di difficile gestione nel Ferrarese e nelle tre strutture ci sono stati 29 decessi e numerosi casi di operatori risultati positivi. Lo riporta la Nuova Ferrara. La Procura si affida a tecnici, in particolare a un superperito. Ha nominato un virologo di Padova, Saverio Parisi, che fa parte del pool di esperti del dipartimento universitario guidato da Andrea Crisanti. L'inchiesta ha accorpato diversi fascicoli già aperti in procura: al momento si indaga per omicidio colposo. Nel nuovo fascicolo sono stati accorpati una prima indagine sul decesso di una donna 90enne, ospitata alla Residenza Manica, il cui figlio chiedeva conto e ragioni della morte della madre e a questi si sono aggiunti altri esposti. Un altro, più generico del Codacons, in cui si chiede di chiarire i motivi dei decessi nelle case di riposo e accertare se siano stati causati da omissioni o altro. In questi giorni è stato depositato un altro esposto, sempre sulla situazione della struttura Residenza Manica che verrà inserito nel fascicolo della maxinchiesta che diventerà contenitore di atti giudiziari sulla materia.

12 giugno 11:40 Zona rossa Alzano-Nembro, i pm di Bergamo stanno interrogando Conte, Speranza e Lamorgese

Il procuratore aggiunto di Bergamo, Maria Cristina Rota, è entrata a Palazzo Chigi, dove sta ascoltando il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, come persona informata sui fatti per l’inchiesta portata avanti dai giudici di Bergamo sulla mancata istituzione della zona rossa ad Alzano Lombardo e Nembro. La pm sta ascoltando in queste ore, sempre a Palazzo Chigi, anche il ministro della Salute, Roberto Speranza, e la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese. Con il procuratore a Palazzo Chigi ci sono anche i sostituti Paolo Mandurino, Silvia Marchina e Fabrizio Gaverini. Negli scorsi giorni sono stati già ascoltati il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, l’assessore regionale lombardo al Welfare, Giulio Gallera, e il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro.

12 giugno 11:34 Nell’estate del Covid-19 il 49% degli italiani rinuncerà alle vacanze

Poco più della metà degli italiani (51%) ha deciso di andare in vacanza nei prossimi mesi, anche se solo il 5,5% ha già prenotato. Sul podio delle mete in Italia più gettonate troviamo la Sicilia insieme a Toscana e Puglia. Il 92.3% del campione ha dichiarato di trascorrere una vacanza in Italia, solo il 7.8% andrà all'estero. È quanto emerge da un'indagine realizzata da Demoskopika sull'identikit del turista post pandemia che l'Ansa anticipa in esclusiva. Ben 4 su 10 optano per soluzioni ricettive ritenute "più sicure": appartamento preso in affitto (18,9%), casa di proprietà della famiglia (17,4%) oppure ospite di parenti o amici (5,2%). L'indagine realizzata da Demoskopika per conto del Comune di Siena ha coinvolto un campione di 1.539 cittadini intervistati. "Il turista post Covid-19 – così il presidente di Demoskopika, Raffaele Rio – ha voglia di villeggiare quasi esclusivamente in Italia e in totale sicurezza. L'epidemia sanitaria non poteva non ripercuotersi inevitabilmente anche sui consumi turistici. In questo quadro, saranno premiate quelle destinazioni turistiche che meglio sapranno interpretare i desiderata del mercato autoctono". "Rilevare l'opinione degli italiani – ha detto l'assessore al turismo del Comune di Siena, Alberto Tirelli – rappresenta uno strumento fondamentale per assumere un piano di azioni maggiormente consapevole in direzione di un rilancio concreto e più incisivo del comparto turistico".

Il 49% degli italiani questa estate rinuncerà alle vacanze e una buona fetta lo farà per motivi economici. In primo luogo perché, "pur volendo", i cittadini hanno ancora timore a viaggiare (24,9%). L'8,7% del campione intervistato ha "già rinunciato, al di là del Coronavirus" ma colpisce il 15,3% del campione intervistato che non ha programmato la villeggiatura con la famiglia dichiarando di "non avere le possibilità economiche". Si tratta di quasi 8 milioni di italiani rinunciatari per "cause di forza maggiore" principalmente tra le categorie dei lavoratori autonomi (21,4%) in misura doppia rispetto ai lavoratori dipendenti (12,7%). Tra le categorie che hanno maggiori problemi gli artigiani, i commercianti, i disoccupati e gli operai e, infine chi possiede un reddito basso (19%), rispetto a chi ha palesato una condizione economica decisamente migliore (5,3%).

12 giugno 11:20 Crolla produzione industriale in Europa, Eurostat: “Tornata a livelli degli anni ’90”

Ad aprile crolla la produzione industriale in Europa: -17,1% nella zona euro e -17,3% nell'Ue-27 rispetto a marzo. Lo rende noto Eurostat. Si tratta del più grande calo mai registrato dall'inizio delle misurazioni mensili, nettamente superiore ai -3% e -4% osservati fra il 2008 e il 2009 durante la crisi finanziaria. "Globalmente, la produzione industriale sia nell'Eurozona che nell'Ue è crollata a livelli visti per l'ultima volta a metà degli anni '90", è quanto fa sapere l'istituto di statistica.

12 giugno 11:07 Zampa: “Seconda ondata di contagi? Siamo già organizzati”

Il virus circola ancora, ci sono ancora presenze di piccoli focolai. Probabilmente in questo momento anche il clima aiuta perché la gente sta di più all’aperto. Siccome fino ad ora non ci sono certezze, in presenza di un’attività del virus ancora in essere, sarebbe sciagurato stavolta immaginare che governiamo tutto quando il virus ha dimostrato che non è così. Noi siamo già organizzati, questa volta non ci sarebbero giustificazioni se ci facessimo trovare impreparati". Lo ha detto la sottosegretaria al ministero della Salute, Sandra Zampa (Pd) intervenendo durante la trasmissione "L’Italia s’è desta" su Radio Cusano Campus. "C’è il monitoraggio, abbiamo aumentato il numero dei posti in terapia intensiva, ci sono formule terapeutiche più efficaci, c’è molto in campo già pronto. Dobbiamo tornare a una vita normale, consapevoli però che il virus c’è, dobbiamo convivere col virus comportandosi con intelligenza”, ha spiegato. Quanto ai "tamponi vanno fatti in gran numero, ma con intelligenza, bisogna avere dei target. Sarebbe inutile fare tamponi a casaccio. Una campagna intelligente significa che se c’è un nucleo familiare dove c’è un contagiato, vanno controllati tutti gli altri componenti della famiglia. Gli operatori sanitari vanno continuamente controllati”.

12 giugno 10:47 Nato a Wuhan il figlio del medico-eroe che diede allarme e poi morì di Covid

È nato in un ospedale di Wuhan il figlio di Li Wenliang, il medico che tra i primi denunciò l'epidemia in corso nella città dell'Hubei e poi morì proprio a causa del Covid.19. La vedova, Fu Xuejie, ha dato alla luce il bimbo in un ospedale della città che è stata epicentro in Cina della pandemia di coronavirus. "Marito mio, ci vedi dal paradiso? L’ultimo regalo che mi hai fatto è nato oggi. Lavorerò sodo per amarli e proteggerli”, le parole della neomamma su WeChat. Lo ha riferito il South China Morning Post.

12 giugno 10:27 Federazione case farmaceutiche: “Ancora lontana la capacità produttiva per il vaccino”

Le case farmaceutiche non sarebbero in grado di produrre "neanche lontanamente" le dosi di vaccino necessarie per fermare la pandemia del coronavirus: sarebbero necessarie tra 12 e 15 miliardi di dosi a livello mondiale per le quali non ci sono abbastanza fabbriche. A dirlo Thomas Cuen, direttore generale della Federazione internazionale dei produttori e delle associazioni farmaceutiche (Ifpma), tramite una nota stampa nella quale ha aggiunto che sarà fondamentale nel breve periodo espandere la produzione. Le principali aziende farmaceutiche, infatti, nonostante gli sforzi compiuti nelle ultime settimane sarebbero in grado di distribuire sul mercato solamente la metà della quantità di dosi necessarie.

12 giugno 10:08 In Quebec no ai respiratori ai malati di Sla e persone con sindrome di Down

Il governo del Quebec avrebbe distribuito a medici e ospedali un protocollo per l’accesso alle terapie intensive che permette, in caso di carenza di letti, di negare un respiratore a una persona affetta da sindrome di Down, Parkinson, Sla o grave disturbo autistico. Avvenire scrive che il documento risale al primo aprile, ma l’Amministrazione della provincia francofona canadese ne ha finora messo a disposizione del pubblico solo una parte, rifiutandosi di pubblicare i criteri di esclusione stabiliti nelle appendici. Avvenire ne ha preso visione grazie alla Société Québécoise de la déficience intellectuelle, Sqdi, che ha di recente lanciato una petizione per chiedere al primo ministro François Legault di rivedere il documento. All’inizio di giugno i deputati liberali hanno denunciato all’Assemblea nazionale la presenza, nel protocollo, di condizioni mediche che rendono di fatto un paziente non ammissibile alla terapia intensiva, definendole una violazione della Carta dei diritti e delle libertà dell’uomo, della Carta canadese dei diritti e delle libertà e dalla Convenzione sui diritti delle persone con disabilità. Il ministro della Salute, Danielle McCann, non ha negato l’esistenza dei criteri di esclusione, ma ha detto che sono applicati solo in situazioni estreme, che non si sono ancora presentate. Il documento elenca fra i criteri di esclusione "una grave compromissione cognitiva e l’incapacità di svolgere le attività quotidiane e domestiche in modo indipendente a causa di una malattia progressiva", nonché malattie neuromuscolari, come il Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica.

12 giugno 09:53 Centro europeo malattie: prima ondata ha superato il picco, ma la pandemia non è finita

La prima ondata di contagio ha superato il suo picco in tutti i paesi europei, tranne in Polonia e Svezia, ma la pandemia non è finita e "previsioni ipotetiche indicano che un aumento dei casi è probabile nelle prossime settimane". È quanto scrive il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie nel suo rapporto aggiornato sul rischio Covid-19.

12 giugno 09:37 Quasi 16.000 morti per Covid in Messico

In Messico sono quasi 16.000, l'ultimo bilancio parlava di 15.944, i decessi a causa della pandemia. Lo hanno confermato le autorità sanitarie, precisando che sono stati accertati 4.790 nuovi contagi e che ci sono stati negli ultimi giorni altri 587 decessi per complicanze provocate dal Covid-19. .

12 giugno 09:24 Sei nuovi casi di coronavirus importati in Cina, a Pechino uno locale

La Cina conferma sette nuovi casi di coronavirus, uno di trasmissione locale a Pechino e sei importati o di ritorno. Sale così, secondo il bilancio della Commissione sanitaria nazionale, a 83.064 il numero dei casi di coronavirus registrati nel Paese asiatico dall’inizio dell’emergenza, con 78.365 persone dichiarate guarite. Non vengono segnalati altri decessi e il bilancio resta fermo a 4.634 morti, mentre sono 1.803 i casi importati con 63 persone ricoverate in ospedale. Cinque dei sei nuovi casi di ritorno vengono segnalati a Shanghai, l’altro nella provincia di Fujian.

12 giugno 09:12 Regno Unito: Pil -20,4% ad aprile su marzo, -24,5% su anno

Il prodotto interno lordo del Regno Unito è sceso del 20,4% ad aprile rispetto al mese precedente e del 24,5% rispetto allo stesso mese del 2019. Il calo è maggiore delle stime degli analisti che prevedevano un calo del 18,7%. Il calo per effetto del lockdown in seguito al diffondersi del Covid-19 segue quello di marzo del 5,4%.

12 giugno 08:56 Come ripartirà la scuola in Sicilia: lezioni di 40 minuti e mascherine fuori dall’aula

Mascherina non in aula me in tutte le aree comuni degli istituti e lezioni (presumibilmente solo per gli istituti superiori) di 40 minuti per permettere doppi turni. Sono queste le prime due importanti novità alle quali sta pensando la task force della Regione Siciliana costituita per far rientrare in classe gli studenti che, verosimilmente, sull'isola avverrà dopo metà settembre. Il piano per le riaperture, come si legge in un articolo del Giornale di Sicilia, non indicherà una sola soluzione ma a seconda degli alunni iscritti, della sede e del tipo di lezioni ogni dirigente scolastico utilizzerà una o più idee messe sul tavolo dalla Regione. Per quanto riguarda la scuola dell'infanzia ci saranno regole più specifiche.

12 giugno 08:42 Ieri 379 nuovi positivi in Italia: impennata di casi in Lombardia

È tornato a crescere il numero dei nuovi positivi in Italia. Secondo l'ultimo bollettino diffuso dalla Protezione Civile, sono in totale 379 quelli rilevati ieri. Il giorno precedente erano stati 202. Preoccupante il dato della Lombardia, Regione più colpita d'Italia dalla pandemia, che segna 252 contagi in più dopo i +99 del giorno prima. Anche il Piemonte segnala un dato non incoraggiante, con un +42, nelle 24 ore precedenti si era registrato un +26. Diminuiscono invece i decessi, che sono 53 contro i 71 di mercoledì. La metà delle morti sono avvenute in Lombardia.

12 giugno 08:26 Nel mondo più di 7,5 milioni i casi di coronavirus

Nel mondo sono ormai più di 7,5 milioni i casi confermati di coronavirus. È quanto emerge dai dati aggiornati della Johns Hopkins University che parlano di 7.514.559 di contagi a livello globale. I decessi sono 421.458. Gli Usa restano il Paese più colpito con 2.023.347 di casi e 113.820 morti.

12 giugno 08:10 Inchiesta zona rossa Alzano e Nembro, oggi l’audizione di Conte

Attesa per oggi l'audizione del premier Giuseppe Conte, sentito come persona informata sui fatti dai pm di Bergamo che sono a Roma per raccogliere le deposizioni degli esponenti di governo e dei tecnici che hanno lavorato al loro fianco nell'emergenza Coronavirus e in particolare per avere la loro versione sulla mancata zona rossa ad Alzano e Nembro. Sulla vicenda la magistratura ha acceso un faro per capire se istituirla spettava al Governo o alla Regione o a entrambi, se ci siano o meno responsabilità penali e se il non aver isolato i due Comuni sia stata una delle cause che ha portato all'alto numero di morti in Val Seriana e nelle sue Rsa, altro tema di indagine assieme a quello del caso dell'ospedale di Alzano. Saranno ascoltati anche il ministro della Salute, Roberto Speranza, e quello dell’Interno, Luciana Lamorgese.

12 giugno 07:55 In America Latina più di un milione e mezzo di contagi

Hanno superato la soglia del milione e mezzo i contagi in America Latina, secondo quanto risulta da un conteggio dell'agenzia Afp. Il Paese più colpito resta il Brasile, che ha superato gli 800.000 casi e i 40.000 morti, con un aumento di 100.000 contagi negli ultimi tre giorni. Da giorni la pandemia in America Latina ha subito una decisa impennata, con un numero quotidiano di contagi variante fra i 35.000 ed i 50.000, e con almeno 1.200-1.500 morti. Da solo il Brasile contribuisce al bilancio generale con circa la metà dei contagiati. Seguono il Perù, con 214.788 contagiati e 6.109 morti, il Cile (154.092 e 2.648) e poi il Messico (129.184 e 15.357).

12 giugno 07:32 Ieri per la prima volta zero morti in Emilia Romagna, Bonaccini: “Mi sono commosso”

"Dopo tre mesi, per la prima volta, zero decessi. Quando mi hanno consegnato poche ore fa la tabella con i dati quotidiani mi sono commosso. Non abbiamo ancora sconfitto questo maledetto virus e guai ad abbassare la guardia. Ma siamo sulla strada giusta. Ci rialzeremo": è il messaggio affidato a Twitter dal presidente dell'Emilia Romagna Stefano Bonaccini. Nella giornata di giovedì, per la prima volta dall'inizio dell'emergenza sanitaria, non ci sono state vittime del Covid in Emilia Romagna. Il numero dei morti è fermo a 4.192. Salgono a quota 27.995 i casi di positività: 25 in più rispetto a mercoledì, di cui 18 persone asintomatiche individuate attraverso l'attività di screening regionale. Sono 18 le persone ricoverate in terapia intensiva.

12 giugno 07:19 Firmato il nuovo Dpcm: le regole dal 15 giugno

Nella serata di ieri è stato firmato il nuovo Dpcm. "Riprenderanno i centri estivi, anche per l'età da nido ovvero da 0 a 3 anni. Riprendono gli spettacoli con alcune cautele. Restano sospese fino al 14 luglio tutte le attività legate a sale da ballo, discoteche all'aperto o al chiuso che siano, e anche fiere e congressi. Riaprono centri benessere e terme sempre che ci sia compatibilità con l'andamento dell'epidemia", ha detto il premier Giuseppe Conte presentando il nuovo decreto. Altre novità riguardano gli eventi sportivi. "A decorrere dal 12 giugno -ha spiegato Conte – riprendono gli eventi e le competizioni sportive a porte chiuse, quindi anche la Coppa Italia di calcio, senza la presenza di pubblico nel rispetto dei protocolli che sono stati emanati dalle rispettive federazioni sportive al fine di prevenire occasioni di contagio. Il 25 giugno possono riprendere gli sport di contatto amatoriali se le Regioni ma anche il ministro dello Sport e il ministro della Salute accertino che ricorra la compatibilità dello svolgimento delle suddette attività con l'andamento della situazione epidemiologica".

Dal Cdm è arrivato il via libera anche al Family Act. Tra i punti del Ddl sostegno alle mamme e lavoro agile per le donne.  "Abbiamo approvato in Cdm il Family act, per sostenere la genitorialità, contrastare la denatalità, favorire la crescita dei bambini e giovani e la conciliazione della vita familiare con il lavoro, soprattutto femminile. Devo a Bonetti e Catalfo l'impegno per portare a compimento questo importante provvedimento", ha detto Conte dopo il Consiglio dei ministri.

12 giugno 07:00 Le ultime notizie sul Coronavirus in Italia e nel mondo di venerdì 12 maggio

236.142 contagi da Coronavirus in Italia e 379 nuovi casi nell'ultimo bollettino della Protezione Civile; i contagi regione per regione:

Lombardia: 90.932

Piemonte: 30.958

Emilia Romagna: 27.995

Veneto: 19.199

Toscana: 10.158

Liguria: 9.864

Lazio: 7.889

Marche: 6.751

Campania: 4.837

Puglia: 4.513

Trento: 4.441

Sicilia: 3.455

Friuli VG: 3.287

Abruzzo: 3.267

Bolzano: 2.606

Umbria: 1.436

Sardegna: 1.362

Valle D'Aosta: 1.191

Calabria: 1.161

Molise: 439

Basilicata: 401

Via libera da lunedì all'app Immuni in tutta Italia, come annunciato dal premier Giuseppe Conte. Sempre da lunedì riapriranno cinema, teatri e sale da concerto con le regole previste dal nuovo dpcm; restano chiuse le discoteche. Approvato il Family Act con nuove misure economiche per le famiglie. Il calcio riprende questa sera con la prima semifinale di Coppa Italia. Il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli ha dichiarato che bisognerà farsi trovare pronti per la seconda ondata, ma che quest'ultima sarà probabilmente più debole della prima. A partire da lunedì le imprese e le partite IVA potranno richiedere i contributi a fondo perduto compilando il modulo di domanda disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate. Il ministro della Salute Speranza ha espresso alcune preoccupazioni per quanto riguarda gli spostamenti da e verso i Paesi extra-Schengen: "Il quadro epidemiologico non offre ancora garanzie per aperture senza regole dal 15 giugno". Botta e risposta tra la Regione Lombardia e il Sindaco di Bergamo Giorgio Gori, che ha accusato il Pirellone di aver secretato i dati sui decessi per provincia. La denuncia della Fondazione Gimbe: le regioni con una maggiore concentrazione di contagi sono anche quelle che stanno effettuando meno tamponi.

Superati i 7 milioni di contagi nel mondo, oltre 2 milioni di casi negli Stati Uniti con oltre 112mila morti. Dopo due mesi, a Pechino si verifica un caso di contagio "interno", mentre cresce il numero dei nuovi casi sia in Africa che in America Latina.