15 marzo 22:44 Coronavirus, la diretta. Ministro Boccia: “90% degli italiani ora è a casa””

"Bisogna dire che il 90% degli italiani stanno facendo il sacrificio di stare a casa. Si poteva fare prima? No. Ci siamo arrivati gradualmente". Così il ministro per gli Affari Regionali, Francesco Boccia, a Live non è la d'Urso. "Il senso di comunità che sta venendo fuori in questo momento è la dimostrazione che il paese ne verrà fuori più coeso", ha detto ancora.

15 marzo 22:24 Coronavirus, ultime notizie. Il Ministro Gualtieri: “Nessuno perderà il lavoro”

"Stiamo finalizzando un lavoro molto complesso con il decreto con cui diamo una prima risposta economica alla drammatica emergenza" prodotta dal coronavirus: "abbiamo sospeso le scadenze fiscali e potenziamo in modo senza precedenti la Cig per far si che nessuno perda proprio lavoro". Lo afferma il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri a Che Tempo che fa. "Nessuno deve perdere il lavoro", ha aggiunto. "Tutti i lavoratori autonomi d'Italia e tutte le tipologie di lavori stagionali, lavoratori atipici che non potranno beneficiare della cassa integrazione, avranno per il mese di marzo un sostegno di 600€ per le esigenze minime." ha detto ancora. "Sono tutelati tutti coloro che non potranno lavorare e potranno accedere a questo fondo – spiega Gualtieri – a queste risorse di emergenza, per il mese di Marzo che poi provvederemo a rifinanziare se sarà necessario nel mese di Aprile."

15 marzo 22:17 Coronavirus in Campania: ordinanza di quarantena per 4 comuni salernitani

Sala Consilina, Polla, Atena Lucana e Caggiano (Vallo di Diano). Sono i quattro comuni Comuni della Provincia di Salerno che da oggi entrano in quarantena (divieto di entrata e uscita). Lo fa sapere il governatore Vincenzo De Luca. "Si sono registrati qui altri episodi di irresponsabilità e di mancato rispetto delle disposizioni previste per contenere la diffusione del contagio da Covid-19" ha detto De Luca.

15 marzo 22:13 Coronavirus a Bergamo, il sindaco Gori: “Non abbiamo più capacità di cremazione”

"Tante salme sono state spedite in altri luoghi per la cremazione perché il forno che assiste l'ospedale non riesce a smaltire il lavoro anche se operativo 24 ore su 24". Queste le parole di Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, a Che Tempo Che Fa. Dichiarazioni che ben fanno intendere la situazione di emergenza che sta vivendo il comune lombardo in questi giorni per l'epidemia da Coronavirus. "Siamo davvero al limite. E se non c'è modo di cambiare l'inclinazione della curva che continua a crescere, credo che non saremo in grado di far fronte a tutte le necessità" ha ammesso Gori. "Nelle difficoltà vengono fuori anche le energie positive. Questa città ne ha tantissime. Siamo una città forte. Questa difficoltà ci renderà ancora migliori" ha poi aggiunto il primo cittadino di Bergamo.

15 marzo 22:03 Coronavirus in Italia, Borrelli: “domani distribuzione 2 milioni di mascherine”

"Domani avvieremo la distribuzione di mascherine, 2 milioni in tutta Italia di tutti i tipi. Sono numeri importanti ma insufficienti, il bisogno è decuplicato. Abbiamo nicchie di mercato qualcuno le produce in Lombardia e nella bergamasca, abbiamo forniture da lì, mancano produttori delle mascherine più evolute. Dobbiamo favorire una maggiore produzione interna". Lo ha detto il commissario per l'emergenza Angelo Borrelli a Che tempo che fa.

15 marzo 21:53 Coronavirus. Giorgia Meloni: “Cinesi salvatori della patria? Ma se hanno portato loro il virus”

"Qualcuno sta descrivendo i cinesi come i salvatori che ci regalano le mascherine, diciamo però che io a questo fatto non ci casco. Anzi, diciamo pure che ci hanno portato il virus". Lo ha detto Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia) a Non è l'Arena su La7. "I cinesi hanno visto il grande spazio vuoto lasciato dall'Europa", aggiunge Meloni. "Io sono una persona che ha il senso della misura. Affrontiamo una vicenda mai vista in Italia, il nostro nemico era bene visibile, come il terrorismo. Ma ci sono delle cose che dall'inizio non hanno funzionato. Secondo me serviva un commissario straordinario sull'emergenza, non un politico, una persona capace di misurarsi con scenari complessi, di guerra, che fosse slegata da logiche di consenso".

15 marzo 21:47 Coronavirus in Italia, Di Maio: “A breve Cdm straordinario, faremo la notte”

"Le parlo da Palazzo Chigi, a breve inizierà un consiglio dei ministri straordinario per approvare quelle leggi, quelle norme" per sostenere famiglie e imprese. Così, in collegamento con Live Non è la D'Urso, ha esordito il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: "Stiamo attendendo la fine del pre consiglio, poi verrà convocato il Cdm. Probabilmente faremo notte, ma in ogni caso meno di quello che sta facendo un medico, un infermiere che stanno facendo turni di 24 ore". "Stiamo aspettando la fine del pre-consiglio poi verrà convocato il cdm e si parte con l'approvazione del provvedimento" ha aggiunto Di Maio.

15 marzo 21:43 Coronavirus, la diretta. Stampa tedesca: “Trump vuole comprare vaccino solo per gli Usa”

Stando a quanto scrive il quotidiano tedesco Die Welt, ci sarebbe in corso una guerra segreta tra la Casa Bianca e Berlino per garantirsi l'accesso al vaccino per il coronavirus. Le fonti del giornale verrebbero dal Governo federale e riferiscono che Donald Trump Trump starebbe tentando di avere l'esclusiva ‘solo per gli Stati Uniti‘ di un farmaco sperimentale che attualmente viene sviluppato dall'azienda tedesca CureVac con sede a Tubinga, nel Baden-Württemberg. La Casa Bianca avrebbe offerto per l'esclusività del vaccino "somme ingentissime". A sua volta, Berlino avrebbe fatto la sua offerta all'azienda per poter utilizzare il vaccino "in Germania e in Europa".

15 marzo 21:35 Coronavirus, la diretta: Croce Rossa Italiana chiede disponibilità medici e infermieri

"Servono medici e infermieri con disponibilità immediata a supporto del sistema sanitario della Lombardia", questo l'appello della Croce Rossa Italiana in questi giorni di emergenza sanitaria per il Coronavirus. Quanti interessati devono inviare sms al numero 4353535 scrivendo "Disponibilità immediata medico" o "Disponibilità immediata infermieri". Operatori della CRI provvederanno quindi a contattare le persone che avranno raccolto l'appello.

15 marzo 21:29 Coronavirus Italia, scatta il flash mob dai balconi: si accendono le luci e parte “Grazie Roma”

Da Nord a Sud il coronavirus si combatte anche dai balconi di casa coi flash-mob. In tantissimi, costretti a stare in casa per arginare la diffusione dell'epidemia, stanno postando sui social network le proprie ‘performance'. Momenti di condivisione e unità, seppure a distanza di sicurezza, per sentirsi meno soli e farsi forza a vicenda. Dopo l'inno di Mameli il primo giorno, e ‘Azzurro' di Celentano il secondo giorno, oggi la canzone scelta per l'appuntamento delle ore 18 è un successo di Rino Gaetano, ‘Il cielo è sempre più blu'. Mentre in questo video Roma intona il ‘proprio' inno: "Grazie Roma".

15 marzo 20:30 Coronavirus Francia, 5.400 casi e 120 morti

L'ultimo bilancio in Francia sulla pandemia di coronavirus è di 5.400 casi accertati. Lo riferisce il ministro della Sanità, Olivier Veran, aggiungendo che si contano altri 28 decessi, per un totale di 120 morti.

15 marzo 20:20 Coronavirus in Piemonte: morta una suora ricoverata, è allarme nel convento

È deceduta all'ospedale di Tortona, nell'Alessandrino, dov'era ricoverata dall'altro giorno con una ventina di consorelle, una delle suore della Casa Madre delle Piccole Suore Missionarie della Carità. La religiosa, positiva al coronavirus, aveva 88 anni. In gravi condizioni risulterebbe anche una seconda religiosa. Nella Casa Piccole suore missionarie della carità di don Orione, a Tortona, l'allarme è scattato giovedì mattina. "Abbiamo ricevuto una segnalazione dalla casa madre – aveva spiegato il sindaco di Tortona, Federico Chiodi – e abbiamo subito contattato l'Asl e l'Unità di Crisi". Il coordinatore di quest'ultima struttura, Mario Raviolo, è intervenuto di persona sul posto, trasportato in elicottero dai carabinieri. Nelle ore successive le religiose sono state ricoverate nell'ospedale di Tortona, dove le condizioni di un paio di loro sono peggiorate.

15 marzo 19:56 Coronavirus, la diretta. Iss: “Contagio facendo spesa? Non è escluso”

"Non si può escludere ma è altamente improbabile" portare in casa il coronavirus attraverso gli oggetti, ovvero attraverso gli acquisti fatti nei negozi, al supermercato. Lo ha chiarito il professor Silvio Brusaferro, presidente dell'istituto superiore di sanità nel corso della conferenza stampa pomeridiana tenuto con il capo del Dipartimento nazionale della Protezione civile per fare il punto sull'epidemia in Italia. Brusaferro ha sottolineato che anzi proprio il cibo confezionato è soggetto a monte ad una serie di controlli e norme che in qualche modo lo mettono al riparo da ‘intrusioni'. Il consiglio resta lo stesso: "Igiene adeguata" in tutto, ha detto il presidente dell'Iss.

15 marzo 19:29 Coronavirus in Lombardia, Fontana: “Altrove non si percepisce la gravità di questa emergenza”

"Purtroppo la progressione continua ed è chiaro che dobbiamo attrezzarci per tanti nuovi posti di rianimazione". Lo ha detto il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, sull'emergenza coronavirus. "Un conto è vivere drammaticamente sul campo la situazione, un altro conto è viverla in una parte del Paese dove forse ancora non si percepisce la gravità di questo problema", ha poi aggiunto.

Oggi sono stati 252 i decessi per coronavirus in Lombardia, una cifra mai raggiunta finora in regione in una singola giornata. Dall'inizio dell'emergenza nella regione più colpita dal Covid-19 non erano mai stati superati i 200 decessi in un giorno: ieri erano stati 76, mentre mercoledì 11 marzo erano stati 149, il numero massimo di decessi fino a oggi.

15 marzo 19:14 Coronavirus in Valle d’Aosta, vietato ingresso ai non residenti e allontanati i turisti

Il presidente della Regione Valle d'Aosta Renzo Testolin ha ufficializzato un'ordinanza che vieta l'ingresso in Valle d'Aosta ai non residenti e invita quelli presenti a rientrare a casa. Un provvedimento che è figlio del boom di casi positivi di coronavirus nella più piccola regione d'Italia: dai 42 di ieri si è passati a 56 (più il paziente deceduto alcuni giorni fa), ovvero un +30 per cento, secondo i dati diffusi dall'Unità di crisi.

15 marzo 18:51 Coronavirus, Papa Francesco prega al crocifisso che “fece finire” la Grande Peste

"Questo pomeriggio, poco dopo le 16:00, Papa Francesco ha lasciato il Vaticano in forma privata e si e' recato in visita alla Basilica di Santa Maria Maggiore, per rivolgere una preghiera alla Vergine, Salus populi Romani, la cui icona è lì custodita e venerata. Successivamente, facendo un tratto di Via del Corso a piedi, come in pellegrinaggio, il Santo Padre ha raggiunto la chiesa di San Marcello al Corso, dove si trova il Crocifisso miracoloso che nel 1522 venne portato in processione per i quartieri della città perché finisse la Grande Peste a Roma". Lo fa sapere il Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni.

15 marzo 18:39 Coronavirus, Brusaferro (Iss): “Anche altri Paesi europei stanno adottando nostre stesse misure””

"Siamo inseriti in un contesto internazionale e abbiamo una continua collaborazione con l'Oms, il fatto che altri Paesi europei adottino nostre stesse misure dà anche la dimensione che è estremamente importante essere coordinati in questo senso. Il parere del comitato tecnico scientifico è quello espresso a livello internazionale". Lo ha detto il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro, rispondendo a chi gli chiedeva se fosse necessario aumentare il numero di tamponi da effettuare sulla popolazione.

15 marzo 18:33 Coronavirus in Italia, Borrelli: “Uscire solo per lavoro, cure e spesa”

"Faccio un richiamo alle regole: bisogna uscire soltanto per esigenze lavorative, cure mediche e spesa. Bisogna limitare al massimo i viaggi e le uscite fuori dalle abitazioni". Lo ha detto il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, nella conferenza stampa nella sede della Protezione Civile.

15 marzo 18:26 Coronavirus, ultime notizie. Brusaferro: “Medici e volontari sono eroi, rischiano la vita ogni giorno”

Durante la consueta conferenza stampa della Protezione Civile, ha preso la parola come sempre Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto Superiore di Sanità: “Per quanto riguarda il picco è ancora presto, aspettiamo. A livello nazionale abbiamo numeri più elevati per il dato di oggi. Martedì avremmo una situazione più chiara su decessi e un report a livello regionale e comunale dei contagi. Voglio fare un appello a tutti: adottate le misure richieste, anche in quelle realtà dove la situazione è meno grave. Tutte le persone oggi stanno ricevendo assistenza da medici e volontari, che vorrei definire “eroici”, rischiano la loro vita ogni giorno”. "Felice anche per la nomina di Guido Bertolaso, sono cresciuto con lui e sarò felice di lavorarci insieme" dice ancora. L'ex capo della Protezione civile sarà consulente del governatore Fontana.

15 marzo 18:08 Coronavirus ultime notizie: in Italia 24747 contagiati, di cui 1809 morti e 2335 guariti

Sono 24747 i contagi totali da coronavirus in Italia di cui 1809 morti e 2335 guariti, è questo il dato aggiornato sulla diffusione del Covid-19 nel nostro Paese fornito oggi, domenica 15 marzo, dalla protezione civile. Secondo il bollettino fornito in conferenza stampa dal Capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, le persone attualmente positive al nuovo coronavirus in Italia sono quindi 20603. Tra i contagiati, le persone ricoverate con sintomi sono 9663 mentre quelle in terapia intensiva 1672. Infine sono 9268 quelle in isolamento domiciliare.

15 marzo 17:44 Coronavirus Lombardia: sono 13272 i contagi e 1218 i morti, 252 decessi in 24 ore

Sono 13272 i contagi e 1218 i morti da coronavirus in Lombardia. Lo ha reso noto l'assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, nella consueta conferenza stampa per comunicare il bollettino aggiornato del contagio da Covid-19 in regione. "Dati in crescita costante ma non esponenziale" ha spiegato Gallera. Per quanto riguarda i contagi sono 1587 le persone in più risultate positive. I decessi sono cresciuti in 24 ore di 252 unità. Tra i contagiati 4898 (+602) sono ricoverati in ospedale, tra questi 757 (+25) sono in terapia intensiva. "Sono dati conformi a quanto dicono gli esperti, i risultati degli sforzi di questi giorni contiamo di vederli tra una settimana" ha aggiunto Gallera, concludendo: "Il giorno chiave è giovedì".

15 marzo 17:36 Coronavirus ultime notizie: Positivo dipendente del Ministero delle Infrastrutture, sede chiusa

Un dipendente del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti è risultato positivo al nuovo coronavirus e per questo la sede ministeriale è stata chiusa e lo rimarrà per due giorni. Lo rende noto lo stesso Ministero spiegando che nelle giornate di lunedì 16 e martedì 17 marzo presso la sede del Ministero delle infrastrutture e trasporti di Porta Pia si procederà alla completa sanificazione degli ambienti. In questi giorni la ministra Paola De Micheli proseguirà il suo lavoro, con il suo staff, presso gli uffici del Mit in zona Eur, nei quali ha sede la Guardia Costiera.

15 marzo 17:22 Coronavirus Lombardia: all’ospedale di Bergamo da stasera anche 20 medici militari

Un gruppo di venti medici militari saranno inviati in queste ore a Bergamo per dare una mano ai medici impegnati contro l'emergenza coronavirus all'ospedale Papa Giovanni XXIII. Lo ha annunciato oggi il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, spiegando che i medici con le stellette saranno sul posto a partire dalla serata di domenica. L'immediato invio è stato possibile grazie allo stretto e tempestivo coordinamento con lo Stato Maggiore della Difesa che ha individuato, tra le Forze Armate, il personale militare sanitario, spiegano dal Ministero. L'ospedale di Bergamo in queste ore è quello più in difficoltà dopo l'impennata di casi gravi registrata nelle ultime ore. Come hanno spiegato fonti sanitarie, infatti, a Bergamo c'è stato un incremento sostanziale di pazienti con difficoltà respiratorie gravi. "Lavoriamo insieme per il Paese, dove ogni singolo italiano sta facendo la sua parte. La Difesa italiana – fa sapere Guerini – è a disposizione con uomini e mezzi per fronteggiare insieme l'emergenza e la richiesta di quel territorio in sofferenza necessitava di una risposta immediata".

15 marzo 16:59 Coronavirus Italia, Galli (Sacco): “Controllare chi è in quarantena o non basteranno 3 mesi”

"Dobbiamo pensare a un sistema" migliore di "controllo sulle persone in quarantena e sui contatti stretti. Se non riusciamo a fare un lavoro sulle persone che sono i contatti stretti di contagiati all'inizio, la possibilità di chiudere il discorso in pochi mesi ce la scordiamo: tre mesi diventerebbe non realistico e aleatorio" è i messaggio di allarme lanciato oggi da Massimo Galli, responsabile di Malattie infettive all'ospedale Sacco di Milano. “I tamponi di massa non sono sostenibili. Piuttosto è importante che si garantisca una forma di supporto reale alla quarantena domiciliare o nei luoghi idonei delle persone che hanno contratto una infezione da Coronavirus e che non devono avere assolutamente contatti" ha aggiunto Galli Per Galli ospite di ‘In mezz'ora in più su Rai 3. “La situazione è complessa in alcune aree del Paese e della Lombardia in particolare. La nostra grande scommessa è vedere quanto riusciamo a tenere fuori Milano e l’area metropolitana da questa manifestazione di massa della malattia stessa. Quarantene fatte bene sono il modo migliore per uscire dal problema”, ha concluso l'esperto.

15 marzo 16:42 Coronavirus ultimi aggiornamenti, Di Maio: “In arrivo dalla Cina 5 milioni di mascherine e 150 respiratori”

Dalla Cina sono in arrivo in Italia, con voli diretti, oltre 5 milioni di mascherine FFp2 e 150 respiratori polmonari per le terapie intensive, oltre ai quaranta già arrivati, e due nuove equipe mediche cinesi. Lo ha annunciato il ministro degli esteri Luigi Di Maio facendo il punto sulla situazione dell'emergenza coronavirus. "La settimana prossima arriveranno altri respiratori polmonari e altre mascherine" ha aggiunto Di Maio, ricordando che anche i medici cinesi sono fondamentali per dare informazioni ai nostri medici su quanto messo in atto in Cina per combattere il Covid-19. "Sbloccata anche l'importazione da Francia e Germania di materiale medico e sanitario" ha assicurato di Maio

Di Maio però ha voluti denunciare anche pubblicamente quei Paesi che stanno requisendo il materiale sanitario comprato dall'Italia, bloccandolo alle dogane per le proprie necessità interne. "Denunceremo i tutte le sedi internazionali quei paesi che requisiscono le mascherine destinate all'Italia" ha spiegato il Ministro. "Pratica ignobile e  inaccettabile perché lo scalo è solo una esigenza commerciale" ha sottolineato Di Maio.

15 marzo 16:31 Coronavirus Italia, lettera al ministro Speranza: “Noi infermieri usa e getta, offerto contratto a 6 mesi”

"Eravamo tutti pronti per ricevere le pec o le chiamate per il conferimento del tempo indeterminato e metterci a disposizione anche, in molti casi, accettando offerte esterne al bando, assumendoci tutti gli onori e gli oneri che la nostra scelta ci avrebbe portato, ma la realtà è stata amara: abbiamo ricevuto un'offerta di sei mesi" è l'amaro sfogo di un infermiere in una lettera indirizzata al ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo aver appreso che i contratti annunciati erano a tempo e per soli sei mesi.  "Richiedo, e anche in modo umile, il diritto di poter aiutare la mia patria potendo con i miei sforzi mantenere la mia famiglia" ha aggiunto l'infermiere Davide Vecchio,

15 marzo 16:21 Coronavirus, aggiornamenti: superati i 6mila morti nel mondo

Il nuovo coronavirus ha già fatto oltre seimila morti nel mondo. È il drammatico dato che emerge alla luce degli ultimi dati forniti dai vari paesi alle prese con l'emergenza Covid-19. Il bilancio realizzato dall'Afp sulla base di fonti ufficiali, infatti,parla di 6.036 persone decedute e ben 159.844 contagiati in tutto il mondo. La Cina rimane il paese con il più alto numero di morti (oltre 3mila) ma ora l'epidemia progredisce rapidamente in Europa con 1.907 vittime di cui la maggior parte proprio in Italia.

15 marzo 16:10 Coronavirus ultime notizie, Rezza (Iss): “Prepariamoci a una ondata di epidemia al sud”

"Il pericolo di un'ondata di epidemia da coronavirus al sud c'è ed è bene che ci si prepari", lo ha messo in chiaro Giovanni Rezza direttore del dipartimento Malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss). "Del resto le epidemie non sono fisse ma viaggiano, e quello che è successo l'altra domenica è preoccupante quando migliaia di persone si sono spostate da aree ad alta incidenza verso aree di bassa incidenza" ha aggiunto l'esperto intervenendo a "Mezz'ora in più" di Lucia Annunziata su Rai3. Il riferimento è alle migliaia di persone che nei giorni scorsi, di fronte all'impennata di contagi al nord, si sono riversate vero le regioni del sud. "A questo punto è necessario costruire reparti, prepararsi dal punto di vista della ricettività ospedaliera ma allo stesso tempo è importante aumentare il livello di sorveglianza e intercettate le prime catene di infezione" ha aggiunto Rezza, ricordando che "più si riesce a rallentare l'onda e meglio si può' affrontare il problema della diffusione del coronavirus"..

15 marzo 16:01 Coronavirus Sicilia, Musumeci: “Troppe persone scese dal nord, serve l’esercito”

Troppe persone, di fronte all'emergenza coronavirus che ha colpito il Nord Italia, sono scese verso la Sicilia e continuano ad arrivare sull'Isola, per questo serve l'Esercito a guardia dei punti di arrivo. È quanto ha sostenuto oggi il governatore siciliano Nello Musumeci di fronte agli ultimi arrivi dal nord in regione. "Negli ultimi giorni sono arrivate circa 31mila persone e questo ci preoccupa anche se fino a questo momento la diffusione appare contenuta con 188 positivi e 71 ricoverati, di cui 15 in terapia intensiva e due decessi" ha spiegato Mususmeci  intervenendo a Mezz'ora in più su Rai3.

"Serve l'intervento dell'Esercito" per "contrastare gli arrivi dal Nord Italia nell'isola, non ci sono alternative" ha sottolineato il presidente della Regione siciliana, annunciando di averne già parlato anche con il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese. "Servono uomini in divisa, i prefetti sono stati avvertiti, si tratta di destinare una parte dei soldati che già sono su strada ai controlli nei punti di arrivo in Sicilia. Se mettiamo questi posti di controllo con la possibilità dei soldati di esser agente di pubblica sicurezza, questo sarebbe un deterrente" ha sostenuto Musumeci. "In Sicilia ci prepariamo al peggio perché è chiaro che bisogna essere preparati al peggio: abbiamo già preparato reparti da convertire per realizzare 1.000-1.500 posti per ospedalizzazione ordinaria e 200 posti per terapia intensiva" ha concluso Musumeci.

15 marzo 15:41 Coronavirus ultime notizie: la Germania chiude le frontiere con Francia, Svizzera e Austria

Anche la Germania si appresta a varare misure straordinarie per fermare l'ondata di casi di Covid-19 nel Paese. Nelle prossime ore infatti il governo di Berlino chiuderà tutte le frontiere con Francia, Svizzera e Austria interrompendo di fatto la circolazione delle persone attraverso i propri confini. Il provvedimento scatterà domani, lunedì 16 marzo, alle 8 di mattina. Secondo quanto riportato dalla Bild, la circolazione delle merci, però, dovrebbe essere ancora garantita così come gli spostamenti dei pendolari ma con controlli stringenti ai valichi. Al momento in Germania i casi di contagio da nuovo coronavirus sono oltre 5mila.

15 marzo 15:34 Coronavirus Emilia Romagna, Bonaccini: “Casi in aumento, prossimi giorni saranno i più difficili”

"I prossimi giorni saranno i più difficili, perché stanno aumentando i contagiati e i morti" lo ha dichiarato il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, intervenendo alla trasmissione "Mezz'ora in più'" di Lucia Annunziata su Raitre. "Si vedrà' solo tra un po' se le misure messe in campo produrranno la diminuzione di questi numeri" ha aggiunto il governatore, ammettendo che, al pari della Lombardia, "le nostre strutture sanitarie sono sotto stress". "Stiamo reggendo, ma abbiamo preparato a un piano che arriverà fino a triplicare i posti in terapia intensiva, anche grazie alla disponibilità' della sanità' privata, che si è fatta carico anche di prendere i casi più' gravi" ha aggiunto Bonaccini.

15 marzo 15:23 Coronavirus Lombardia, Fontana: “Picco di casi per weekend giocoso, restate a casa”

"Abbiamo avuto un picco di casi di contagio anche perché l'ultimo weekend è stato molto giocoso ma è una cosa molto seria e bisogna restare a casa", così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha commentato l'impennata di casi in regione ricordando che le misure disposte dal governo in merito allo stare a casa sono  fondamentali e bisogna rispettarle. "Noi abbiamo fatto una serie di richieste al governo ma il problema vero è che bisogna cercare di fare in modo che vengano rispettate le misure" ha spiegato infatti il governatore lombardo intervento alla trasmissione televisiva "Mezz'ora in più" su Rai3. "Ora la gente si è resa conto che non era una stupidata ma abbiamo avuto un picco" anche perché "l'ultimo weekend è stato molto giocoso" ha sottolineato Fontana

15 marzo 15:15 Coronavirus, aggiornamenti: Tirolo allontana i non residenti e si prepara al coprifuoco

Allontanamento di tutti i non residenti e poi misure drastiche per la popolazione locale che impongono lo stop agli spostamenti fino a un vero e proprio coprifuoco, sono i provvedimenti legislativi che si appresta a varare il Tirolo in chiave di contrasto al diffondersi del contagio a seguito della pandemia di Coronavirus. A spingere le autorità locali austriache a questa scelta l'improvvisa impennata di casi di positività al covid-19 registrate nelle ultime ore. Nel Land austriaco ai confini con l'Italia, infatti, i casi di positività sono saliti nelle ultime ore a 247.  "Il Tirolo attualmente si trova nella situazione più difficile dal dopoguerra", ha dichiarato oggi il governatore del Land, Guenther Platter  aggiungendo: "Gli austriaci senza residenza devono lasciare il Tirolo". Secondo l'ordinanza, citata dall'agenzia Apa, devono "immediatamente" lasciare il territorio gli austriaci che non hanno la loro residenza oppure il loro domicilio in Tirolo, ad eccezione di coloro che si trovano sul posto per lavoro. Anche l'ingresso sarà consentito solo a queste categorie di persone.

15 marzo 15:03 Coronavirus, ultime notizie: in Spagna 100 morti in sole 24 ore

Si aggrava di ora in ora il bilancio di contagiati e morti da coronavirus in Spagna. Solo nelle ultime 24 ore, infatti, il Paese iberico ha fatto registrare circa 2mila nuovi casi di Covid-19 e oltre 100 morti.  Il nuovo bollettino diffuso dalle autorità sanitarie di Madrid parla infatti di 7.753 contagi totali e 288 decessi complessivi. Numeri che confermano la Spagna come Paese più colpito dall'epidemia di muovo coronavirus in Europa dopo l'Italia.

15 marzo 14:55 Coronavirus Lombardia, Borrelli: “A Bergamo ondata di casi di insufficienza respiratoria grave”

È gravissima la situazione sanitaria Bergamo per l'emergenza coronavirus. In poche ore i casi di contagio così come quelli bisognosi di cure immediate sono aumentati esponenzialmente e i posti a disposizione in terapia intensiva ormai scarseggiano. Lo ha confermato oggi anche il primario dell'ospedale bergamasco Massimo Borrelli. "A Bergamo c'è una ondata di casi di insufficienza respiratoria grave " ha spiegato il primario.

15 marzo 14:47 Coronavirus Italia: oltre 6mila denunciati in un solo giorno

(La Presse)
in foto: (La Presse)

Quasi 139mila persone controllate su tutto il territorio nazionale e oltre 6mila persone denunciate in un solo giorno per aver violato le disposizioni previste dal Dcpm  emanato in questi giorni dal Premier Giuseppe Conte per fa fronte all'emergenza coronavirus in Italia. Sono i dati diffusi dal Ministero dell'Interno riguardo ai servizi di controllo effettuati dalle forze dell'ordine per far rispettare i divieti imposti dal D.P.C.M. 8 e 9 marzo 2020, recante misure urgenti per il contenimento della diffusione del virus COVID-19. Durante la sola giornata del 14 marzo son state 138994 le persone controllate, per 6.203 di queste è scattata la denuncia per aver violato i divieti mentre per 112 anche la denuncia per falsa attestazione. Son stati 83.579 invece gli esercizi commerciali controllati e di questi 239 denunciati

15 marzo 14:31 Coronavirus Veneto, Zaia: “Si rischia il coprifuoco e crash sanitario”

"Le proiezione sul contagio da Coronavirus sono in crescita, se non si seguono le regole si rischia il crash sanitario e prima di questo il coprifuoco" così il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha messo in guardia tutti i cittadini sull'emergenza coronavirus avvertendo che seguire le indicazioni è l'unico metodo per evitare il collasso.  "I nostri modelli statistici ci indicano una situazione grave e ci dicono che bisogna stare in isolamento perché la prima cura contro il Coronavirus è curare sé stessi stando a casa evitando di avere contatti anche con i parenti e vicini di casa" ha aggiunto il governatore, annunciando di aver dato mandato alle Asl locali di controllare tutti i luoghi di lavoro a partire dalle  grandi fabbriche per capire se vengono rispettai i criteri di sicurezza.

15 marzo 14:07 Coronavirus Campania, picco di contagi ad Ariano Irpino: intera città isolata

Intera città isolata e divieto di uscita e ingresso da Ariano Irpino, cittadina di 22mila abitanti in provincia di Avellino, dopo una impennata di casi di contagi da nuovo coronavirus, lo ha deciso un'ordinanza il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. La misura restrittiva ricalca il modello delle prima zone rosse in Lombardia per evitare il diffondersi del contagio. "La situazione che vede coinvolti i cittadini del Comune di Ariano Irpino risulta di particolare gravità, tenuto conto del numero dei contagiati e dell’alto rischio di ulteriore e progressivo incremento, in considerazione delle modalità con cui si è sviluppato il primo contagio- avvenuto in circostanze che hanno coinvolto un elevatissimo numero di persone (oltre duecento) – e degli ulteriori contagi, che rischiano di determinare un grave ampliamento dei focolai di infezione, Si è ritenuto indispensabile e urgente applicare una misura rigorosa per isolare il focolaio" ha spiegato il governatore campano.

15 marzo 13:43 Coronavirus ultime notizie, Conte: “Strenuamente impegnati per procurare mascherine”

"La nostra priorità è far lavorare in sicurezza medici, infermieri e tutto il personale sanitario che con coraggio e spirito di abnegazione si sta prodigando per la cura dei cittadini, dedicandosi a questa emergenza sanitaria senza risparmiare energie. Come governo siamo strenuamente impegnati – e io stesso attraverso contatti con i miei omologhi – per procurare in tempi brevissimi i dispositivi di protezione che consentano loro di lavorare in massima sicurezza" , lo ha dichiarato oggi il presidente del Consiglio Giuseppe Conte dopo le polemiche, sopratutto i Lombardia, per la mancanza di strumentazioni sanitarie adeguate per proteggere i sanitari impegnati a contatto diretto con i malati. "C'è massima attenzione per la situazione in Lombardia", ha aggiunto il premier

15 marzo 13:22 Coronavirus in Piemonte: 1.111 contagi, 171 in terapia intensiva, 15 decessi in un giorno

Aumentano i contagi da coronavirus in Piemonte. Sono 1.111 le persone risultate positive: 359 nell'area di Torino, 207 in provincia di Alessandria, 87 in provincia di Asti, 84 in provincia di Vercelli, 71 nella provincia di Novara, 61 nel Cuneese, 50 nel Biellese, 50 nel Verbano-Cusio-Ossola. Lo rende noto l'Unità di crisi regionale. I ricoverati in ospedale sono 897, di questi 171 in terapia intensiva. Sono 31 le persone provenienti da fuori regione. Le persone in isolamento domiciliare sono 133. I tamponi finora eseguiti sono 4.438, di cui 2.868 risultati negativi.

15 marzo 13:11 Coronavirus diretta, appello scienziati: chiedono ai Paesi misure più stringenti

Un appello perché i governi di tutto il mondo adottino misure più stringenti per contrastare la diffusione del coronavirus. A lanciarlo sono i fisici italiani che stanno seguendo l'andamento dell'epidemia di Covid-19 dagli inizi e lo fanno con una lettera aperta ai colleghi di tutto il mondo perché ognuno sensibilizzi il proprio governo ad adottare misure stringenti e immediate. La lettera, pubblicata sulla pagina Facebook "Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche", ha già raccolto circa 400 firme. "Siamo ora nella tragica situazione in cui il sistema sanitario più efficiente della zona più ricca del Paese (Lombardia) è quasi al massimo della sua capacità e presto sarà difficile curare più persone contagiate dalla Covid-19″, si legge nella lettera che ha tra i primi firmatari il fisico Enzo Marinari, dell'Università Sapienza di Roma, il biologo Enrico Bucci dell'americana Temple University e il matematico Richard D. Gill, emerito dell'Università olandese di Leida.

I ricercatori spiegano che "è stato imposto un lockdown quasi totale del Paese: per rallentare e, speriamo, fermare il contagio il più presto possibile". Rilevano che "come emerge senza alcun dubbio dai dati disponibili, tutti i Paesi europei stanno sperimentando lo stesso tasso di velocità di contagio, con solo pochi giorni di ritardo rispetto all'Italia" e che si sta osservando la stessa identica dinamica iniziale nel numero di nuovi casi in tutti i Paesi in cui si sta sviluppando l'epidemia. "Se risiedi in un Paese Ue – così nell'appello ai ricercatori – nella maggior parte degli Stati membri hai abbastanza tempo per effettuare un blocco simile alla Cina o alla Corea del Sud per rallentare rapidamente e fermare il contagio con molti meno sforzi e molti meno costi di quelli che sta affrontando l'Italia". Questo perché "se l'Italia avesse agito con forza solo 10 giorni fa, e questo è più o meno il punto in cui sei ora, ci sarebbero stati molti meno decessi e crisi economiche".

15 marzo 12:57 Coronavirus, aggiornamenti. Da Alitalia voli speciali per rimpatrio di connazionali

Alitalia, in coordinamento con l'Unità di Crisi della Farnesina, sta predisponendo una serie di voli speciali per permettere a migliaia di connazionali di rientrare, e continuerà anche ad operare verso alcuni Paesi che hanno disposto provvedimenti restrittivi ai cittadini italiani e a passeggeri che hanno soggiornato in Europa. Lo comunica la compagnia aerea. Decollerà nella serata di lunedì 16 marzo da Roma Fiumicino un volo speciale per le Maldive che, per rispettare il divieto di ingresso nel Paese agli italiani, farà un preventivo scalo tecnico al Cairo per cambiare l'equipaggio. Per l'Egitto sono già partiti piloti e assistenti di volo che, prendendo servizio dal Cairo, potranno garantire, nel rispetto delle normative aeronautiche sui limiti di impiego, un volo di andata e ritorno per Malé senza scendere dall'aereo. Il Boeing 777 arriverà alle Maldive, senza passeggeri, alle ore 13:15 locali del 17 marzo e rientrerà a Fiumicino alla mezzanotte del 18 marzo.

Alitalia continuerà ad operare da Roma Fiumicino due voli al giorno su New York e su Londra per permettere ai cittadini italiani e stranieri, tra i quali molti studenti, di rientrare nei rispettivi luoghi di residenza. Dopo la decisione di quasi tutte le compagnie aeree internazionali di sospendere i collegamenti con l’Italia, Alitalia continuerà a garantire, laddove non vi siano restrizioni al traffico aereo, collegamenti internazionali con Bruxelles, Berlino, Francoforte, Monaco, Parigi, Marsiglia, Nizza, Cairo e Algeri, mentre sulla rete di lungo raggio la Compagnia continuerà a volare verso San Paolo, Rio de Janeiro, Johannesburg, Nuova Delhi, Tokyo e – fino al 17 marzo – Miami e Buenos Aires.

In Italia andranno avanti i servizi aerei con almeno un volo andata e ritorno quotidiano da e per la maggior parte degli aeroporti operativi. Alitalia ricorda infine che dal 16 marzo, dopo la chiusura temporanea dello scalo di Linate, sposterà le proprie attività operative al Terminal 2 dell'aeroporto di Malpensa dal quale garantirà il collegamento con Bari, Cagliari, Catania, Lamezia Terme, Napoli, Palermo e Roma Fiumicino. Dal 17 marzo tutte le operazioni di check-in per i voli nazionali, internazionali e intercontinentali della Compagnia in partenza da Roma Fiumicino saranno effettuate al Terminal 3, a seguito della chiusura del Terminal 1.

Alitalia dà inoltre tempo ai passeggeri di reperire le mascherine e per garantire il rientro al proprio domicilio o per viaggiare per indifferibili esigenze lavorative o sanitarie, consente, temporaneamente, l'imbarco a chi ne è sprovvisto. Dopo la comunicazione di ieri pomeriggio, nella quale chiedeva ai viaggiatori di munirsene prima di salire a bordo per indossarla nel caso in cui non fosse possibile rispettare o assegnare posti rispettando la distanza interpersonale, oggi la compagnia avrebbe fatto un passo indietro. È quanto dispone, secondo quanto s'apprende, una comunicazione interna inviata al personale dalle direzione Flight Operations. Una nuova misura "per dare tempo ai passeggeri di reperire le mascherine e nel contempo garantire loro il rientro al proprio domicilio o di viaggiare per indifferibili motivi di lavoro, familiari o sanitari". Laddove possibile le mascherine potranno essere fornite dalla compagnia.

15 marzo 12:47 Coronavirus Austria, tutto chiuso come in Italia

L'Austria, seguendo il modello italiano necessario per combattere il coronavirus, chiude tutto. Saranno chiusi non solo i negozi, ma anche ristoranti, che secondo una prima bozza potevano invece restare aperti fino alle ore 15. Inoltre lo stop riguarda i parchi giochi e campi sportivi. Come in Italia, saranno consentiti solo spostamenti inderogabili. Previsto anche lo stop dei voli di linea verso Russia, Ucraina e Gran Bretagna. Lo ha annunciato il cancelliere Sebastian Kurz durante una seduta straordinaria del parlamento che deve approvare i provvedimenti che entreranno in vigore a mezzanotte.

15 marzo 12:41 Coronavirus Italia, Ricciardi (Oms) si rivolge ai commessi nei supermercati: “Grazie per il vostro lavoro”

“Il vostro lavoro è importantissimo, grazie". A pensare e ringraziare in questo periodo difficile per l’Italia tutti coloro che lavorano nei supermercati è Walter Ricciardi, membro italiano del comitato esecutivo dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza per l'emergenza coronavirus. Rispondendo a un post sull'argomento, Ricciardi ha voluto ringraziare chi in questi giorni lavora nei supermercati. "Non siamo angeli come gli infermieri – è il tweet a cui Ricciardi risponde, postato da @snorristorluson – siamo cassieri e scaffalisti in un supermercato. Stiamo rischiando la vita perché costretti. Cerchiamo di farci piacere ciò che facciamo sperando possiate trovare pane, latte farina ogni giorno. Se vi manca il cumino state a casa mannaggia a voi".

15 marzo 12:29 Coronavirus diretta, papa Francesco: “Momento tanto duro, grazie a chi aiuta i malati”

"È un momento tanto duro". Con queste parole papa Francesco si è rivolto durante l’Angelus ai fedeli per commentare ciò che tutti stiamo vivendo a causa della pandemia di coronavirus. "Grazie tante per tutto lo sforzo che ognuno di voi fa per aiutare questo momento tanto duro, il Signore vi benedica la Madonna vi custodisca", ha detto rivolto a chi è accanto ai malati e alle persone fragili. Bergoglio all'Angelus, dalla Biblioteca del Palazzo apostolico, ha invitato a restare uniti nella preghiera e ha ringraziato chi in questi momenti sta aiutando i malati, le persone che non possono uscire da casa e i senza dimora. "In questi giorni Piazza San Pietro è chiusa, perciò il mio saluto si rivolge direttamente a voi che siete collegati attraverso i mezzi di comunicazione", ha detto guardando la telecamera. "In questa situazione di pandemia, nella quale ci troviamo a vivere più o meno isolati, siamo invitati a riscoprire e approfondire il valore della comunione che unisce tutti i membri della Chiesa. Uniti a Cristo non siamo mai soli", ha sottolineato aggiungendo che si "è un'unione che si alimenta con la preghiera". E ancora: "Rinnovo la mia vicinanza a tutti i malati e a coloro che li curano. Come pure ai tanti operatori e volontari che aiutano le persone che non possono uscire di casa, e a quanti vanno incontro ai bisogni dei più poveri e dei senza dimora".

15 marzo 12:21 Coronavirus, Di Maio: “Sbloccata esportazione di mascherine da Germania e Francia”

L’annuncio arriva dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio: è stata sbloccata l'esportazione, dalla Germania e dalla Francia, di mascherine, tute e schermi facciali. "Siamo impegnati a tutelare la salute dei nostri cittadini e in questa fase, più di prima, è fondamentale la collaborazione tra gli Stati. Siamo davanti a una crisi che riguarda tutti, in Italia e all'estero. Se rimaniamo uniti possiamo farcela", ha  scritto il ministro in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook.

"Lo sblocco delle esportazioni di dispositivi sanitari di protezione personale (mascherine, tute e schermi facciali) dalla Germania e dalla Francia è un segnale di buon senso e di solidarietà europea che si iscrive nel solco della leale collaborazione fra Stati Membri dell'Unione Europea, soprattutto in un momento di emergenza come quello che stiamo vivendo" ha affermato invece il Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, aggiungendo: "Sono certo che restando uniti e solidali fra Paesi membri e nei rapporti con le Istituzioni Europee, contribuiremo a sostenere e a rendere meno difficile il lavoro eroico che in questi giorni svolgono il personale medico e paramedico, nonché la protezione civile e tutti i volontari".

"Stiamo lavorando per approvare nuove misure economiche a sostegno di famiglie e imprese. Intanto ognuno di noi può dare il proprio contributo per sostenere le nostre aziende, quando facciamo la spesa ricordiamoci di mettere nel carrello prodotti italiani", ha scritto il ministro sempre su Facebook.

15 marzo 12:11 Coronavirus ultime notizie, tutta la Repubblica Ceca in quarantena

Tutta la Repubblica Ceca sarà messa in quarantena per combattere la diffusione del nuovo coronavirus. Lo ha annunciato il premier Andrej Babis secondo quanto riportato dall'agenzia Ctk. Secondo il ministero della Salute, oggi nel Paese ci sono 214 casi di Covid -19, un aumento di 25 rispetto a ieri.

15 marzo 12:06 Coronavirus Lombardia, Fontana: “Vicini a momento in cui non avremo più letti in rianimazione”

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha fatto il punto sull’emergenza Coronavirus nella regione: “I numeri continuano ad aumentare, va sempre peggio. Siamo vicini al momento in cui non avremo più letti in Rianimazione”, ha detto in una intervista.  Il governatore è quindi tornato sull’importanza di allestire un nuovo ospedale negli spazi dell’ex Fiera Milano: “Sarebbe un polmone per noi, che adesso ci troviamo in difficoltà, ma anche per il resto del Paese se l’epidemia dovesse diffondersi”.

15 marzo 11:59 Coronavirus Puglia, a Lecce in arrivo 6 treni e 43 autobus in due giorni

Ieri, sabato 14 marzo, sono arrivati a Lecce 6 treni provenienti da altre regioni e 23 autobus mentre oggi è previsto l'arrivo di 20 autobus e da domani le corse dovrebbero cessare. A fornire il dato sui rientri dei salentini in regione è il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, durante la quotidiana diretta facebook con la quale fa il punto sull'emergenza coronavirus.

Stando ai dati comunicati al Comune dalla Polfer, 144 passeggeri sono scesi ieri dai treni giunti alla stazione di Lecce, dove sono stati effettuati controlli sanitari tramite il termoscanner, registrazione delle identità e autocertificazione dell'avvio della quarantena di 14 giorni, prevista dall'ordinanza regionale. Controlli sono stati effettuati al Foro Boario, dove arrivano gli autobus, le cui corse saranno sospese da domani mentre già da stanotte non hanno viaggiato i treni notturni sulle tratte nazionali.

Il sindaco di Lecce, pur ricordando che il decreto della presidenza del Consiglio consente ai cittadini di rientrare al proprio domicilio, ha invitato i leccesi, che vivono in altre regioni o all'estero, a rientrare "solo se è necessario e urgente". Ieri intanto il presidente della Regione, Michele Emiliano, ha emanato un'ordinanza che ha esteso a chiunque torni in Puglia (da ogni parte d'Italia o del mondo) l'obbligo di autosegnalarsi e di rispettare la quarantena per due settimane.

15 marzo 11:51 Coronavirus Lombardia, un anestesista di Bergamo: “Reggeremo pochissimo”

"Se il trend dell'epidemia da SarsCov2 continuerà con questo ritmo, Bergamo reggerà ancora per pochissimo: gli ospedali sono saturi ed anche i posti in Regione Lombardia si stanno esaurendo". A parlare è Ivano Riva, anestesista e rianimatore all'Ospedale Giovanni XXIII di Bergamo e vice presidente dell'Associazione degli anestesisti rianimatori ospedalieri italiani Aaroi-Emac Lombardia. Parlando all’Ansa, il medico ha lanciato l’allarme: "Intubiamo in Terapia intensiva anche più di 7 persone al giorno e lavoriamo senza sosta, con in media un turno di riposo ogni 14 giorni".

15 marzo 11:38 Coronavirus diretta, dalla Germania un milione di mascherine in Italia

"Sono lieto che il governo tedesco abbia annunciato che invierà un milione di mascherine in Italia". Lo ha detto il commissario Ue al mercato interno Thierry Breton, che appunto ha reso noto lo sblocco delle forniture verso il nostro Paese. "Ho avuto intense discussioni con Germania e Francia sulle loro misure restrittive", ha aggiunto Breton. "Accolgo con favore il fatto che ora consentiranno l'esportazione di dispositivi di protezione", ha quindi spiegato.

15 marzo 11:16 Coronavirus Francia, il ministro dell’Istruzione: “Virus contagerà più della metà dei francesi”

Il ministro dell'Istruzione francese, Jean-Michel Blanquer, ha stimato che la diffusione del coronavirus in Francia "probabilmente" contagerà più della metà della popolazione. "Come sapete, sin dall'inizio, la strategia non è stata quella di impedire il passaggio del virus, sappiamo che probabilmente toccherà più della metà di noi, ma è per assicurarsi che passi nel modo più diluito possibile nel tempo", le parole del ministro in un'intervista a Franceinfo.

15 marzo 10:58 Coronavirus, morto il primo malato diagnosticato in Sardegna: aveva 42 anni

È morto questa mattina in rianimazione a Cagliari, nell'ospedale Santissima Trinità, il primo malato di Covid-19 diagnosticato in Sardegna. Si tratta di un paziente che era ricoverato in ospedale dal 2 marzo. Le sue condizioni si erano irrimediabilmente aggravate negli ultimi due giorni, tanto che era stato necessario sottoporlo a dialisi. La vittima è un imprenditore di 42 anni, titolare di in locale a Cagliari, che si era ammalato dopo un viaggio di lavoro a Rimini nella seconda metà di febbraio.

15 marzo 10:50 Coronavirus, aggiornamenti: Consip ordina 3.800 ventilatori e 30 milioni di mascherine

Consip ha ordinato 3.800 ventilatori polmonari, 30 milioni di mascherine chirurgiche e 390.000 tamponi per far fronte all'emergenza coronavirus. A comunicarlo la stessa centrale di acquisti per le forniture della Pubblica amministrazione in un comunicato. Dei 3.800 ventilatori polmonari ordinati, i primi 329 sono con consegna a 3-7 giorni e oltre 3.500 a 15-45 giorni. Disponibili in pronta consegna ulteriori 300 ventilatori polmonari, individuando l'azienda Siare Engineering di Bologna, che ha perfezionato un apposito accordo con la Protezione Civile. Sono state poi contrattualizzate forniture per oltre 30 milioni di mascherine chirurgiche, più di 7milioni di guanti e oltre 13 milioni di tute, camici, calzari, cuffie e camici, ancora da assegnare da parte di Protezione Civile. Sono state contrattualizzate forniture per oltre 390mila tamponi rinofaringei e più di 260 kit diagnostici corrispondenti a oltre 67.000 test. Consip assicura che si tratta di forniture completamente sicure, che provengono da fornitori verificati e rispettano le specifiche tecniche elaborate dalle istituzioni sanitarie competenti. La Società sta operando con procedure che consentono tempi brevi, sicurezza, qualità dei prodotti, ed eventuali anomalie rilevate saranno segnalate alle autorità competenti. Consip ricorda di esser stata incaricata di svolgere il ruolo di Soggetto Attuatore per l'emergenza Covid-19 con decreto del Capo Dipartimento della Protezione Civile e che sta operando sotto le direttive dello stesso Capo Dipartimento e del Commissario straordinario, Domenico Arcuri.

15 marzo 10:35 Coronavirus ultime notizie, Brusaferro: “Il Sud può evitare il disastro, regole sono il cuore della sfida”

"La situazione reale nelle regioni del Sud è che il virus circola, ma c'è ancora un numero contenuto di casi. La grande opportunità rispetto a quanto successo al Nord è che si riesca a evitare l'esplosione di contagi grazie ai comportamenti di distanziamento sociale: se i cittadini riescono a essere rigorosissimi si riuscirà a garantire l'assistenza a tutti coloro che ne avranno bisogno". A parlare è il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro, in un'intervista al Mattino di Napoli. "Le regole di prevenzione sono il cuore della sfida. Il ruolo di ognuno di noi è fondamentale", ha spiegato. "Non abbiamo dati certi di quanti siano rientrati dal Nord, però certamente in tanti possono potenzialmente portare il virus. Per questo è essenziale che chi ha certezza di essere stato a contatto con persone positive segnali la situazione alle autorità sanitarie e adotti le misure di quarantena anche in casa per evitare di mettere a rischio i familiari. A maggior ragione se si presentano dei sintomi",  ha ribadito Brusaferro. "Ma le regole valgono per tutti e vanno seguite rigidamente, serve responsabilità. Non è una scelta opzionale, altrimenti il sistema sanitario non ce la fa ad assistere tutti".

15 marzo 10:18 Coronavirus Australia, da oggi quarantena per chi arriva: “Dobbiamo abituarci a cambiamenti”

Chiunque a partire da oggi arriverà in Australia dovrà affrontare un periodo di autoisolamento di 14 giorni obbligatorio, nel tentativo di rallentare la diffusione del coronavirus. Lo ha detto il primo ministro Scott Morrison: "Dovremo abituarci ad alcuni cambiamenti nel modo in cui viviamo la nostra vita", ha annunciato. Il primo ministro ha inoltre spiegato che a tutte le navi da crociera sarà vietato l'attracco e che "il flusso dei visitatori si ridurrà notevolmente e molto rapidamente". "Se un vostro conoscente rientra da Bali e poi va al lavoro e siede accanto a voi, allora commette un reato", ha aggiunto. In Australia sono stati registrati finora 269 contagiati di Covid-19 con un gran numero di nuovi casi che ora proviene dagli Stati Uniti che, secondo Morrison, è una "fonte principale" del focolaio.

15 marzo 09:51 Coronavirus Francia, seggi aperti tra i timori del contagio

Circa 70.000 seggi elettorali sono stati aperti in Francia per il primo turno delle elezioni comunali, con misure straordinarie per prevenire la diffusione del coronavirus. Quasi 48 milioni di elettori sono chiamati a eleggere i sindaci di 35.000 comuni per i prossimi sei anni. A poche ore dalla decisione di chiudere nel Paese tutti gli esercizi commerciali non essenziali, i francesi vanno al voto con non poche perplessità che probabilmente influiranno il tasso di affluenza. Da più parti era stato chiesto al governo di posticipare il voto. Il governo, ottenute le rassicurazioni dal comitato scientifico, ha optato per andare avanti con le elezioni. L'impatto – hanno assicurato gli esperti – è simile a quello riscontrato in un supermercato, o in uno stabilimento che rimane aperto, purché vengano rispettate alcune misure eccezionali. Nei seggi ci saranno gel per igienizzare le mani, una persona dedicata alla pulizia, segni sul pavimento per mantenere la distanza tra gli elettori e avvisi che ti ricordano di evitare i contatti tra i cittadini. I presidenti dei seggi devono dare la priorità alle persone anziane e vulnerabili per evitare che rimangano in fila per molto tempo. Il dato sull’affluenza al voto al tempo del coronavirus verrà reso noto alle 20, quando chiuderanno i seggi e inizierà lo spoglio delle schede.

15 marzo 09:31 Coronavirus in Cina: a Wuhan solo 4 casi, ma Pechino teme il “contagio di ritorno”

In Cina diminuiscono i casi di coronavirus con Pechino che però teme il cosiddetto “contagio di ritorno”. La Commissione sanitaria nazionale ha segnalato 20 nuovi contagi nella giornata di ieri, 14 marzo, di cui quattro a Wuhan, focolaio del Covid-19, e 16 importati dall'estero (saliti a 111 totali), che sono risultati in maggioranza per il secondo giorno di fila. Al 14 marzo, i morti in più in Cina causati dal coronavirus sono 10, tutti nella provincia dell’Hubei. Altri 1.370 pazienti sono stati dimessi venerdì dagli ospedali, portando la percentuale di guarigione all'82,76 percento. Tra i 16 nuovi casi importati dall'estero e accertati sabato, cinque sono relativi a Pechino, quattro allo Zhejiang, tre a Shanghai e al Gansu, e uno al Guangdong. Intanto, i guariti sono diventati  66.911. La quota di decessi, invece, è di 3.199.

Diminuiscono i casi di contagio anche in Corea del Sud. Nelle ultime ore si registrano 76 nuovi casi di coronavirus, ai minimi dal 21 febbraio e per la prima volta sotto quota 100 in 23 giorni. I contagi totali sono 8.162. I dati confermano il trend di rallentamento del contagio: i due focolai di Daegu e del Nord Gyeongsang si stanno ridimensionando.

15 marzo 09:16 Coronavirus Lombardia, Fontana contro il governo: “A Roma c’è percezione sbagliatissima”

Polemiche tra il governatore della Lombardia Attilio Fontana e il governo. Al centro la realizzazione dell’ospedale temporaneo negli spazi dell’ex Fiera Milano, dove potrebbero essere allestiti 500 posti di terapia intensiva. Nei giorni scorsi la Regione aveva annunciato l'intenzione di allestire l'ospedale temporaneo e aveva incassato un primo sostegno della Protezione civile nazionale, che avrebbe dovuto farsi carico dei costi per reperire letti, macchinari e personale. Ma poi c’è stato un passo indietro. In un'intervista il governatore Fontana ha attaccato il governo: “Credo che ci sia una percezione sbagliatissima a Roma e non solo”. La Lombardia intende andare avanti nella realizzazione della struttura e ha nominato come consulente Guido Bertolaso.

15 marzo 08:57 Coronavirus diretta, crociera bloccata in Nuova Zelanda per un caso sospetto

I passeggeri della nave da crociera Golden Princess non hanno potuto sbarcare in un porto della Nuova Zelanda a causa di un sospetto caso di coronavirus a bordo. A dirlo i funzionari della sanità. A bordo della nave ci sono 2.600 passeggeri e 1.100 membri dell'equipaggio. La nave è ad Akaroa vicino alla città di Christchurch, nell'Isola del Sud. Il direttore generale della Salute della Nuova Zelanda, Ashley Bloomfield, ha dichiarato che tre passeggeri sono stati messi in quarantena dal medico di bordo. Uno di questi ha sviluppato sintomi del Covid-19 e viene trattato come caso sospetto. "Tutte le persone a bordo non sono autorizzate a scendere dalla nave fino a quando non saranno noti i risultati", ha detto Bloomfield.

Il nuovo caso arriva solo tre giorni dopo che la Princess Cruises aveva annunciato che avrebbe sospeso i viaggi in tutto il mondo per due mesi a causa della pandemia di coronavirus. La compagnia sta autorizzando a completare i viaggi delle crociere che sono negli ultimi cinque giorni dell'itinerario, ma dal 17 marzo tutte attraccheranno nel luogo più conveniente. Princess Cruises ha già visto due delle sue navi colpite dal coronavirus e messe in quarantena: la ormai celebre Diamond Princess, che attraccò in Giappone, e la Grand Princess, che attraccò in California.

15 marzo 08:43 Coronavirus Spagna, positiva la moglie del primo ministro Pedro Sanchez

La moglie del primo ministro spagnolo Pedro Sanchez è risultata positiva al coronavirus. Lo rendono noto fonti ufficiali. In un comunicato citato dai media locali, il governo di Madrid ha informato che Begona Gomez è risultata positiva, ma sia lei sia il marito "stanno bene" ed entrambi rimangono nel Palazzo della Moncloa e "seguono in ogni momento le misure di prevenzione stabilite dalle autorità sanitarie". Nella nota si sottolinea che Begona Gomez era stata sottoposta al test come "altre persone vicine al presidente del governo”.

15 marzo 08:33 Coronavirus, papa Francesco celebrerà la Settimana Santa e la Pasqua senza fedeli

Riti pasquali a porte chiuse in Vaticano a causa dell’emergenza coronavirus. Il sito della Prefettura della Casa pontificia ha spiegato che a causa "dell'attuale emergenza sanitaria internazionale, tutte le Celebrazioni Liturgiche della Settimana Santa si svolgeranno senza la presenza fisica di fedeli". Inoltre, fino al 12 aprile le udienze generali di papa Francesco e le recite dell'Angelus saranno fruibili solamente in diretta streaming sul sito ufficiale di Vatican News.

15 marzo 08:26 Coronavirus negli Stati Uniti, Trump fa il tampone: è negativo

Il presidente americano Donald Trump è risultato negativo al test per il coronavirus. A renderlo noto è il medico della Casa Bianca. Trump è stato a contatto nei giorni con persone poi risultate positive. “Una settimana dopo aver cenato con la delegazione brasiliana a Mar-a-Lago – scrive il medico della Casa Bianca – il presidente resta senza sintomi". Nella nota si conferma come la decisione di procedere al test è stata presa venerdì sera dopo "un'approfondita discussione". Il presidente americano aveva ribadito, anche venerdì, di non avere sintomi e star bene.

15 marzo 08:18 Coronavirus Italia, 21157 contagiati, di cui 1966 guariti e 1411 morti

Sono 17.750 i malati di coronavirus in Italia secondo l’ultimo aggiornamento di sabato della Protezione Civile. Si contano in un giorno 2.795 positivi in più e in un giorno c’è stato un aumento di 175 morti. Il numero complessivo dei contagiati ha raggiunto i 21.157, di cui 1966 guariti e 1411 morti. Le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus sono 1.966, 527 in più di venerdì. I malati ricoverati in terapia intensiva sono 1.518.

In Italia è in vigore il decreto #iorestoacasa e il Governo chiede ai cittadini di non viaggiare neppure per tornare dalle proprie famiglie. Anche Francia e Spagna hanno deciso di adottare restrizioni simili. L’ex capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, affiancherà come consulente personale per l’emergenza sanitaria il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana. E dalla Lombardia parole drammatiche sono arrivate dall’assessore al Welfare Giulio Gallera: “Tra poco arriviamo a un punto di non ritorno. Se ogni giorno abbiamo 85 persone in più che entrano in terapia intensiva e tendenzialmente ne escono due o tre, perché il dato è il 10 percento e il 15 percento considerato chi esce e chi muore, tutto questo non è sufficiente. È difficile per tutti ma, come noi stiamo facendo un grande sforzo, chiediamo la stessa intensità da tutti".

Aumentano i casi di contagio da coronavirus anche negli altri Paesi. Sale di ora in ora il numero dei casi negli Stati Uniti, ora oltre 2.800, quasi il doppio in poco più di 24 ore. I morti sono almeno 58, secondo gli ultimi dati delle autorità sanitarie federali e locali. In Spagna risultata positiva la moglie del primo ministro Pedro Sanchez. In un comunicato citato dai media spagnoli, il governo di Madrid ha informato che la moglie del premier, Begona Gomez, è risultata positiva, ma sia lei sia il marito "stanno bene", entrambi rimangono nel Palazzo della Moncloa e "seguono in ogni momento le misure di prevenzione stabilite dalle autorità sanitarie".

Tutto sul Coronavirus Covid-19

Ultime notizie sulla pandemia di Coronavirus

Il decreto #iorestoacasa contro il Coronavirus

Il parere degli esperti: Ilaria Capua

Le parole del virologo Roberto Burioni

Coronavirus in Italia: informazioni e link utili

Coronavirus in Italia e nel mondo