2 Aprile 2022
8:36

Un bug di Facebook ha mostrato più fake news agli utenti per 6 mesi

Una falla tecnica di Facebook ha portato a una maggiore diffusione di post contenenti disinformazione e contenuti malevoli.
A cura di Marco Paretti

Un gruppo di ingegneri di Facebook ha individuato un grave errore tecnico che per sei mesi ha esposto un grande numero di utenti a contenuti malevoli e bufale. Lo riporta The Verge, citando un documento interno trapelato nel corso degli ultimi giorni. La problematica tecnica sembra essere stata individuata lo scorso ottobre, quando un'ondata di disinformazione ha iniziato a circolare nel News Feed di molti utenti. Al posto di limitare la portata di questi post, l'algoritmo gli ha fornito visibilità e li ha distribuiti a un grande numero di utenti, portando a un incremento del 30% della loro reach.

Non trovandone la causa, gli ingegneri si sono limitati a osservare questo fenomeno ripresentarsi ciclicamente, fino alla risoluzione del problema avvenuta l'11 marzo. Oltre a questi post, l'investigazione interna ha scoperto che durante questo periodo i sistemi automatizzati del social non hanno limitato la portata di post contenenti nudità, violenza e propaganda russa, bloccata dalla piattaforma all'inizio della guerra in Ucraina. Il problema tecnico è stato così importante che internamente era segnalato come livello uno SEV, cioè una crisi con priorità massima al pari del blocco dei social in Russia.

Un portavoce dell'azienda ha confermato a The Verge l'esistenza del problema, spiegando che l'azienda "ha individuato inconsistenze nella limitazione dei post in cinque occasioni differenti, che hanno portato a piccoli e temporanei aumenti di visibilità dei contenuti. Abbiamo individuato la causa in un bug software e risolto il problema". La falla sembra essere nata nel 2019, ma i primi danni sarebbero arrivati solo nell'ottobre 2021. "In sistemi complessi come questi i bug sono inevitabili e comprensibili" ha spiegato Sahar Massachi, un ex membro del Civic Integrity Team di Facebook. "Ma cosa succede quando una piattaforma social ha una di queste falle? Come facciamo anche solo a saperlo? Ci serve trasparenza per costruire un sistema di responsabilità sostenibile, per aiutarli a scoprire questi problemi più velocemente".

Perché il calo di utenti di Facebook non preoccupa Zuckerberg
Perché il calo di utenti di Facebook non preoccupa Zuckerberg
Facebook sta bloccando gli utenti che non hanno attivato la funzione Protect
Facebook sta bloccando gli utenti che non hanno attivato la funzione Protect
Dopo 15 anni Facebook cambia il nome al
Dopo 15 anni Facebook cambia il nome al "News Feed"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni