15 Gennaio 2022
12:20

Tim spegnerà la rete 3G: cosa cambia per gli utenti

Tra pochi mesi il noto operatore telefonico non supporterà più la rete di terza generazione, comunemente abbreviata in 3G. Tim consiglia la sostituzione dello smartphone se troppo obsoleto. Ecco cosa fare.
A cura di Lorena Rao

Se siete clienti Tim, probabilmente avete ricevuto questo SMS: "Gentile cliente, da aprile 2022, Tim avvierà il progressivo spegnimento della rete 3G, che sarà sostituita dalle tecnologie 4G e 5G". Tra pochi mesi il noto operatore telefonico non supporterà più la rete di terza generazione, comunemente abbreviata in 3G, a favore delle ultime tecnologie. Ciò implica importanti cambiamenti per tre tipologie di utenti: chi ha un telefono 3G, chi ha un telefono 4G di prima generazione e chi utilizza una Sim Card da 128K. In questi tre casi, la navigazione su smartphone subirà importanti rallentamenti. Nell'SMS, Tim consiglia la sostituzione dello smartphone, perché in caso contrario, da aprile, la connessione subirà un netto rallentamento.

Cosa succede senza il supporto della rete 3G

A partire da aprile, chi possiede uno smartphone solo 3G, tornerà ad utilizzare la rete 2G, decisamente più lenta e obsoleta. Per capire meglio: questo tipo di rete veniva utilizzata dai dispositivi negli anni '90. Chi invece ha un smartphone 4G di prima generazione, potrà navigare sfruttando la rete di riferimento, ma per chiamate e messaggi dovrà fare affidamento alla rete 2G. Questo vuol dire che o si naviga o si telefona. Impossibile fare le due cose contemporaneamente. Infine, lo scenario più semplice vede protagonista la Sim Card da 128K: in questo caso sarà sufficiente andare in un centro Tim per avere un Sim sostituiva in linea con le nuove tecnologie. L'operazione avrà un costo di 15 euro, somma che verrà rimborsata sul credito dell'utente entro 24 ore.

Tim non è certo l'unico operatore telefonico a dire addio alla rete 3G a favore di quelle 4G e 5G. Già Vodafone ha attuato lo spegnimento del 3G a marzo 2021. WindTre è al lavoro sullo stesso fronte, ma non ha ancora comunicato una data specifica. Iliad invece non ha necessità di questo passaggio, in quanto possiede solo antenne 4G e 5G (per il 3G si appoggia a WindTre). Infine, altri come Ho Poste Mobile, dipendono dagli operatori sui quali si appoggiano per la rete.

Altro che 5G, il Giappone è già al lavoro sulla rete 6G
Altro che 5G, il Giappone è già al lavoro sulla rete 6G
Cosa cambia per i videogiochi di Bungie con l’acquisizione da parte di Sony
Cosa cambia per i videogiochi di Bungie con l’acquisizione da parte di Sony
Tesla spegnerà la funzione che ti faceva videogiocare in auto anche in movimento
Tesla spegnerà la funzione che ti faceva videogiocare in auto anche in movimento
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni