5 Settembre 2022
18:19

Lavorare nel Metaverso? Le offerte di lavoro ci sono già, anche in Italia

Sui siti come Indeed, Monster, e Jooble ci sono già proposte di lavoro “virtuale”
A cura di Elisabetta Rosso

Il lavoro del futuro? Più o meno. Il metaverso è già tra noi e crea posti di lavoro, oggi. La lista è lunga, basta cercare su Indeed, Monster, Infojobs, Adecco, Jooble. Tutti i siti propongono offerte professionali legate al Metaverso. Dal costruttore di mondi all’analista dei dati etici. C’è un po’ di tutto. Gran parte del metaverso deve essere ancora inventato e sulla carta, per ora, è la terra selvaggia delle possibilità, anche dal punto di vista del lavoro.

Le offerte

Alcune sono professioni tradizionali translate nell’etere, altre lavori pensati ad hoc. Primo tra tutti il web3 developer, uno sviluppatore che sappia usare i linguaggi di programmazione più aggiornati, specializzato soprattutto sui temi legati alla blockchain. Tra i lavori più ricercati c’è anche il social media strategist per implementare strategie social finalizzate ad aumentare il traffico web. Anche l’animatore 3D è particolarmente richiesto. Il suo obiettivo è creare immagini tridimensionali, le animazioni che abiteranno la piattaforma. Altrettanto importanti sono i responsabili della sicurezza. Problema madre nel web 2, ancora più cruciale nel web 3. Un elemento chiave per poter vivere e lavorare nel metaverso. Non mancano le richieste per i videomaker, che dovranno produrre e post produrre le immagini e i video che permetteranno al metaverso di prendere forma.

Dovranno invece possedere molteplici competenze gli architetti del metaverso. Skill di animazione, illustrazione e modellazione 3D, basi di programmazione, e competenze su software come Blender e Maya. Il loro scopo è quello di immaginare nuovi spazi. Quelli che saranno trasformati in “realtà” dai costruttori del metaverso, figure professionali che sviluppano le infrastrutture nell’etere. Rendono concrete le visioni degli architetti. Nel circuito di creazione ci sarà spazio anche per gli scrittori. Gli storytellers, che dovranno pianificare esperienze e tour. Capaci di creare scenari fantastici per giochi e intrattenimento, e anche occasioni per socializzare, un modo per offrire agli utenti nuove opportunità di incontro. Il metaverso ha bisogno di essere narrato per essere immersivo come promette. Rimanendo nell’ambito dell’arte, hanno già fatto parlare di sé i crypto artist, che hanno sviluppato nuove strategie per creare opere digitali che saranno esposte e vendute nel metaverso. Le loro competenze sono anche richieste dalle aziende per creare nuove estetiche nel mondo virtuale.

Meno richieste per ora. Cercando sui siti però si trovano anche offerte di lavoro per responsabili di sala e direttori di eventi nel metaverso. Concerti e mostre d’altronde hanno già avuto luogo in ambienti come Fortnite. Una tendenza che ottenuto successo. Il loro compito è "inventare e sviluppare soluzioni all'avanguardia per la locomozione, le interazioni, le espressioni facciali e il movimento secondario dell'avatar. Saper gestire la logistica di un evento e intrattenere gli ospiti”, scrivono.

 

Ci sono anche lavori che difficilmente compaiono sulle bacheche dei siti che offrono lavoro, ma hanno già cominciato a prendere il loro spazio nel metaverso e nelle aziende internazionali che investono sul fenomeno.

Cacciatori di taglie sui dati

Nel metaverso i dati sono tutto. I cacciatori di taglie sui dati testano la sicurezza delle infrastrutture. La ricerca di vulnerabilità è da sempre una priorità per chiunque si occupi di cyber security. Proprio per questo è stato creato un sistema che incentivi gli informatici a trovarle e quindi a prevenire l’attacco di un hacker. Ogni vulnerabilità, quindi, ha una taglia sulla “testa”. I cacciatori sono pagati per scovarle.

Avvocati e consulenti patrimoniali

Il metaverso si muove, circolano soldi, opere d’arte, diritti, e tutto avviene in un panorama legale incerto. Avvocati e consulenti patrimoniali specializzati in Ethereum, Nft, testamenti che includono beni virtuali, o investimenti su Upland, Cryptovoxels, Somnium Space, sono sempre più richiesti.

Guide turistiche

D’altronde è un mondo che deve essere esplorato. Il ruolo delle guide turistiche rimane più o meno lo stesso, cambiano gli spazi. Accompagnano gli avatar nelle loro nuove case, mostrano luoghi inediti, spiegano la storia e le caratteristiche della piattaforma che si visita. Hanno anche il compito di intrattenere e creare esperienze esclusive, a seconda del pacchetto che si acquista.

Stilisti

Imvu, un social network metaverso cresciuto del 44% nell'ultimo anno, consente ai suoi utenti di creare avatar e vestirli virtualmente con abiti digitali creati da designer, e ha già ospitato una sfilata di moda. DressX, un negozio solo digitale a Metajuku, un quartiere dello shopping di Decentraland, sta realizzando una nuova stagione di abbigliamento virtuale. Gli stilisti stanno già lavorando per vestire e consigliare gli avatar, il ruolo di personal shopper è già attivo sulle piattaforme più sensibili alla moda.

Sviluppatore di ecosistemi

È lui che rende sostenibile la visione degli architetti. Fa in modo che tutto funzioni e che possa essere sfruttato al 100%. Garantisce le funzionalità in larga scala delle nuove tecnologie e propone investimenti governativi ottimizzati. Sono rischieste  la conoscenza dell’XR, esperienza governativa nella gestione dello sviluppo di infrastrutture, e conoscenza dei nuovi sistemi tecnologici.

Nel Metaverso non c'è quasi nulla ma per i suoi terreni sono già stati spesi miliardi di dollari
Nel Metaverso non c'è quasi nulla ma per i suoi terreni sono già stati spesi miliardi di dollari
“Il Metaverso è un disastro e nemmeno i dipendenti lo stanno usando”, cosa dicono i documenti interni di Meta
“Il Metaverso è un disastro e nemmeno i dipendenti lo stanno usando”, cosa dicono i documenti interni di Meta
Il Carnevale di Venezia sbarca nel Metaverso: tutti i dettagli dell'evento tra avatar e maschere digitali
Il Carnevale di Venezia sbarca nel Metaverso: tutti i dettagli dell'evento tra avatar e maschere digitali
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni