242 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Febbraio 2022
9:33

Vaccino Covid “tradizionale” di Sanofi e GSK efficace al 100% contro malattia grave e ricovero

I colossi farmaceutici Sanofi e GlaxoSmithKline (GSK) hanno annunciato che il vaccino anti Covid “VAT00008” è efficace al 100% contro COVID-19 grave e ricovero.
A cura di Andrea Centini
242 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il vaccino anti Covid della società farmaceutica francese Sanofi e della società farmaceutica anglo-americana GlaxoSmithKline (GSK) ha mostrato un'efficacia del 100 percento nel prevenire la COVID-19 grave e il ricovero in ospedale. Lo hanno annunciato i due colossi farmaceutici in un comunicato stampa congiunto, riportando i risultati dello studio di Fase 3VAT08” condotto su una popolazione sieronegativa di oltre 10mila volontari di Stati Uniti, Africa, Asia e America del Sud. Contestualmente ai dati dello studio, le case farmaceutiche hanno annunciato che faranno richiesta alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense e all'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) per l'autorizzazione all'uso di emergenza.

Il vaccino anti Covid di Sanofi e GSK, noto con il nome in codice di VAT00002 o VAT00008, si basa su una tecnologia collaudata per questa classe di farmaci, ovvero quella della subunità proteica ricombinante potenziata da un adiuvante. Viene utilizzata anche per i comuni vaccini contro l'influenza. In parole semplici, anziché spingere il nostro organismo a produrre la proteina S o Spike del coronavirus SARS-CoV-2 attraverso la sua istruzione genetica contenuta nell'mRNA, come avviene per i vaccini Spikevax di Moderna e Comirnaty di Pfizer-BioNTech, il vaccino VAT00008 contiene già al suo interno una forma modificata di questa proteina. Il virus sfrutta la Spike per agganciarsi alle cellule umane e avviare i processi infettivi che determinano la malattia (COVID-19), per questo è un bersaglio privilegiato dei vaccini.

Come indicato, il vaccino Covid di Sanofi e GSK – basato su due dosi da 10 microgrammi –  ha determinato una protezione del 100 percento contro contro la malattia grave e l'ospedalizzazione, essendo stati registrati zero casi contro dieci nel gruppo di controllo dopo la prima dose e zero casi contro quattro dopo la seconda dose. Gli scienziati hanno inoltre osservato un'efficacia del 75 percento contro la malattia da moderata a grave, con tre casi contro 11. Per quanto riguarda la protezione da qualunque forma sintomatica della COVID-19, compresa quella lieve, l'efficacia è risultata essere del 57,9 percento. “I primi dati indicano un'efficacia del 77 percento contro qualsiasi malattia sintomatica COVID-19 associata alla variante Delta”, si legge nel comunicato stampa delle due case farmaceutiche.

Il vaccino di Sanofi e GSK è stato sperimentato anche come richiamo (o booster) su persone che avevano già ricevuto la vaccinazione base con un vaccino a mRNA o uno basato su adenovirus (AstraZeneca e Johnson & Johnson), inducendo un aumento significativo degli anticorpi neutralizzanti “da 18 a 30 volte tra piattaforme vaccinali e gruppi di età”. Quando invece il vaccino VAT00008 è stato somministrato in tre dosi (vaccinazione di base più booster) “gli anticorpi neutralizzanti sono aumentati da 84 a 153 volte rispetto ai livelli pre-richiamo”.

Sono tutti dati che certificano – almeno preliminarmente – l'efficacia protettiva del nuovo farmaco, testato in una fase pandemica in cui è significativa la circolazione di varianti di preoccupazione (come la Omicron B.1.1.529) e di diverse altre sottovarianti. Il vaccino si è dimostrato ben tollerato ed efficace in tutte le classi di età testate. I dati dello studio VAT08 ribaltano i risultati insoddisfacenti degli studi clinici pubblicati lo scorso anno, che spinsero Sanofi e GSK a riformulare il proprio vaccino (potenziandolo) e a uscire sul mercato molto più avanti rispetto ad altri produttori.

“Siamo molto soddisfatti di questi dati, che confermano la nostra solida scienza e i benefici del nostro vaccino COVID-19. Il vaccino Sanofi-GSK dimostra una capacità universale di potenziare tutte le piattaforme e per tutte le età. Abbiamo anche osservato una solida efficacia del vaccino come serie primaria nel difficile ambiente epidemiologico di oggi. Nessun altro studio globale di efficacia di Fase 3 è stato intrapreso durante questo periodo con così tante varianti di preoccupazione, incluso Omicron, e questi dati sull'efficacia sono simili ai recenti dati clinici dei vaccini autorizzati”, ha dichiarato il dottor Thomas Triomphe Executive Vice President di Sanofi Vaccines. “L'evoluzione epidemiologica della COVID-19 dimostra la necessità di una varietà di vaccini. Il nostro candidato vaccino a base di proteine adiuvato utilizza un approccio consolidato che è stato ampiamente applicato per prevenire l'infezione con altri virus, inclusa l'influenza pandemica. Siamo fiduciosi che questo vaccino possa svolgere un ruolo importante mentre continuiamo ad affrontare questa pandemia e a prepararci per il periodo post-pandemico”, gli ha fatto Roger Connor, Presidente di GSK Vaccines.

Il nuovo vaccino può essere conservato a temperatura di frigorifero (non ha bisogno della catena ultrafredda) ed è poco costoso, pertanto si ritiene che possa essere spinto soprattutto nei Paesi dove il tasso di vaccinazione è ancora basso, come in Africa. Per via della sua tecnologia consolidata e tradizionale, inoltre, potrebbe essere apprezzato anche da chi fino ad oggi ha deciso di non vaccinarsi perché non si fida dei vaccini a RNA messaggero, nonostante si siano dimostrati ampiamente sicuri ed efficaci.

242 CONDIVISIONI
31632 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni