3.763 CONDIVISIONI
1 Giugno 2022
16:35

Una birra o un bicchiere di vino possono far invecchiare il cervello di 2 anni

Lo hanno chiarito gli studiosi dell’Università della Pennsylvania osservando alcuni cambiamenti nel cervello associati al consumo medio di alcolici al giorno.
A cura di Valeria Aiello
3.763 CONDIVISIONI

Bere alcolici fa male. Anche se con moderazione, e si può rischiare di ritrovarsi il cervello più piccolo del normale anche da consumatori leggeri di alcolici. È quanto emerge da un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Communications che presenta i risultati di una ricerca condotta su oltre 36mila adulti. Secondo i ricercatori esiste un’associazione tra il consumo di alcolici e la riduzione del volume cerebrale che si manifesta anche con un livello medio di alcolici – meno di un’unità alcolica al giorno (l’equivalente di mezza birra) – all’aumento di ogni unità alcolica aggiuntiva. I ricercatori hanno chiarito, ad esempio, che nei cinquantenni, al consumo medio che aumenta da un’unità alcolica di alcool (circa mezza birra) al giorno a due unità (un pinta di birra o un bicchiere di vino), si associano cambiamenti cerebrali equivalenti a un invecchiamento di due anni. All’aumento da due a tre unità alcoliche, alla stessa età, corrisponde un invecchiamento di circa tre anni e mezzo.

L’analisi, guidata da un team dell’Università della Pennsylvania, ha rilevato che il consumo di alcol da leggero a moderato è associato a riduzioni del volume cerebrale generale e l’associazione è più forte quanto maggiore è il livello del consumo di alcolici. “Il fatto che abbiamo una dimensione del campione così ampia ci consente di trovare schemi sottili, anche tra il bere l'equivalente di mezza birra e una birra al giorno – ha affermato Gideon Nave, co-autore corrispondente dello studio e membro della facoltà della Penn’s Wharton School – . Passare da zero a una unità di alcol non ha fatto molta differenza nel volume del cervello, ma passare da una a due o due o tre unità al giorno era associato a riduzioni sia della sostanza grigia che di quella bianca”.

Non è lineare – ha indicato il co-autore corrispondente Remi Daviet, ora all’Università del Wisconsin-Madison – . Peggiora più bevi”. Anche rimuovendo i dati dei forti bevitori, le associazioni sono rimaste, hanno spiegato gli scienziati che, per dare un’idea dell’impatto, hanno anche confrontato i dati con le riduzioni delle dimensioni del cervello legate al bere con quelle che si verificano con l’invecchiamento.

Sulla base della loro modellazione, ogni unità di alcol aggiuntiva consumata ogni giorno si rifletteva in un maggiore effetto di invecchiamento nel cervello. Mentre passare da zero a una media giornaliera di un’unità alcolica era associato all'equivalente di un anno e mezzo di invecchiamento, la differenza tra zero e quattro drink era di oltre 10 anni di invecchiamento.

3.763 CONDIVISIONI
Il vino rosso (ma non la birra) può ridurre il rischio di contrarre il Covid
Il vino rosso (ma non la birra) può ridurre il rischio di contrarre il Covid
Non tutti i tipi di alcol sono dannosi per il grasso corporeo
Non tutti i tipi di alcol sono dannosi per il grasso corporeo
Scoperte creature fossili di 500 milioni di anni con tre occhi e cervelli ben conservati
Scoperte creature fossili di 500 milioni di anni con tre occhi e cervelli ben conservati
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni