2.893 CONDIVISIONI
5 Luglio 2022
14:21

Un uomo è finito in ospedale perché il suo scroto ha cominciato a fischiare

È il caso di un 72enne dell’Ohio che è stato valutato al pronto soccorso per una condizione piuttosto rara (e decisamente imbarazzante).
A cura di Valeria Aiello
2.893 CONDIVISIONI

Un uomo di 72 anni è la prima persona al mondo ad aver ricevuto una diagnosi di “scroto che fischia”, secondo quanto riportato in un nuovo studio pubblicato sull’American Journal of Case Reports. La condizione, piuttosto rara e decisamente imbarazzante, che in gergo medico è assimilabile allo pneumoscroto, è stata descritta da un team di medici del Dipartimento di Medicina interna della Wright State University di Dayton, nell’Ohio, dopo che l’uomo si è presentato al pronto soccorso con difficoltà respiratorie e, soprattutto, emettendo un bizzarro sibilo dalla sacca scrotale.

Sottoposto a una radiografia del torace, l’uomo mostrava un accumulo di aria tra i polmoni e la parete toracica (pneumotorace bilaterale), presentava aria nella cavità situata nella parte centrale del torace (pneumomediastino) e nei tessuti situati appena sotto la pelle (enfisema sottocutaneo) di tutto l’addome, il perineo e lo scroto. I medici hanno anche notato una ferita aperta lungo lo scroto –  dovuta a un intervento chirurgico ai testicoli cui l’uomo si era sottoposto cinque mesi prima – che consentiva all’aria intrappolata di fuoriuscire liberamente all’esterno.

Una radiografia del torace dell’uomo ha mostra l’accumulo di aria nell’organismo / American Journal of Case Reports
Una radiografia del torace dell’uomo ha mostra l’accumulo di aria nell’organismo / American Journal of Case Reports

La buona notizia è che, nonostante il complesso quadro clinico, l’anziano si è ripreso completamente in seguito all’intervento dei medici, che hanno inserito tubi toracici bilaterali e drenaggi sottocutanei per eliminare l’aria accumulata intorno ai polmoni e nei tessuti sottocutanei dell’addome. L’aria presente invece nello spazio perineale e nelle cosce ha richiesto un trattamento più complesso e un ulteriore intervento chirurgico allo scroto, che si è rivelato risolutivo.

I medici hanno precisato che non è “chiaro” come questo raro evento clinico si sia esattamente verificato. “L’origine dell’aria è dovuta principalmente a un trauma, ma lo pneumoscroto spontaneo può svilupparsi da cause gastrointestinali o polmonari – indicano gli autori del case report – . Tuttavia, lo pneumoscroto nell’ambito di una ferita scrotale, che consente all'aria di passare liberamente all’esterno del corpo, non era stato precedentemente mai documentato in letteratura”.

2.893 CONDIVISIONI
Quando potremo dire che la pandemia di Covid è davvero finita
Quando potremo dire che la pandemia di Covid è davvero finita
Milano ha cominciato a farsi pubblicità anche su Tinder
Milano ha cominciato a farsi pubblicità anche su Tinder
Ora sappiamo in che anno l’innalzamento dei mari ha cominciato davvero ad accelerare
Ora sappiamo in che anno l’innalzamento dei mari ha cominciato davvero ad accelerare
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni