315 CONDIVISIONI
5 Ottobre 2022
17:25

Sfugge a uno squalo grazie ai delfini: così un surfista australiano è tornato sano e salvo a riva

È accaduto a Wallagoot Beach, sulla costa del Nuovo Galles del Sud, in Australia, dove non è raro imbattersi in predatori marini.
A cura di Valeria Aiello
315 CONDIVISIONI

Bill Ballard stava facendo surf a Wallagoot Beach, sulla costa del Nuovo Galles del Sud, in Australia, lo scorso 25 settembre, quando ha notato che, intorno a lui, alcuni delfini intenti a cacciare un branco di salmoni hanno cominciato a comportarsi in modo diverso dal solito. Ballard aveva già incontrato i delfini in quell’area, quindi conosceva bene il loro comportamento abituale. “È difficile da descrivere, ma risalivano in superficie per guardami e a nuotavano avanti e indietro, avvicinandosi e cercando di spingermi verso la riva” ha raccontato il surfista al magazine The Courier. Poco dopo, un velivolo che stava sorvolando la zona è sceso a bassa quota, avvertendo Ballard di un pericolo imminente. Due passeggeri a bordo si sbracciavano dai finestrini, indicando una grande ombra di qualcosa che nuotava nelle vicinanze. Era uno squalo, la cui specie non è stata confermata, forse uno squalo bianco, uno squalo tigre o uno squalo toro, nei quali – secondo l’Australian Marine Conservation Society – non è raro imbattersi nelle acque subtropicali della costa orientale.

Ballard probabilmente porterà sempre con sé il ricordo di quanto accaduto, così come il pilota e i due passeggeri del velivolo che, non riuscendo a riprendere quota, è finito per schiantarsi a pochi metri dalla spiaggia. Nel frattempo, incalzato dai delfini, Ballard ha colto un’onda che lo aveva riportato a riva, dove è andato a controllare le condizioni dei passeggeri. “Uno di loro continuava a dirmi: era uno squalo, era vicino a te ed era il più grande che abbia mai visto. Doveva essere lungo circa 6 metri – ha precisato il surfista – . All’inizio pensavo che lo avessero scambiato per un delfino, e continuavo a chiedere loro se fossero davvero sicuri che non lo fosse, ma il pilota del velivolo ha poi detto: ‘No, volo da anni e so esattamente come appare uno squalo’”.

Nell’incidente, nessuno è rimasto ferito in modo significativo, e Ballard è così tornato a casa sano e salvo, ripensando all’aiuto ricevuto. Senza l’intervento dei delfini, il surfista non si sarebbe probabilmente accorto dello squalo, e senza la loro frenesia, neppure le persone sul velivolo avrebbero notato quanto stava accadendo. Eppure, spiegano gli esperti, il comportamento dei delfini non sarebbe legato a un loro atteggiamento protettivo nei confronti degli umani, anzi.

Alcuni grandi banchi di pesci, compresi i salmoni, sono una grande attrazione per squali e delfini, che non è raro condividano le stesse aree, poiché tendono a cercare lo stesso ciboha affermato a Newsweek il biologo marino Leonardo Guida dell’Australian Marine Conservation Society -. I delfini potrebbero aver persino visto il surfista come un possibile concorrente per il cibo, per cui ‘spingerlo’ a riva avrebbe potuto essere un modo per intimidirlo e farlo stare lontano, piuttosto che proteggerlo da uno squalo. In generale, non è nell’interesse di un animale entrare in conflitto con un altro, quando questo può essere evitato, quindi potrebbe essere che i delfini mantengano le distanze pur tenendo d’occhio un potenziale concorrente”.

315 CONDIVISIONI
Perché scegliere una dieta vegetale può aiutarci contro la crisi dell'acqua
Perché scegliere una dieta vegetale può aiutarci contro la crisi dell'acqua
I cani possono ridurre la criminalità nel quartiere in cui vivi: il nuovo “super potere” di Fido
I cani possono ridurre la criminalità nel quartiere in cui vivi: il nuovo “super potere” di Fido
In soli 10 anni perso il 43% dei pinguini di Adelia in Antartide orientale: le ragioni del declino
In soli 10 anni perso il 43% dei pinguini di Adelia in Antartide orientale: le ragioni del declino
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni