25 Novembre 2022
12:28

Perché i pipistrelli affamati possono causare una nuova pandemia

Lo ha scoperto un team di ricerca australiano studiando la relazione tra cambiamenti climatici, perdita dell’habitat naturale dei pipistrelli e salto di specie dei virus.
A cura di Valeria Aiello
I pipistrelli sono serbatoio di un virus chiamato Hendra, che infetta i cavalli e diffondersi alle persone, causando un’ infezione respiratoria rara ma mortale / Credit: Getty
I pipistrelli sono serbatoio di un virus chiamato Hendra, che infetta i cavalli e diffondersi alle persone, causando un’ infezione respiratoria rara ma mortale / Credit: Getty

La pandemia di Covid ha dato prova di come i virus che hanno origine in specie animali possano compiere il salto di specie e diffondersi negli esseri umani. I virus dei pipistrelli, nello specifico, sono diventati una preoccupazione crescente per la salute pubblica, per la loro capacità di causare malattie spesso fatali nell’uomo, portando i ricercatori a domandarsi se è sia possibile identificare quali siano i fattori che aumentano la probabilità che questi mammiferi diffondano pericolosi virus. In questo ambito di ricerca, di particolare aiuto sono le volpi volanti (genere Pteropus), un tipo di pipistrello che si trova in Australia ed è serbatoio di un virus chiamato Hendra, che causa un’infezione respiratoria molto rara ma mortale, che uccide una persona infetta su due.

Il virus Hendra, così come i virus Nipah, SARS-CoV e SARS-CoV-2 (il virus di Covid-19), arriva all’uomo attraverso l’infezione di un animale intermedio, il che spesso complica le indagini dei ricercatori. Ma uno studio dettagliato, che ha preso in considerazione 25 anni di dati sul cambiamento dell’uso del suolo, sul comportamento dei pipistrelli e la diffusione del virus Hendra dalle volpi volanti ai cavalli nell’Australia subtropicale, ha permesso di prevedere, con due anni di anticipo, quando probabilmente appariranno focolai di infezione da virus Hendra nell’uomo. I risultati dello studio, coordinato da Peggy Eby, un’ecologa della fauna selvatica presso l'Università del New South Wales a Sydney, sono stati recentemente pubblicati su Nature.

Le cause di una nuova pandemia

Ad aumentare le probabilità di salto di specie del virus Hendra sono alcuni cambiamenti nel comportamento dei pipistrelli, guidati principalmente dalla carenza di cibo nel loro habitat naturale. Tali carenze sono in genere successive agli anni di forti eventi di di El Niño, un fenomeno climatico che si verifica nell’Oceano Pacifico tropicale, che è spesso associato a lunghi periodi di siccità nell’Australia occidentale.

Un gruppo di volpi volanti australiane
Un gruppo di volpi volanti australiane

In risposta a tali carenze, i pipistrelli passano dall’avere un comportamento stanziale a uno stile di vita prevalentemente nomade – si spostano in grandi gruppi da una foresta all’altra alla ricerca di nettare – fino a stabilirsi in piccoli gruppi nelle aree urbane e agricole, dove vivono i cavalli e le persone. In queste zone, hanno osservato gli studiosi, il numero i posatoi di pipistrelli occupati è triplicato dall’inizio degli anni 2000 al 2022. Il team ha anche rilevato, in uno studio precedente, pubblicato sulla rivista Ecology Letters, un’associazione tra questi spostamenti e un aumento della diffusione del virus Hendra nei pipistrelli. Ci sono stati “picchi invernali davvero drammatici nelle infezioni” ha affermato il coautore Daniel Becker, un ecologo che si occupa di malattie infettive presso l’Università dell’Oklahoma a Norman, negli Stati Uniti. Lo studio ha anche collegato la maggiore diffusione virale nei pipistrelli all’aumento di focolai nei cavalli.

I pipistrelli alla ricerca di cibo

Come premesso, nel più recente articolo su Nature, i ricercatori hanno mostrato che la migrazione delle volpi volanti verso aree agricole dove si trovano i cavalli avvengono quando il cibo scarseggia e che questa carenza di cibo spesso fa seguito a forti eventi di El Niño, probabilmente perché il germogliamento dell’albero di eucalipto è sensibile ai cambiamenti climatici. “Le ricadute nei cavalli erano più probabili negli inverni a seguito di una carenza di cibo” ha precisato la coautrice dello studio, la dottoressa Raina Plowright, della Cornell University di Ithaca, New York.

Tuttavia, se gli alberi su cui i pipistrelli fanno affidamento per il cibo durante l’inverno presentano grandi eventi di fioritura nonostante la siccità, gli studiosi hanno osservato una minore diffusione dei virus nei cavalli. “Sfortunatamente, il problema è che non è rimasto quasi nessun habitat invernale per i pipistrelli” ha aggiunto Plowright che, insieme ai colleghi, ha proposto di ripristinare questi habitat per evitare la migrazione dei pipistrelli portatori del virus. “Forse così – ha concluso Plowright – possiamo prevenire la prossima pandemia”.

La trasmissione del virus Hendra

Il virus Hendra è stato identificato nel 1994, a seguito di un’epidemia nei cavalli e nelle persone in una struttura di addestramento per purosangue a Brisbane, in Australia. Gli studi successivi hanno stabilito che il virus si diffonde dai pipistrelli – molto probabilmente le volpi volanti nere (Pteropus alecto) – ai cavalli attraverso feci, urina e sputi di polpa masticata sull’erba. I cavalli infetti possono diffondere il virus alle persone attraverso fluidi e tessuti corporei o escrezioni.

Una volpe volante australiana in volo
Una volpe volante australiana in volo

Dopo un'incubazione di 9-16 giorni, l’infezione umana da virus Hendra può portare a malattie respiratorie e sintomi simil-influenzali, come febbre, tosse, mal di gola, mal di testa e stanchezza. In alcuni casi, la malattia può progredire in encefalite ((infiammazione del cervello), talvolta causando convulsioni e coma. Sebbene si tratti di un’infezione rara, la mortalità è alta (57%).

Nei cavalli, le infezioni si verificano tipicamente in focolai durante l’inverno australiano e possono passare diversi anni prima che un nuovo focolaio emerga. Tuttavia, i casi di infezione segnalati sono aumentati dall’inizio degli anni 2000. Attualmente è disponibile un vaccino per cavalli, la cui somministrazione è fortemente incoraggiata nelle aree a rischio, quale modo più efficace per ridurre il rischio di esposizione al virus Hendra. Altre misure di prevenzione comprendono la protezione del mangime per cavalli dalla contaminazione causata dai fluidi della volpe volante.

Virus simil Covid scoperto nei pipistrelli russi, scienziati: “Può infettare le cellule umane”
Virus simil Covid scoperto nei pipistrelli russi, scienziati: “Può infettare le cellule umane”
Cosa sappiamo sulla nuova variante Orthrus in rapida crescita: in UK lotta con Kraken per il dominio
Cosa sappiamo sulla nuova variante Orthrus in rapida crescita: in UK lotta con Kraken per il dominio
Perché l’Artico potrebbe presto scatenare una nuova pandemia
Perché l’Artico potrebbe presto scatenare una nuova pandemia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni