video suggerito
video suggerito
Cambiamenti climatici

Milioni di persone a rischio tsunami glaciale a causa dei cambiamenti climatici

Con il numero di laghi glaciali cresciuto rapidamente dal 1990 e il sensibile aumento della popolazione che vive in prossimità di questi bacini, si estende il pericolo di catastrofiche esondazioni.
A cura di Valeria Aiello
52 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Quindici milioni di persone in tutto il mondo sono a rischio di inondazioni anche se non vivono in prossimità delle coste. Con lo scioglimento dei ghiacciai che cresce a un ritmo allarmante a causa dei cambiamenti climatici, ad aumentare è anche il pericolo di tsunami glaciali che, in alcuni casi, possono riversarsi per più di 120 chilometri nell’entroterra. Questo tipo di inondazioni, che prende il nome di Glacial Lake Outburst Flood (GLOF)  – letteralmente inondazione da esplosione di un lago glaciale – , può infatti essere causata non solo dal cedimento di una diga contenente un lago glaciale, ma anche dall’esondazione di bacini lacustri costituiti da acqua di fusione dei ghiacciai. Processi simili su scala molto ampia si sono verificati durante la deglaciazione del Nord America e dell’Europa dopo l’ultima era glaciale e, secondo un team internazionale di scienziati guidato dall’Università di Newcastle, nel Regno Unito, ora minacciano le diverse aree del pianeta dove, per effetto del riscaldamento globale, il numero di laghi glaciali è cresciuto rapidamente dal 1990 e, allo stesso tempo, è sensibilmente aumentato anche il numero di persone che vivono in prossimità di questi bacini.

Lo studio, appena pubblicato sulla rivista Nature Communications, ha preso in esame 1.089 bacini lacustri glaciali in tutto il mondo e il numero di persone che vivono entro 50 chilometri da essi, nonché il livello di sviluppo in questee aree e altri indicatori sociali come fattori di vulnerabilità ad eventi di GLOF. Gli studiosi hanno quindi utilizzato queste informazioni per quantificare e classificare il potenziale danno da GLOF su scala globale e valutare la capacità delle comunità di rispondere efficacemente a questo tipo di inondazioni.

I risultati hanno evidenziato che 15 milioni di persone vivono entro 50 km da un lago glaciale e, in particolare, che le popolazioni dell’altopiano tibetano, dal Kirghizistan alla Cina, sono esposte a un più alto rischio di inondazioni glaciali, con 9,3 milioni di persone potenzialmente minacciate. Un terzo del totale, circa 5 milioni di persone, vivono in India e Pakistan

Questo lavoro – ha affermato la ricercatrice principale, Caroline Taylor, studentessa di dottorato presso l’Università di Newcastle – mostra che non sono le aree con il maggior numero o la crescita più rapida dei laghi a essere più pericolose. È invece il numero di persone, la loro vicinanza a un lago glaciale e, soprattutto, la loro capacità di far fronte a un’inondazione che determina il potenziale pericolo di un evento GLOF”.

La ricerca indica inoltre che Perù, insieme a India, Pakistan e Cina, rappresentano oltre la metà del numero di persone in tutto il mondo esposte al potenziale pericolo di esondazioni dei laghi glaciali. Il team ha sottolineato la relativa mancanza di ricerca sul pericolo costituito dai laghi glaciali nelle Ande, affermando che sono urgentemente necessari ulteriori studi per comprendere meglio il potenziale rischio di GLOF in quest’area a causa dell’elevato numero di persone che vivono nei pressi di laghi glaciali e la loro ridotta capacità di far fronte all’impatto delle inondazioni.

Capire quali aree sono maggiormente a rischio di inondazioni glaciali consentirà azioni di gestione del rischio più mirate ed efficaci – ha aggiunto la dott.ssa Rachel Carr, responsabile del Dipartimento di geografia fisica presso l’Università di Newcastle e coautrice dello studio – . Queste misure a loro volta contribuiranno a ridurre al minimo la perdita di vite umane e danni alle infrastrutture a valle a causa di questo grave pericolo naturale”.

52 CONDIVISIONI
551 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views