Covid 19
24 Novembre 2022
20:02

I vaccini Covid dimezzano il rischio di reinfezione e proteggono dalla malattia grave

Uno studio italiano condotto sui dati di oltre 18 milioni di persone ha dimostrato che i vaccini Covid abbattono il rischio di reinfezione e malattia grave in caso di nuovo contagio.
A cura di Andrea Centini
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Oltre ad aver evitato 20 milioni di morti in un solo anno, come evidenziato da un recente studio dell'Imperial College di Londra, i vaccini anti Covid dimezzano il rischio di reinfezione e quello di sviluppare la forma grave della malattia, qualora si dovesse contrarre nuovamente il coronavirus SARS-CoV-2. In parole molto semplici, i vaccini – dimostratisi sicuri ed efficaci in molteplici studi – sono un vero e proprio baluardo contro il patogeno pandemico, sia nel proteggere noi stessi che le persone che ci sono accanto. Per questo motivo ancora oggi, a tre anni esatti dall'emersione delle prime infezioni a Wuhan, in Cina, è fondamentale seguire le raccomandazioni di medici ed enti sanitari, sottoponendosi al numero di dosi previsto per la propria fascia di età / condizione fisica (a maggior ragione adesso con l'arrivo del freddo e l'aumento dei casi).

A determinare che i vaccini anti Covid dimezzano il rischio di reinfezione e di malattia grave in caso di nuovo contagio è stato un team di ricerca italiano guidato da scienziati dell'Università di Bologna, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Dipartimento di Scienze Ambientali e della Prevenzione dell'Università di Ferrara e del Dipartimento di Salute Pubblica e Malattie Infettive dell'Università “Sapienza” di Roma. I ricercatori, coordinati dal professor Lamberto Manzoli, direttore presso il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell'ateneo bolognese, sono giunti alle loro conclusioni dopo aver condotto una meta-analisi per mettere in relazione la vaccinazione anti Covid con il rischio di reinfezione e malattia grave. I ricercatori hanno coinvolto nell'indagine varie tipologie di studi (di coorte e caso – controllo) recuperati nei database dedicati, come MedLine e Scopus. In tutto nella meta-analisi sono stati coinvolti 18 studi condotti fino alla fine di luglio 2022, per un totale di oltre 18 milioni di partecipanti.

Incrociando tutti i dati è emerso che, rispetto alle persone non vaccinate, i vaccinati mostrano una “probabilità significativamente inferiore di reinfezione” (Odds Ratio – OR: 0,47; 95% CI: 0,42–0. 54), come indicato dagli scienziati nell'abstract dello studio. In termini più semplici, il vaccino anti Covid dimezza il rischio di reinfettarsi. Nello studio la protezione è rimasta tale nel corso di 12 mesi di follow-up, inoltre risultava indipendente dal numero di dosi alle quali ci si era sottoposti. L'efficacia persisteva anche contro la famigerata variante Omicron “super elusiva”, nota per la sua capacità di ‘bucare' i vaccini a causa della proteina S o Spike particolarmente mutata. Lo studio italiano ha rilevato anche che, in caso di reinfezione, un vaccinato rispetto a un non vaccinato presenta “una probabilità significativamente inferiore di sviluppare una malattia grave” (OR: 0,45; IC 95%: 0,38-0,54). Anche in questo caso dimezzata.

“I risultati che abbiamo ottenuto confermano che, tra i guariti, chi ha ricevuto due o tre dosi di vaccino ha un rischio di reinfezione tra il 50% e il 60% minore rispetto a chi non è vaccinato”, ha dichiarato il professor Manzoli all'Ansa, aggiungendo che i vaccini hanno ridotto sensibilmente anche il rischio di malattia grave in caso di nuovo contagio. “Si noti che i vaccini hanno ridotto un rischio fortunatamente già basso: in termini assoluti le reinfezioni possono sembrare preoccupanti, ma i casi di Covid19 grave o mortale tra i guariti sono meno di 1 su 1.000. I risultati possono aiutare a pianificare strategie di immunizzazione per le persone che hanno già contratto il coronavirus”, ha concluso Manzoli. I dettagli della ricerca “COVID-19 vaccines reduce the risk of SARS-CoV-2 reinfection and hospitalization: Meta-analysis” sono stati pubblicati sulla rivista scinetifica Frontiers in Medicine.

32116 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni