video suggerito
video suggerito

Enorme e misteriosa struttura circolare emersa in Grecia durante scavi per un aeroporto: ha 4000 anni

Durante la costruzione di un nuovo aeroporto sull’isola di Creta è stato scoperto un gigantesco edificio circolare di 1.800 metri quadrati. Ha un’età stimata di 4.000 anni. Al suo interno trovato un gran numero di ossa animali.
A cura di Andrea Centini
36 CONDIVISIONI
La misteriosa e gigantesca struttura circolare scoperta sull'isola di Creta. Credit: Ministero della Cultura della Grecia
La misteriosa e gigantesca struttura circolare scoperta sull'isola di Creta. Credit: Ministero della Cultura della Grecia

Una gigantesca struttura circolare di 4.000 anni è stata scoperta in Grecia nei pressi di Kasteli, un piccolo comune di 7.00 anime sull'isola di Creta. L'opera risalente al Minoico Medio (2.100 – 1.600 avanti Cristo) è emersa durante gli scavi per la realizzazione del Nuovo Aeroporto Internazionale di Heraklion Creta. Come avviene anche a in Italia e in particolar modo a Roma, la costruzione di nuove grandi infrastrutture in Grecia porta spesso alla luce siti archeologici di estremo valore, ma gli studiosi tutto potevano immaginare tranne che imbattersi in un monumento con queste caratteristiche.

In base alle analisi preliminari la misteriosa struttura circolare – la prima del suo genere scoperta a Creta – occupa una superficie di 1.800 metri quadrati e ha un diametro di una cinquantina di metri. Si trova in cima alla collina di Papoura a Nord Ovest di Kasteli, su terreni espropriati dove gli operai avrebbero dovuto installare le antenne radar del nuovo aeroporto. L'edificio minoico è composto da otto anelli concentrici in pietra, con uno spessore medio di 1,4 metri. L'altezza massima dei muri ancora rimasti in piedi è di 1,7 metri. Al centro si trova si trova un edificio di 15 metri di diametro.

Alla luce delle sue caratteristiche, gli archeologi ritengono che non fosse una struttura adibita a scopi residenziali, ma molto probabilmente veniva utilizzato per riti e cerimonie religiose. Il dettaglio è suffragato dalla scoperta di un gran numero di ossa animali rinvenute all'interno del sito archeologico. “Potrebbe essere stato utilizzato periodicamente forse per cerimonie rituali che comportavano il consumo di cibo, vino e forse offerte”, ha dichiarato la dottoressa Lina Mendoni, archeologa e ministra della Cultura in Grecia.

Non è chiaro se la struttura possa far parte dei cosiddetti santuari apicali diffusi a Creta e in altre parti della Grecia; ciò che è certo è che si tratta del primo edificio di questo genere scoperto sull'isola, la più grande e abitata della Grecia. “Le sue dimensioni, la struttura architettonica e la meticolosa costruzione richiesero notevole lavoro, esperienza specializzata e una forte amministrazione centrale, che ne organizzò la costruzione”, ha sottolineato con entusiasmo la ministra della cultura greca.

Credit: Ministero della Cultura della Grecia
Credit: Ministero della Cultura della Grecia

Il fatto che la struttura circolare sia stata scoperta durante gli scavi di un'opera così importante come un aeroporto internazionale non è motivo di preoccupazione per esperti e autorità; si è infatti già deciso di spostare la costruzione delle antenne radar di sorveglianza su un'altra collina circostante. “Si tratta di un ritrovamento unico e di grande interesse. Ci sono soluzioni affinché gli studi archeologici sul monumento siano completati e che venga completamente protetto”, ha rassicurato la ministra.

Da quando sono iniziati gli scavi per la costruzione del Nuovo Aeroporto Internazionale di Heraklion Creta sono stati ben 35 i nuovi siti archeologici, emersi non solo dai terreni destinati a piste e hub, ma anche da quelli della nuova rete stradale costruita per favorire i collegamenti con l'infrastruttura. Poiché si tratta di un'opera del Medio Minoico legato a Minosse, un periodo ricco di opere preziose (come il palazzo di Cnosso) e boom demografico, gli archeologici si aspettano che dai lavori sul misterioso edificio possano emergere anche tanti altri reperti.

36 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views