286 CONDIVISIONI
11 Agosto 2022
17:02

Chi è obeso viene spesso criticato per il peso anche da medici e infermieri

Lo ha scoperto una nuova ricerca condotta da un team dell’UCL, che sottolinea la necessità di educare il personale sanitario a mettere da parte lo stigma del peso.
A cura di Valeria Aiello
286 CONDIVISIONI

Anche medici e infermieri spesso criticano i propri pazienti perché obesi o in sovrappeso, incolpandoli della propria condizione, con ripercussioni sulla loro salute mentale e fisica. Lo ha scoperto un team di ricerca dell’University College di Londra (UCL) che ha condotto una ricerca appena pubblicata sulla rivista Obesity Reviews. Come ampiamente noto, le persone che convivono con i chili di troppo sono ampiamente influenzate dallo stigma del peso. Tuttavia, questa forma di discriminazione nel settore sanitario, rilevano gli studiosi, limita il loro accesso a visite e trattamenti. Il problema è anche recentemente finito su Nature al centro di una dichiarazione sottoscritta dalle principali associazioni e federazioni internazionali di ricerca sull’obesità e disturbi metabolici in cui sono state redatte una serie di raccomandazioni al fine di eliminare le errate percezioni della situazione.

L’analisi condotta dagli studiosi dell’UCL ha preso in esame 25 studi sullo stigma del peso che hanno coinvolto oltre 3.500 professionisti della salute nel mondo, mostrando “ampie prove” dei pregiudizi in ambito medico. “Purtroppo l’assistenza sanitaria, inclusa la medicina generale, è una delle situazioni più comuni in cui si verifica la stigmatizzazione del peso, e sappiamo che questo funge da barriera ai servizi e ai trattamenti che possono aiutare le persone a gestire la propria condizione – ha affermato la dott.ssa Anastasia Kalea (UCL Division of Medicine) e autrice principale della ricerca – . Un malinteso comune tra medici e altri operatori sanitari è che l'obesità sia causata da fattori che sono sotto il controllo della persona persona, concentrandosi sulla dieta e sull’esercizio senza riconoscere, ad esempio, i determinanti sociali e ambientali della condizione”.

Dall’indagine, ha precisato l’esperta, è emersa la necessità di “educare gli operatori sanitari e gli studenti di medicina sulla complessa gamma di fattori che regolano il peso corporeo, affrontando lo stigma del peso e sottolineandone esplicitamente la prevalenza, le origini e l’impatto”.

In tal senso, il team ha identificato alcuni approcci che sfidano i più comuni pregiudizi sulla condizione, che includono seminari sulle esperienze dei pazienti, con narrazioni di casi studio e storie che evocano empatia, la partecipazione a incontri clinici con pazienti che vivono con sovrappeso e obesità. Altri metodi, come presentazioni video e brevi lezioni, non si sono invece dimostrati ugualmente efficaci nel migliorare gli atteggiamenti a lungo termine.

Gli studiosi stanno inoltre invitando le scuole di medicina sia nel Regno Unito sia a livello globale a garantire un insegnamento inclusivo circa i problemi di peso, che sia efficace e integrato nella formazione dei medici in aggiunta allo sviluppo professionale continuo. “Lo stigma del peso deve essere affrontato all'inizio e continuamente durante l'educazione e la pratica sanitaria, insegnando i determinanti genetici e socioambientali del peso, discutendo le fonti, l'impatto e riconoscendo le implicazioni dello stigma sul trattamento – ha aggiunto la dott.ssa Kalea – . Dobbiamo passare da un approccio all’assistenza sanitaria esclusivamente incentrato sul peso a uno incentrato sulla salute e inclusivo del peso. Ed è altrettanto importante valutare gli effetti dello stigma del peso nella ricerca epidemiologica”.

286 CONDIVISIONI
Quasi un quarto degli adulti in Europa è considerato obeso
Quasi un quarto degli adulti in Europa è considerato obeso
Fare spesso brutti sogni può essere un segnale precoce di Parkinson
Fare spesso brutti sogni può essere un segnale precoce di Parkinson
“Troppo spesso i bambini ingeriscono le batterie a bottone”: l'allarme degli esperti
“Troppo spesso i bambini ingeriscono le batterie a bottone”: l'allarme degli esperti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni