“Non amiamo a parole ma con i fatti”, con queste parole, inviate in un messaggio fatto recapitare a tutte le parrocchie e le istituzioni cattoliche, Papa Francesco ha introdotto il tema centrale della prima Giornata Mondiale dei poveri, una celebrazione da lui voluta e che ricorre domenica prossima 19 novembre per mettere al centro tutti quelli considerati ultimi, "fratelli non destinatari di una buona pratica di volontariato da fare una volta a settimana ma con i quali incontrarsi per dare luogo ad una condivisione che diventi stile di vita”. Un invito che lo stesso Pontefice ha voluto mostrare con i fatti invitando per il pranzo domenicale in Vaticano ben 1500 poveri dopo una messa a loro dedicata in Piazza San Pietro che vedrà la partecipazione di ben 4mila persone tra veri e propri homeless, ma anche pensionati rimati soli e disoccupati in difficoltà, tutti accompagnati dal personale delle associazioni di volontariato provenienti dal Lazio ma anche da diverse diocesi del mondo.

Terminata la Messa infatti  1500 poveri saranno ospitati nell'Aula Paolo VI per prendere parte ad un pranzo festivo insieme a Papa Francesco, mentre gli altri saranno trasferiti presso mense, seminari e collegi cattolici di Roma per partecipare anche loro ad un pranzo festivo.  I poveri saranno serviti da 40 diaconi della diocesi di Roma e da circa 150 volontari provenienti dalle parrocchie di altre diocesi. "La comunità cristiana deve essere chiamata a tendere la propria mano ai poveri, ai deboli, agli uomini e alle donne cui viene calpestata la dignità" , ha spiegato Bergoglio che ha voluto e istituito questa festa al termine dell’Anno straordinario delle Misericordia per non dimenticare i fratelli che soffrono.

Per organizzare la giornata, il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione  a cui è stata delegata l'organizzazione, si è rivolto ad alcune associazioni di volontariato cattoliche  ma anche alle realtà vicine alle persone emarginate e alle parrocchie. Numerose infatti le iniziative in corso oltre ai pranzi domenicali. Tra queste anche un presidio sanitario solidale, attivo da lunedì 13 a domenica 19 novembre, dalle 9 alle 16, in piazza Pio XII dove saranno effettuate gratuitamente, per tutti coloro che lo richiederanno, analisi cliniche e visite specialistiche di cardiologia, di dermatologia, di infettivologia, di ginecologia e di andrologia.