Teoricamente siamo in primavera inoltrata, ma è ancora impossibile mettere da parte le giacche pesanti in questo insolito maggio 2019. Un mese di maggio freddo come quello che stiamo vivendo non arrivava da anni. Addirittura, secondo gli esperti meteo, il mese in corso è tra i più freddi e piovosi degli ultimi trenta anni, per alcune città non si verificano situazioni simili da circa mezzo secolo. Nelle ultime settimane protagonisti su gran parte della penisola sono stati infatti il gelo, i temporali, le grandinate e anche la neve che ha imbiancato diverse zone dello stivale. Il vortice freddo che sta interessando l'Italia ha avuto caratteristiche quasi invernali nel cuore di maggio, che appunto sarà ricordato come uno tra i più freddi degli ultimi decenni. E non sembra essere finita. Una nuova perturbazione “rovinerà” anche il weekend che sta per arrivare, con piogge, temporali e neve sulle Alpi. E non solo: gli esperti meteo per il momento invitano anche a prendere con cautela l’ipotesi di una eventuale ondata di caldo verso la fine mese.

Il 15 maggio la giornata più fredda da 50 anni – In questo freddo mese di maggio 2019 c’è anche stato un giorno per diversi aspetti eccezionale dal punto di vista climatico. Il 15 maggio, secondo le statistiche, è stato per diverse città il più freddo degli ultimi cinquanta anni, con la temperatura massima che a Roma non ha superato gli 11 gradi, un valore comune a dicembre. E non è stata soltanto la capitale a battere i denti per il freddo. Dagli archivi degli esperti è emerso che anche per Venezia e Pescara si è verificato lo stesso record. A Milano, invece, dove si registrava una massima di 15 gradi, c'era stato un 15 maggio più freddo soltanto nel 1984, con 13 gradi. Insomma, certamente il mese di maggio in corso entrerà nella storia a livello termico e chiuderà – ne sono certi gli esperti meteo – con temperature al di sotto della media.