71 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Zelensky dice che la controffensiva ucraina inizierà anche senza i caccia F-16: “Andremo avanti”

Zelensky ha invitato i partner occidentali a prendere una decisione per fornire all’Ucraina aerei da combattimento F-16, sottolineando che la mancanza di aerei moderni non influirà però sul lancio di una controffensiva. Prigozhin: “La controffensiva di Kiev inizierà entro il 15 maggio”.
A cura di Susanna Picone
71 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Zelensky ha ancora una volta invitato gli alleati occidentali a dare all'Ucraina i caccia F-16, al tempo stesso però ha sottolineato che la mancanza di velivoli moderni non influirà sull'inizio della controffensiva. Lo ha detto in un'intervista con i rappresentanti dei media finlandesi, svedesi, danesi e norvegesi, come riporta Ukrinform.

"Ad essere onesti, sarebbe molto utile (avere gli aerei da combattimento F-16). Siamo consapevoli che non ritarderemo più di tanto, quindi inizieremo la controffensiva anche prima di avere gli F-16 o altri aerei. Inizieremo e andremo avanti", le parole del presidente ucraino Zelensky. "È molto importante non dare il controllo del cielo alla Russia, quindi la coalizione aerea è molto importante. Ci deve essere la volontà dei leader degli Stati che hanno aerei moderni. Naturalmente, chiederemo ai vostri paesi l'aereo appropriato, e lo chiederemo con molta insistenza e, francamente, nel prossimo futuro ", ha detto ancora il leader di Kiev.

Secondo Zelensky, la fornitura di sistemi HIMARS, NASAMS e Iris-T all'Ucraina è stato un nuovo capitolo della guerra scatenata dalla Russia e questo è il momento dei caccia.

Secondo il capo della Wagner, Yevgeny Prigozhin, l'esercito ucraino è pronto per una controffensiva che sarà lanciata entro il 15 maggio."L'esercito ucraino è pronto per la controffensiva. È stato ostacolato dal maltempo e, forse, da alcuni problemi interni che ha dovuto risolvere", ha detto Prigozhin. "Forse ci daranno un po' di riposo il 9 maggio, ma l'offensiva inizierà al 100% prima del 15 maggio" così in un'intervista video con il giornalista Semyon Pegov citata dalla Tass.

Nelle scorse ore il presidente ucraino ha parlato anche di Mariupol, affermando che oltre il 90% della città è distrutto. Il presidente ha condiviso un video che confronta le immagini della città prima della guerra e le recenti fotografie satellitari, che mostrano la devastazione degli edifici.

"Mariupol. Quasi mezzo milione di persone una volta vivevano lì. E ora non sono rimaste quasi più case intatte. Lo stato terrorista ha fatto di tutto per uccidere questa città", ha scritto il leader ucraino.

Andriy Yusov, portavoce dell'intelligence del ministero della Difesa dell'Ucraina, ha commentato invece quanto accaduto a Sebastopoli. "Nella città di Sebastopoli, il 29 aprile, ha avuto luogo un'esplosione che è la punizione di Dio, in particolare per i civili uccisi a Uman, tra i quali ci sono cinque bambini. Questa punizione sarà di lunga durata", ha dichiarato parlando a Rbc Ukraine. "Si consiglia a tutti i residenti della Crimea temporaneamente occupata di non trovarsi vicino alle strutture militari nel prossimo futuro", ha aggiunto. L'esplosione, secondo il funzionario, ha distrutto più di 10 serbatoi di prodotti petroliferi destinati alla flotta russa nel Mar Nero.

71 CONDIVISIONI
4266 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views