Un vice sceriffo di 44 anni si trova ad affrontare gravi accuse per aver fatto sesso con un ragazzino di 16 anni. Shauna Bishop ha ammesso di aver avuto rapporti sessuali completi con il giovane, tra cui del sesso orale, ed è anche accusata di averlo molestato.  In California l'età del consenso è a 18 anni, così l'agente, che ha lavorato per l'ufficio dello sceriffo della contea di Sacramento negli ultimi cinque anni, dovrà essere sottoposta a un processo.

Non è chiaro come siano emerse le accuse contro Bishop. Dopo l'arresto iniziale, gli investigatori avrebbero trovato prove che le accuse fatte contro di lei erano vere. Stando alle ricostruzioni, la 44enne avrebbe conosciuto la sua presunta vittima mentre si occupava di “un lavoro esterno” e che l'abuso di cui è accusata non ha avuto luogo mentre Bishop era in servizio. La donna è attualmente in congedo amministrativo retribuito e dovrà presentarsi in tribunale la settimana prossima. Pare che i due abbiano avuto almeno tre rapporti sessuali completi, anche se non ci sarebbero altri minorenni coinvolti, come affermato dal dipartimento di polizia di Folsom.

I colleghi e lo sceriffo del distretto presso il quale lavorava l'agente hanno fatto sapere di essere a completa disposizione nell'ambito delle indagini. Gli stessi colleghi, nell'analizzare il suo telefono, hanno trovato delle prove che mostrano uno scambio intenso di messaggi e chiamate con il ragazzo L’agente è accusata di rapporti sessuali illegali con minori, molestie e tre accuse di copulazione orale con minorenne.