77 CONDIVISIONI

Tampona anziana e viene fermato, Strangio latitante da mesi: “Scampò a strage di ‘ndrangheta a Duisburg”

Dopo un banale tamponamento ai danni di un’anziana, Antonio Strangio è stato arrestato a Duisburg, in Germania. L’uomo, latitante da mesi, sfuggì per caso alla strage di ‘ndrangheta di Duisburg nel 2007.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Gabriella Mazzeo
77 CONDIVISIONI
Immagine

Scampò per un caso fortuito alla strage di Duisburg, in Germania, nel giorno di Ferragosto del 2007, quando 6 persone  furono uccise nell'ambito della faida di San Luca, una lotta tra fazioni della ‘ndrangheta iniziata il 10 febbraio del 1991 tra i clan dei Nirta-Strangio e la cosca dei Pelle-Vottari. A distanza di 16 anni è stato arrestato Antonio Strangio, 44enne latitante che lavorava come pizzaiolo in Germania. Nella strage di Duisburg morirono 6 persone che si trovavano nel ristorante "Da Bruno", dove l'uomo è rimasto fino al 2007.

Strangio è stato fermato 16 anni dopo la strage per un incidente stradale dalla dinamica decisamente banale. Il 44enne era irreperibile ormai da mesi dopo essere stato arrestato e sottoposto all'obbligo di presentazione alla caserma dei carabinieri di Locride. L'uomo si era infatti allontanato dal dicembre scorso. In attesa della Cassazione, dunque, ha fatto perdere le sue tracce e nel luglio scorso, dopo l'aggravamento della misura cautelare, era stato emesso un mandato di arresto europeo.

Tornato a Duisburg, aveva potuto nuovamente condurre una vita normale lavorando come corriere. La sua presenza era però stata segnalata alle autorità tedesche dai carabinieri di Reggio Calabria. L'uomo è stato quindi catturato dalla polizia dopo aver sbagliato una manovra e aver tamponato un'anziana a Baerl, un quartiere della città tedesca nei pressi del fiume Reno.

L'uomo scampò "solo per caso" alla tragedia e in Italia deve scontare una condanna a 5 anni di reclusione dopo essere stato arrestato dalla Polizia locale tedesca su mandato di arresto europeo. Strangio è accusato di traffico di stupefacenti. Secondo l'accusa. l'uomo sarebbe latitante dalla conclusione del processo "Pollino".

Il 44enne nel 2007 lavorava nel ristorante italiano di proprietà di Sebastiano Strangio, dove fu commessa la strage. Secondo gli inquirenti, i suoi legami di parentela lo avrebbero reso uno degli obiettivi degli assassini, ma si salvò perché aveva lasciato il ristorante prima di mezzanotte dopo aver concluso un turno di lavoro.

Nel corso delle indagini successive alla strage, nell'armadietto di Sebastiano Strangio, allora proprietario del locale e una delle sei vittime, fu trovato un fucile d'assalto di fabbricazione statunitense. Nell'armadietto di Antonio Strangio, invece, furono rinvenute 28 cartucce calibro 357 magnum.

Il nome di Strangio, inoltre, compare anche nell'informativa dell'inchiesta antimafia "Crimine", condotta dalla Dda di Reggio Calabria nel settembre del 2009. Il latitante, infatti, fu ripreso mentre, alla guida della sua auto, si recava a Polsi in occasione della festa della Madonna della montagna, giorno in cui le cosche più importanti di ‘ndrangheta tenevano tradizionalmente un "summit" nella località aspromontana.

77 CONDIVISIONI
"Sicuramente è stata influenzata", parla la nonna della 17enne fermata dopo la strage di Altavilla Milicia
"Sicuramente è stata influenzata", parla la nonna della 17enne fermata dopo la strage di Altavilla Milicia
L'Oms denuncia: "L'ospedale Nasser a Gaza non è più funzionante, pazienti vanno trasferiti"
L'Oms denuncia: "L'ospedale Nasser a Gaza non è più funzionante, pazienti vanno trasferiti"
Morto Alexey Navalny, la condanna della politica. Mattarella: "Suo coraggio sarà di richiamo per tutti"
Morto Alexey Navalny, la condanna della politica. Mattarella: "Suo coraggio sarà di richiamo per tutti"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni