275 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Strana puzza dal magazzino delle pompe funebri, sul retro i resti di 115 corpi: scena orribile in Usa

L’allarme è partito quando qualcuno ha segnalato che dalla struttura proveniva una puzza terribile. L’impresa di pompe funebri ha ammesso di avere avuto dei problemi ma non è chiaro perché avesse accantonato i corpi dei defunti di cui doveva occuparsi.
A cura di Antonio Palma
275 CONDIVISIONI
Immagine

Almeno 115 corpi in decomposizione sono stati scoperti dalla polizia statunitense immagazzinati nel retro di un'impresa di pompe funebri del Colorado, in Usa, alla quale i familiari dei defunti si erano rivolti per seppellire o cremare i resti dei propri cari. Secondo la polizia, i corpi non erano stati seppelliti in tempo ed erano ormai in putrefazione in attesa della procedura prevista.

L’allarme infatti è partito quando qualcuno ha segnalato che dalla struttura proveniva una puzza terribile. Quando gli investigatori dell'ufficio dello sceriffo della contea di Fremont sono arrivati sul posto, mercoledì scorso, hanno scoperto che in effetti vi erano 115 cadaveri custoditi impropriamente. “Una scena orribile” l’ha definita lo sceriffo che ha attivato anche l’Fbi.

Immagine

"Ci sono state molte domande e preoccupazioni da parte della comunità, in particolare da quelle famiglie che hanno affidato i loro cari a questa impresa di pompe funebri. La nostra priorità e il nostro focus è sulle famiglie", ha detto lo sceriffo, aggiungendo: "Siamo impegnati a trovare risposte per le famiglie il più rapidamente possibile”.

Ai familiari che hanno utilizzato l'impresa di pompe funebri è stato chiesto di contattare gli investigatori per riavere le salme dei loro cari ma non sarà semplice e serviranno gli esami del Dna, viste le condizioni dei cadaveri. “Si tratta di sarà un procedimento molto, molto, lungo che potrebbe durare diversi mesi” hanno spiegato le autorità locali.

Al momento non ci sono stati arresti me le indagini proseguono per capire se ci siano reati penali oltre a quelli amministrativi. L'impresa di pompe funebri dal suo canto ha ammesso di avere avuto dei problemi ma non è chiaro perché avesse accantonato i corpi dei defunti di cui doveva occuparsi. Ora sta collaborando alle indagini. Si tratta di una impresa che esegue "sepolture naturali", senza prodotti chimici e solo con bare biodegradabili o nella nuda terra avvolgendo i corpi nei sudari.

Il responsabile avrebbe detto agli inquirenti che stava eseguendo un'attività di tassidermia presso la struttura ma di avere avuto dei problemi ma, secondo l'accusa, avrebbe tentato di nascondere i corpi. Secondo la legge del Colorado, le sepolture cosiddette “verdi” o "naturali" sono legali, ma il codice statale richiede che qualsiasi corpo non sepolto entro 24 ore debba essere adeguatamente refrigerato. Secondo i documenti ufficiali, inoltre, da novembre era scaduta anche la registrazione della struttura.

275 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views