1.783 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
2 Ottobre 2022
08:42

“Putin cerca i colpevoli per Lyman, vi farà uccidere uno a uno”, il monito di Zelensky ai russi

“Lasciate Putin o vi farà uccidere uno a uno. I generali hanno già iniziato ad accusarsi a vicenda, cercano capri espiatori”, ha dichiarato Zelensky ai russi dopo la presa di Lyman.
A cura di Antonio Palma
1.783 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

“Finché non risolvete tutti il ​​problema con colui che ha iniziato tutto, colui che ha iniziato questa guerra insensata della Russia contro l'Ucraina, sarete uccisi uno per uno, facendo da capri espiatori”, perché il Cremlino “non ammetterà che questa guerra sia un errore storico per la Russia”, è il monito lanciato del Presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo ultimo discorso pubblico dopo la presa di Lyman.

“La bandiera ucraina è già a Lyman, nella regione di Donetsk. La lotta è ancora in corso ma non c'è traccia di alcun pseudo-referendum. Lì hanno già iniziato già ad additarsi a vicenda: cercano i colpevoli, accusando alcuni generali di fallimenti. Questo è il primo campanello di allarme che dovrebbe essere ascoltato a tutti i livelli dal governo russo” ha insistito Zelensky riferendosi alle presunte purghe di Putin dopo il ritiro delle truppe russe dall’est dell’Ucraina.

Del resto la presa della piccola cittadina strategica 24 ore dopo l’annuncio dell’annessione dei territori ucraini occupati è sicuramente uno smacco per Putin. Il disastro di Lyman inoltre arriva dopo una serie di drammatici arretramenti dei russi con le truppe ucraine che hanno quasi completamente liberato la regione nord-orientale di Kharkiv.

Intanto dopo la ritirata dei russi gli ucraini contano di avanzare ancora non solo nella regione di Donetsk, ma anche in quella di Luhansk. “La liberazione di Lyman è uno dei fattori chiave per l'ulteriore liberazione della regione di Luhansk ha dichiarato il governatore ucraino della regione.

In realtà secondo gli analisti di ISW, Putin sembra più preoccupa di Kherson e Zaporizhzhia che della regione di Lugansk. L’ultimo report dell'American Institute for the Study of War infatti indica che Putin ha spostato molte truppe dall’est per rafforzare le posizioni dell’esercito russo nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhia, nonostante il recente crollo del fronte Kharkiv-Izyum e persino il fatto che la difesa russa intorno a Lyman sia crollata. “La decisione di non fortificare le vulnerabili linee del fronte intorno a Kupyansk e Lyman è stata quasi certamente una decisione di Putin, non del comando militare” affermano gli esperti dell'ISW, aggiungendo: "Questo suggerisce che Putin si preoccupa molto di più di tenere i territori strategici delle regioni di Kherson e Zaporozhye che della regione di Luhansk”.

1.783 CONDIVISIONI
3147 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni