760 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
21 Settembre 2022
17:29

Proteste in Russia contro la mobilitazione, oltre 1.000 persone fermate: “In trincea mandateci Putin”

Proteste in tutta la Russia contro la mobilitazione militare parziale annunciata da Putin. In totale, fermate già oltre 1.000 persone.
A cura di Ida Artiaco
760 CONDIVISIONI
Alcuni degli arresti in Russia (OvdInfo)
Alcuni degli arresti in Russia (OvdInfo)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Sono partite in Russia le proteste contro la mobilitazione militare parziale annunciata questa mattina dal presidente Putin nel suo discorso alla Nazione.

Sono salite a oltre 1.100 le persone fermate dalla polizia durante manifestazioni svoltesi oggi in molte città russe. Lo riferisce Ovd-Info, una ong che registra le attività dell'opposizione e assiste legalmente i fermati.

I raduni, ai quali partecipano in media alcune decine di persone, sono cominciati, per motivi di fuso orario, in alcune città dell'Estremo oriente, e si sono estese alle regioni occidentali, compresa Mosca. Nella capitale sono segnalati finora due fermi.

La situazione è particolarmente tesa a Tomsk, in Siberia: come testimoniano foto e video condivisi sui social network, decine di persone, in particolare giovani, sono scesi in piazza esponendo cartelli e intonando cori, immediatamente fermati dalla polizia. Stesso scenario nella vicina Ulan-Ude e a Ekaterinburg. Anche il numero dei partecipanti sta crescendo minuto dopo minuto.

Intanto, cresce anche il numero di cittadini russi che stanno provando a lasciare il Paese.

Dopo che sono stati esauriti i biglietti aerei per le giornate di oggi e domani da Mosca verso la Georgia e la Turchia, una lunghissima coda di auto si è formata alla frontiera con la Finlandia, l'unico confine terrestre ancora aperto per i russi con i visti Schengen.

Lo segnala su Twitter il giornalista Sotiri Dimpinoudis, allegando un video delle auto in fila. Secondo il reporter la coda è lunga 35 chilometri e continua ad aumentare. La notizia arriva dopo l'annuncio della parziale mobilitazione dei riservisti fatta oggi dal presidente russo Vladimir Putin, che interessa circa 300mila cittadini.

760 CONDIVISIONI
3128 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni