7.803 CONDIVISIONI
2 Dicembre 2015
09:13

Papa Francesco apre all’uso del preservativo: “Un modo per bloccare l’Aids”

Bergoglio risponde a una domanda durante volo di ritorno dal suo viaggio in Africa, ma precisa: “Non è questo il vero problema, le grandi ferite dell’Africa sono fame, guerra e sfruttamento”.
A cura di Biagio Chiariello
7.803 CONDIVISIONI

Il preservativo serve ad arginare il diffondersi dell'Aids? È la domanda rivolta ad un giornalista sudafricano a Papa Francesco a bordo dell’aereo papale che da Bangui lo ha riportato a Roma, al termine del suo viaggio in Africa. “È una domanda troppo piccola e parziale – ha risposto Bergoglio – Il preservativo è uno dei metodi. La morale della Chiesa si trova davanti a una perplessità. Ma questo non è un problema”. Parole che non sembrano certo rivoluzionarie, rispetto alle posizioni classiche della chiesa sull’uso di contraccettivi. Ma che comunque appaiono come un’apertura. “Mi viene in mente la domanda che hanno posto a Gesù: ’È lecito guarire il sabato?’. È obbligatorio guarire”. E quindi chiarisce il suo pensiero. Per il Papa sarà giusto parlare di preservativi quando sarà fatta giustizia e “tutti saranno guariti” dalla fame nel mondo, dalla guerra, e da tutte le altre ferite della società.

Questa la domanda rivolta dal giornalista al Papa: "L'Aids colpisce fortemente in Africa, la cura aiuta più gente a vivere più a lungo, ma l'epidemia continua, soltanto in Uganda ci sono state 135 mila nuove infezioni di HIV, e in Kenya la situazione è anche peggiore", introduce il giornalista. "Lei ha incontrato i bambini sieropositivi, ha ascoltato delle testimonianze commoventi, ma ha detto ancora poco sulla questione dell'Aids", continua, "Sappiamo che la prevenzione è una chiave, sappiamo anche che i preservativi non sono l'unico modo per fermare l'epidemia, ma è una parte importante per la risposta. Non è forse il tempo di cambiare la posizione della Chiesa? E permettere l'uso dei preservativi?".

E la risposta di Papa Francesco: "La domanda mi sembra troppo piccola, mi sembra anche una domanda parziale, si è uno dei metodi", risponde il Papa e poi argomenta. "La morale della Chiesa si trova in questo punto davanti a una perplessità: il quinto o il sesto comandamento? Difendere la vita o il rapporto sessuale aperto alla vita? Ma questo non è Il problema più grande. Mi fa pensare alla domanda che rivolsero a Gesù: è lecito guarire il sabato? Non parliamo se si può usare questo o quel cerotto per una piccola ferita. La grande ferita è l’ingiustizia sociale, lo sfruttamento dell’ambiente, la malnutrizione, il lavoro schiavo, la mancanza d’acqua potabile, il traffico d’anni.. A me non piace scendere a riflessioni così casistiche. Le guerre sono il motivo di mortalità più grande. Non pensare se è lecito o no guarire il sabato. Io dirò all’umanità: fare giustizia. E quando tutti siano guariti, quando non ci sia ingiustizia, possiamo parlare del sabato".

7.803 CONDIVISIONI
Papa Francesco chiede perdono per gli abusi sui bimbi indigeni americani nelle scuole cattoliche
Papa Francesco chiede perdono per gli abusi sui bimbi indigeni americani nelle scuole cattoliche
Papa Francesco torna a parlare di dimissioni:
Papa Francesco torna a parlare di dimissioni: "Non è una catastrofe, farò quel che dice il Signore"
Chi sono le tre donne nominate da Papa Francesco al dicastero per i vescovi: prima volta nella storia
Chi sono le tre donne nominate da Papa Francesco al dicastero per i vescovi: prima volta nella storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni