15.342 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
9 Marzo 2022
15:59

Ucraina, ospedale pediatrico distrutto dalle bombe a Mariupol: “Ci sono morti e feriti, molte donne”

Colpito a Mariupol un ospedale pediatrico. Secondo testimoni oculari, l’edificio è stato distrutto e molte donne sono rimaste ferite e uccise.
A cura di Susanna Picone
15.342 CONDIVISIONI
L’ospedale bombardato a Mariupol
L’ospedale bombardato a Mariupol
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La città di Mariupol è "sotto il continuo attacco dei bombardamenti russi". A lanciare l’allarme è il vicesindaco Sergiy Orlov, secondo quanto riporta il Guardian. È stato colpito dalle truppe russe, riportano i media ucraini, anche un ospedale con reparti maternità e pediatrici. Secondo testimoni oculari, l'edificio è stato distrutto e molte donne sono rimaste ferite e uccise. "La distruzione è colossale – spiega il consiglio comunale di Mariupol – stiamo verificando le informazioni relative a eventuali vittime fra i bambini". I russi avrebbero bombardato "di proposito" l'ospedale pediatrico di Mariupol secondo la denuncia delle autorità locali citate dal Ukrinform. “Al momento, le truppe di occupazione russe hanno sganciato diverse bombe su un ospedale pediatrico. La distruzione è colossale. L'edificio dell'istituto sanitari, dove erano in cura dei bambini di recente, è completamente distrutto", riferisce ancora il consiglio comunale. Per ora le autorità locali parlano di almeno 17 adulti feriti.

Lo stesso presidente ucraino Zelensky ha commentato, tramite Twitter, quanto accaduto all'ospedale di Mariupol: "Persone, bambini, sono sotto le macerie. Questa è atrocità! Per quanto ancora il mondo sarà complice nell'ignorare il terrore? Chiudete subito il cielo, fermate subito gli omicidi! Avete il potere. Qui si sta perdendo l'umanità", scrive postando un video della devastazione dell'ospedale.

Si parla anche di fosse comuni a Mariupol. Le autorità locali fanno riferimento ad almeno 1170 persone uccise, di cui 47 sepolte oggi in una fossa comune. E una città dove non c'è più acqua, riscaldamento, elettricità, gas, con i residenti che bevono neve e bruciano legna: Tutto ciò "è medievale", ha detto ancora il vicesindaco. Una fossa profonda circa 25 metri sarebbe stata scavata in uno degli antichi cimiteri, nel cuore della città. Decine e decine di corpi sono stati portati negli ultimi due giorni. Sono morti civili sotto le bombe e anche soldati.

Del dramma che si sta vivendo a Mariupol ha parlato anche il ministro degli Esteri ucraino Kuleba: "La Russia – ha scritto su Twitter – continua a tenere in ostaggio oltre 400.000 persone a Mariupol, blocca gli aiuti umanitari e l'evacuazione. Continuano i bombardamenti indiscriminati. Quasi 3.000 neonati mancano di medicine e cibo. Invito il mondo ad agire! Costringa la Russia a fermare la sua barbara guerra contro civili e bambini!".

15.342 CONDIVISIONI
2698 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni