311 CONDIVISIONI
3 Maggio 2018
13:03

Orrore in Austria, fa a pezzi una donna e la mette nel freezer per mangiarsela

Il 63enne ha fatto a pezzi la donna, ha gettato alcune parti nel lago e ha tenuto il resto del corpo in casa per mangiarselo.
A cura di Antonio Palma
311 CONDIVISIONI

Macabra scoperta degna di un film horror a Vienna, in Austria, dove la polizia nelle scorse ore ha rinvenuto in casa di un uomo di 63 anni, stipati nel freezer come cibo, i resti smembrati di una donna scomparsa nel marzo scorso e sulla quale gli agenti indagavano dopo il ritrovamento, a metà aprile, di altre parti del suo corpo in un lago a sud-est della capitale austriaca.  L'uomo, che avrebbe confessato ma la cui identità non è stata resa nota dalle autorità locali, avrebbe ucciso la vittima e poi l'avrebbe fatta a pezzi, infine avrebbe gettato alcune parti nel lago conservandone altre nel freezer di casa per mangiarseli successivamente. Il procuratore di Vienna Verena Strnad ha detto ai giornalisti che il sospetto ha ammesso alle autorità che ha ucciso la donna non identificata nel suo appartamento durante un litigio alla fine di marzo.

La vicenda era emersa ad aprile quando un pescatore aveva scoperto il busto della donna che galleggiava nelle acque Lago di Neusiedl, al confine fra l'Austria e l'Ungheria. Gli inquirenti avevano fatto partire le ricerche in zona che in poco tempo si sono concentrate sul 63enne che lungo le coste del lago ha una cabina e una piccola barca. Nei pressi della struttura e dell'ormeggio infatti i cani molecolari avevano fiutato qualcosa e le successive analisi sui reperti trovati in zona hanno identificato lo stesso Dna dei resti della donna gettati nel fiume.

Da lì a casa dell'uomo il passo è stato breve ma nemmeno gli inquirenti si aspettavano di ritrovare altri resti conservati con cura in freezer per essere mangiati. Secondo quanto riportano i giornali locali, la vittima non è stata ancora identificata ma si ritiene possa esser una giovane di età compresa tra i 20 e i 30 anni, molto magra e tra i 155 e i 165 centimetri di altezza. L'ufficio statale austriaco per le indagini criminali sta conducendo una ricerca internazionale per stabilire la sua identità. Gli investigatori infatti credono possa essere una ragazza straniera che ha incontrato il suo sospetto assassino vicino alla stazione ferroviaria Wien Westbahnhof di Vienna.

311 CONDIVISIONI
Boldrini a Fanpage.it: "Contro discriminazioni di genere non bastano le leggi, problema è culturale"
Boldrini a Fanpage.it: "Contro discriminazioni di genere non bastano le leggi, problema è culturale"
Il governo inglese "ha sbagliato tutto" nella gestione della pandemia da Covid
Il governo inglese "ha sbagliato tutto" nella gestione della pandemia da Covid
Decathlon non vende più canoe a Calais: i migranti le usavano per attraversare la Manica
Decathlon non vende più canoe a Calais: i migranti le usavano per attraversare la Manica
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni