Chiunque vorrà potrà chiedere alla propria scuola di ripetere l'anno scolastico. Accade a Berlino, in Germania, dove l'amministrazione comunale ha deciso di permettere agli alunni di età compresa tra i 6 e i 16 anni di ripetere l'anno in corso: questo perché gli studenti hanno smesso di andare a scuola lo scorso dicembre e stando a quanto annunciato dalla cancelliera Angela Merkel le lezioni proseguiranno a distanza anche per i prossimi mesi.

La decisione verrà presa dagli alunni insieme con i genitori e gli insegnanti

Le uniche a essere tornate a fare didattica in presenza sono le scuole primarie ritornate in classe lo scorso 22 febbraio, anche in modo parziale e con orario ridotto. L'amministrazione di Berlino ha però compreso anche loro, gli studenti delle primarie, tra coloro i quali potranno fare richiesta per ripetere l'anno: in tal caso, in quanto minori, la richiesta è affidata ai genitori che dovranno fare domanda ai rispettivi dirigenti scolastici e dovranno avere un incontro con un rappresentante della scuola, per stabilire qual è la decisione migliore nell’interesse interesse dell’alunno e dell’alunna.

La protesta dei presidi: Così si rischia il sovraffolamento nelle aule

Sono stati però proprio i diversi capi d'istituto i primi a criticare la decisione dell'amministrazione sottolineando il caos organizzativo che potrebbe comportare nella pratica: sovraffollamento delle aule e carenza di personale oltre a una vera crisi della gestione degli spazi. Ciò nonostante stando a quanto riportato dalla stampa tedesca alcuni degli altri 15 stati tedeschi stanno prendendo in considerazione un’azione simile.