5.599 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
2 Marzo 2022
08:50

Mosca: arrestati 5 bambini che sono andati all’ambasciata ucraina con i manifesti “No alla guerra”

Cinque bambini, tutti di età compresa tra i 7 e gli 11 anni, sono stati condotti in una stazione di polizia di Mosca per aver portato fiori all’ambasciata ucraina e mostrato dei cartelli contro la guerra.
A cura di Davide Falcioni
5.599 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Sofia Gladkova, 7 anni; Lisa Gladkova, 11 anni; Gosha Petrov, 11 anni; Matviy Petrov, 9 anni; David Petrov; 7 anni. Sono i nomi di cinque bambini russi fermati dalla polizia nella giornata di ieri a Mosca mentre, insieme alle mamme, deponevano dei mazzi di fiori davanti all'Ambasciata Ucraina mostrando cartelli contro la guerra. I piccoli, come conferma l'agenzia Novaya Gazeta, sono stati obbligati a salire su un furgone delle forze dell'ordine e poi accompagnati per l'identificazione nella stazione di polizia di Presnenske, per essere rilasciati solo dopo alcune ore. Alle mamme sono stati confiscati i telefoni cellulari.

Le fotografie dei bambini in una stazione di polizia sono state condivise su Twitter e Facebook da Ilya Yashin, membro dell'opposizione russa a Vladimir Putin; le immagini mostrano i piccoli dapprima seduti in un van della polizia poi in un ufficio. La loro colpa, insieme alle mamme, sarebbe quella di aver deposto dei fiori davanti all'ambasciata ucraina, mostrando in questo modo solidarietà verso il "nemico". Non solo: i bimbi tenevano in mano cartelli con scritto "Stop alla guerra" e "Russia + Ucraina = amore", messaggi evidentemente non graditi al regime di Putin. "Nulla di strano in queste foto", ha scritto in un post Ilya Yashin. "Sono solo bambini fermati per un poster contro la guerra. Questa è la Russia di Putin, ragazzi. Sono sicuro che la propaganda del Cremlino ora scatenerà una guerra: ‘Non coinvolgere i bambini in politica! La colpa è loro! A cosa pensavano i genitori?' Non so come questi ragazzi siano finiti alla manifestazione. Forse sono venuti da soli, magari con i genitori. Ma in effetti, a molte generazioni nel nostro paese è stato insegnato a scuola che non c'è niente di peggiore della guerra, e il valore più importante è la pace. Ricordo benissimo come nella mia scuola nativa Tushin N172 disegnavamo cartelli contro la guerra per poi appenderli Che dei bambini siano contro la guerra è dannatamente normale".

5.599 CONDIVISIONI
3155 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni