2.096 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
3 Aprile 2022
16:37

Missione compiuta: consegnati a Kiev cibo e farmaci ad Andrea Cisternino e ai suoi animali

Consegnati a Kiev gli aiuti ad Andrea Cisternino e agli animali che accoglie nel suo rifugio:. Arrivati ieri pet food, farmaci, trasportini, accessori per animali ma anche acqua potabile, cibo in scatola, pasta, riso e articoli per la persona.
A cura di Davide Falcioni
2.096 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Nell'inferno della guerra in Ucraina trova spazio anche una storia a lieto fine: il rifugio Kj2 Italia di Andrea Cisternino a Kiev ha infatti ricevuto gli aiuti che attendeva da giorni. "È finito un incubo per gli animali e per le persone. Siamo felici per l’esito di una missione lunga, difficile e rischiosa che ha richiesto impegno, passione e lucidità", ha commentato la presidente nazionale dell’Enpa Carla Rocchi riferendo l’esito di una iniziativa istituzionale del Ministero degli Esteri e dell’Enpa. Andrea, cittadino italiano, aveva fondato a Kiev un rifugio per 400 animali; dopo lo scoppio della guerra ha deciso di non abbandonare cani, gatti ma anche animali da fattoria e cavalli. Il conflitto però ben presto è divampato anche alle porte di Kiev e  l’area attorno al rifugio è stata occupata dall’esercito russo. Da quel momento è stato impossibile rifornirsi di cibo e acqua per animali e persone. Mentre le scorte stavano per terminare, Andrea ha lanciato un appello che Enpa ha immediatamente accolto. “Ci siamo attivati immediatamente per rispondere alla disperata richiesta di aiuto – aggiunge Rocchi – e in due giorni abbiamo organizzato la missione per l’invio di ben dodici tonnellate di beni per animali e per le persone: pet food, farmaci, trasportini, accessori per animali ma anche acqua potabile, cibo in scatola, pasta, riso e articoli per la persona”.

Missione compiuta ieri anche grazie all’Unità di Crisi della Farnesina che ha fornito un aiuto fondamentale. Preziosissimo anche l’apporto del Comitato UnitiPerLoro e della Sioi. Partita dall’hub Enpa di Verona il 23 marzo scorso, la missione ha avuto il primo step a Olkusz, in Polonia, e da lì a Leopoli e infine alla periferia di Kiev. Ma per giorni non è stato possibile completare l”ultimo miglio’, cioè i pochi chilometri tra l’hub di SaveUkraine (ong nostra partner in loco) e il rifugio di Andrea Cisternino. Il territorio intorno era infatti controllato dai russi e non era permesso entrare o uscire. "Anche in quei giorni – spiega l'Enpa – è stato importante il lavoro del nostro Ministero degli Esteri, che ha tentato di trattare l’apertura di un corridoio ad hoc nell’impossibilità di far arrivare aiuti tramite – ad esempio – la Croce Rossa ucraina. E in attesa di un corridoio, l’esercito ucraino ha riconquistano 16 municipalità tra cui quella in cui si trova il rifugio. Il giorno prima eravamo riusciti a far passare tre piccole scatole di farmaci richieste da Cisternino”. “Desidero – conclude Rocchi – ringraziare l’Unità di Crisi del nostro Ministero degli Esteri e in particolare il suo Capo Nicola Minasi, le Ambasciate d’Italia in Ucraina e in Russia, la Sioi e il suo presidente Frattini, il Comitato Uniti PerLoro e in particolare i due portavoce Anna Raimondi e Riccardo Laganà e infine la ong SaveUkraine.city che ha con efficacia garantito la logistica e le relazioni in zona di guerra. Desidero ringraziare Andrea per il sacrificio e per la sua grande testimonianza di amore per gli animali che non poteva lasciare Enpa indifferente”.

2.096 CONDIVISIONI
2542 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni