Il Covid-19 ha fatto un'altra giovane vittima negli Stati Uniti. Victoria Gallardo, di Cypress, in Texas, è morta il 16 marzo scorso a 33 anni, sei settimane dopo essere risultata positiva al virus insieme al marito Armando e ai suoi cinque figli, Amanda, 9 anni, Liliana, 7, Catalina, 6, Christian, 3, e la piccola Gianna, di sole 7 settimane di vita. Una vera e propria tragedia che è stata raccontata dai media americani e non solo.

Secondo quanto riferito dalla famiglia, che ha anche lanciato una raccolta fondi sulla piattaforma GoFundMe, era il 2 febbraio scorso Victoria è risultata positiva al Covid solo undici giorni dopo la nascita del suo ultimo figlio, che ora ha 6 settimane. Il marito Armando ha detto alla ABC che l'intera famiglia aveva preso sul serio il virus, indossando sempre mascherine e rispettando le norme di sicurezza anti contagio. Ma la figlia di nove anni della coppia, Amanda, si è poi "ammalata a scuola". Tutti e sette sono stati contagiati ma la malattia nella donna è rapidamente progredita in polmonite, facendola finire nel reparto di terapia intensiva, finché si è verificato il decesso.

"Aveva la febbre molto alta, non voleva mangiare e dormiva molto", ha raccontato ancora Armando, il quale ha aggiunto che non avrebbe mai pensato ad un epilogo simile, anche perché a quanto pare Victoria non aveva problemi pregressi di salute. Per questo, Armando ha voluto lanciare un appello affinché non venga sottovalutato il Covid-19, che può avere effetti devastanti su chi è giovane e sano. "La gente pensa che sia uno scherzo fino a quando non la colpisce a casa e quando si vede la persona amata attaccata ad un ventilatore, letteralmente senza vita. È una cosa ti spezza il cuore", ha detto il padre.