848 CONDIVISIONI
8 Agosto 2011
22:30

Londra in fiamme: oltre 200 arresti, ancora proteste e saccheggi. Scotland Yard denuncia gang criminali

La capitale britannica sotto assedio da parte di gang criminali di rivoltosi. Polizia schierata in assetto anti-sommossa a ogni angolo di strada. In fiamme decine di edifici, automobili e bus. I saccheggi vanno avanti da tre giorni, dopo l’uccisione di Mark Duggan da parte degli agenti di Scotland Yard.
A cura di Alessio Viscardi
848 CONDIVISIONI

Bruciano tutti i quartieri della periferia di Londa. Gruppi organizzati di criminali hanno preso d'assalto decine di negozi e hanno dato alle fiamme automobili, appartamenti e addirittura uno stadio. Comincia così la terza notte di proteste scatenate dall'uccisione di un pregiudicato di colore – Mark Duggan – durante un inseguimento.

Rivolta a Londra

Abitanti delle periferie mettono a ferro e fuoco la city

Da sabato notte vanno avanti scontri tra manifestanti, criminali e forze di polizia. Scotland Yard non riesce a contenere la protesta che si è estesa a macchia d'olio a gran parte della città. Migliaia di unità in tenuta anti-sommossa sono schierate a protezione del cuore della città, ma nelle periferie è il caos. I disordini sono arrivati anche nella città di Birmingham.

Oltre 200 gli arresti, ma i numeri sono sottostimati. Gli scontri e le cariche della polizia si susseguono senza sosta in ogni strada che porta al centro di Londra. Tutte le autorità cittadine e istituzionali hanno interrotto le vacanze per cercare di porre rimedio allo stato d'assedio.

La rabbia e la povertà delle periferia sta marciando alla conquista della City. Sono gruppi di giovani di colore, armati di bastoni e cellulari. Si organizzano su Facebook e Twitter e assaltano negozi per saccheggiarli. Gruppi molto organizzati, che si muovono con furgoni e attrezzi per lo scasso. È stato arrestato addirittura un ragazzino di 11 anni. Tra i molti arrestati ci sono, infatti, molti teen-agers minori di diciotto anni.

Quatto i quartieri epicentro della protesta: Lambeth, Haringey, Enfield e Waltham Forest. Un summit d'urgenza è stato convocato al ministero degli Interni britannico. Sotto accusa l'incapacità di Scotland Yard di contenere i disordini. Guerriglia urbana che si combatte strada per strada, a farne le spese negozi e alcuni edifici dati alle fiamme. Critiche anche per l'uccisione di Mark Duggan, la pallottola che l'uomo di colore avrebbe esploso contro gli agenti si è rivelata appartenere alle armi di Scotland Yard.

848 CONDIVISIONI
'Ndrangheta, le intercettazioni: "In Svizzera stanno bene, in Italia ci hanno rovinati"
'Ndrangheta, le intercettazioni: "In Svizzera stanno bene, in Italia ci hanno rovinati"
Cannabis terapeutica: il calvario di Cristian, malato, lasciato senza cure e pure arrestato
Cannabis terapeutica: il calvario di Cristian, malato, lasciato senza cure e pure arrestato
Il governo inglese "ha sbagliato tutto" nella gestione della pandemia da Covid
Il governo inglese "ha sbagliato tutto" nella gestione della pandemia da Covid
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni