1.551 CONDIVISIONI
Covid 19
22 Gennaio 2021
18:21

“La variante inglese è più mortale del ceppo originario”: l’annuncio di Boris Johnson

Il premier britannico Boris Johnson ha comunicato nel corso di una conferenza stampa a Downing Street che la nuova variante inglese del Covid-19 “non è solo più contagiosa del ceppo originario, ma stando agli ultimi dati e segnali elaborati dagli esperti potrebbe essere anche più mortale, fino a +30%”.
A cura di Ida Artiaco
1.551 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Non sono buone le notizie che arrivano dal Regno Unito sulla cosiddetta variante inglese del Covid-19. Il premier Boris Johnson ha appena comunicato nel corso di una conferenza stampa a Downing Street che "la mutazione che è stata scoperta nella zona di Londra e del Kent prima di Natale non è solo più contagiosa del ceppo originario, ma stando agli ultimi dati e segnali elaborati dagli esperti del New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group potrebbe essere anche più mortale, fino al 30% in più", citando un'indicazione corretta da parte degli scienziati a questo proposito, sulla base di alcune prime evidenze. Tuttavia, si tratta di prove analizzate ancora in fase preliminare e per le quali serviranno analisi più approfondite. Il primo ministro ha poi aggiunto che se il sistema sanitario nazionale è sotto pressione è probabilmente dovuto proprio alla trasmissione incontrollata della variante.

Della cosiddetta variante inglese il governo aveva avvertito i cittadini poco prima di Natale, decidendo di mettere in atto ulteriori misure restrittive nella zona di Londra e del Kent, maggiormente colpite dalla mutazione, che però ben presto è stata registrata anche altrove nel Regno Unito e in altri 50 Paesi in tutto il mondo. Da allora, nonostante le restrizioni, il numero dei contagi è andato fuori controllo, così come quello dei decessi, che nei giorni scorsi ha superato la cifra record di 1800 morti in 24 ore, mai così tanti dall'inizio dell'emergenza sanitaria. Ma a preoccupare gli esperti, più che la variante inglese, sarebbero quella sudafricana e brasiliana, che nel frattempo sono state scoperte.

Secondo Sir Patrick Vallance, capo consulente scientifico del governo britannico, il vaccino Covid ha il 50% di probabilità in meno di funzionare su una nuova variante del virus sudafricana e brasiliana, ha annunciato partecipando alla conferenza stampa con il premier Johnson, perché "meno suscettibili ai vaccini che sono stati fin qui sviluppati". Sulla maggiore letalità della variante inglese ha aggiunto: "Voglio sottolineare che c'è molta incertezza sui numeri e abbiamo bisogno di più lavoro per ottenere dati precisi, ma ovviamente c'è il timore che questo abbia causato un aumento della mortalità e un aumento della trasmissibilità del contagio".

1.551 CONDIVISIONI
28220 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni