5.884 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
6 Marzo 2022
09:59

La rivelazione: “Trump minacciò di bombardare Mosca se la Russia avesse invaso l’Ucraina”

A raccontarlo è Rita Panahi, editorialista di destra australiana, ma di origine americana, citando una confessione di Trump al telefono con il golfista Daly.
A cura di Giacomo Andreoli
5.884 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Sembra incredibile, ma quando Donald Trump era presidente degli Stati Uniti d'America avrebbe minacciato di colpire Mosca in caso di invasione in Ucraina. Il Tycoon era ed è ancora solito lanciarsi in affermazioni quantomeno ardite, ma oggi quel dettaglio, mentre è in corso un conflitto sanguinoso a Kiev e dintorni, suona particolarmente forte.

A raccontarlo è stata tra gli altri Rita Panahi, editorialista di destra australiana, ma di origine americana, parlando anche di una telefonata tra Trump e il famoso golfista americano John Daly, che sarebbe avvenuta lo scorso giovedì 3 marzo. Telefonata che, tra l'altro, è stata immortalata da un video di un frequentatore del Newport Beach Country, il club californiano dove si trovava Daly e in cui era in corso il torneo Hoag Classic.

Durante questa chiacchierata l'ex presidente americano si sarebbe riferito a Putin come "un amico", spiegando di essere "andato molto d'accordo con lui". Quindi avrebbe raccontato della minaccia al premier russo. "Se lo fai (invadere l'Ucraina n.d.r.)- avrebbe detto Trump- colpiremo Mosca". Ma non solo: il Tycoon avrebbe parlato di armi nucleari, confidando a Daly che ora è come se tutti i Paesi occidentali avessero paura di Putin, proprio perché "è una potenza nucleare". Non è chiaro il momento in cui l'ex presidente americano avrebbe minacciato il premier russo, ma di certo il rapporto tra i due è stato sempre molto diretto e anche dai toni accesi.

Il Tycoon a fine febbraio aveva assicurato in una convention dei conservatori a Orlando, in Florida, che con lui alla Casa Bianca "Putin non avrebbe mai invaso l'Ucraina", aggiungendo che gli Stati Uniti sono diventati un "paese stupido, guidato da leader stupidi". Chissà se intendeva dire che l'attuale presidente Joe Biden avrebbe dovuto minacciare Putin di un attacco diretto. Quello che avrebbe fatto lui, almeno stando a quella telefonata. Di certo Trump, anche con queste dichiarazioni, sta spianando la strada a una sua ricandidatura alle elezioni del 2024.

5.884 CONDIVISIONI
2689 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni