Avrebbe massacrato di botte la fidanzata, per poi lasciarla esanime all’interno di un minivan a cui ha poi dato fuoco. La polizia intervenuta sul posto, ha trovato il mezzo in fiamme e il corpo ormai carbonizzato di  Kristen Kelley 34 anni, di Sarasota, in Florida. Ad ucciderla sarebbe stato Michael Clark, suo coetaneo e compagno. Ora deve rispondere di omicidio.

L'inchiesta è iniziata il 15 ottobre quando gli agenti della Contea di Sarasota sono stati chiamati per un intervento lungo l’Highway I-75 per un minivan in fiamme. All’interno hanno trovato il cadavere della ragazza. I vigili del fuoco hanno immediatamente stabilito che il mezzo era stato incendiato intenzionalmente, dopo aver trovato una tanica di benzina e un accendino all’interno dello stesso veicolo. Ulteriori indagini hanno determinato che si trattava di un omicidio. L'indagine ha rivelato che Clark aveva guidato il suo minivan per incontrare la vittima sul lavoro il 14 ottobre scorso. Un testimone ha visto la coppia che discuteva animatamente. L’uomo avrebbe preso la ragazza per la testa, costringendola a camminare verso il suo minivan. L’auto non avrebbe mai lasciato il parcheggio.

Clark avrebbe quindi picchiato la Kelley fino a renderla incosciente, quindi l’avrebbe posizionata nel retro del mezzo, a cui poi ha dato fuoco con l’intento di distruggere le prove dei suoi crimini. L’uomo sarebbe stato fermato: nei suoi pantaloni gli agenti hanno trovato anche una piccola quantità di cocaina. Ora il 34enne si trova nel carcere Orient Road Jail di Tampa. Clark era fidanzato con Kristen Kelley da diversi anni, i due avevano tre figli.