Nonostante il suo ruolo di insegnante di scuola media a contatto quotidiano con ragazzini, non avrebbe esitato a inviare sue foto di nudo a una adolescente di 15 anni suo ex allievo avviando con lui un fitto scambio di messaggi piccanti. Per questo una giovane docente statunitense, Ramsey Bearse, è stata condannata al Tribunale a due anni di carcere e a dieci anni di libertà vigilata con l’ulteriore obbligo, una volta scontata la sentenza, a registrarsi come molestatore sessuale. La donna, che da studentessa era stata proclamata anche reginetta di bellezza e poi proclamata Miss Kentucky, secondo l’accusa avrebbe inviato sue foto in topless al minorenne suo ex studente.

Per lei il Tribunale ha stabilito la massima pena possibile per questo tipo di reato perché, come spiegato dal giudice ha violato la fiducia che in lei avevano tutti come insegnante di scuola media a Cross Lanes, in West Virginia. Bearse infatti lavorava come insegnante alla Jackson Middle School quando, secondo la polizia, ha inviato almeno quattro foto in topless a un ragazzo adolescente. A denunciare l’accaduto erano stati gli stessi genitori del ragazzino dopo aver scoperto le foto piccanti sul telefono del figlio.

Le successive indagini della polizia hanno confermato che a inviarle era stata proprio l’insegnante. Durante le perquisizioni inoltre alla donna sono state trovate anche foto che ritraevano minori in atti sessuali. Per questo nel dicembre scorso Bearse si è dichiarata colpevole di possesso di materiale raffigurante minori in comportamenti sessualmente espliciti. La donna inizialmente aveva riferito che intendeva inviare le foto a suo marito e dopo il primo sbaglio ha continuato per paura che il ragazzo potesse rivelare tutto , ma poi ha ammesso di averlo fatto volontariamente.