Il Senato del Minnesota ha votato a favore della legge che legalizza i matrimoni omosessuali, passata già una settimana fa alla Camera. Subito dopo la diffusione del risultato nell’aula sono esplosi i festeggiamenti.

Applausi e grandi festeggiamenti nell’aula del Senato del Minnesota, in America, al momento della lettura dei voti relativi alla legge sui matrimoni gay. Una legge approvata dai senatori con 37 voti favorevoli e 30 contrari. Dunque sì alle nozze gay anche in Minnesota, 12esimo Stato americano a legalizzare le unioni tra le persone dello stesso sesso. Solo la scorsa settimana in America era stato il Delaware ad approvare la legge sui matrimoni gay. Hanno accolto con soddisfazione il voto a favore tanti senatori ma soprattutto si è alzato in piedi per applaudire il pubblico che assisteva in galleria. E anche fuori molti hanno festeggiato il nuovo provvedimento.

Le coppie omosessuali potranno sposarsi a partire dal primo agosto – Il Senato ha detto sì dopo che la legge è passata alla Camera (con 75 sì e 59 no) la scorsa settimana. Manca solo la firma, attesa oggi, del governatore Mark Dayton che ha già annunciato l’intenzione di sottoscriverla. Le coppie omosessuali potranno sposarsi a partire dal prossimo primo agosto. Appena sei mesi fa gli elettori avevano bloccato un tentativo di vietarle nella Costituzione. Il Minnesota è il primo Stato del Midwest a rendere i matrimoni gay legali tramite voto legislativo. L'Iowa, infatti, li ha resi legali nel 2009 attraverso una sentenza di tribunale.