595 CONDIVISIONI
30 Aprile 2022
12:21

Il caso degli oligarchi russi morti in presunti suicidi negli ultimi 3 mesi: cosa sappiamo

La ricostruzione della Cnn: almeno cinque importanti uomini d’affari russi si sono uccisi dalla fine di gennaio, e tre di loro avrebbero assassinato membri delle loro famiglie prima di togliersi la vita.
A cura di Susanna Picone
595 CONDIVISIONI
Vladislav Avayev, l’ex vicepresidente di Gazprombank
Vladislav Avayev, l’ex vicepresidente di Gazprombank

Almeno sei uomini d’affari russi morti in circostanze non chiare negli ultimi tre mesi. Cinque di loro si sarebbero tolti la vita dalla fine di gennaio, le indagini sulle cause del decesso su un sesto caso sono ancora in corso. A parlare del caso dei presunti suicidi di questi oligarchi è la Cnn, secondo cui tre di queste persone prima di togliersi la vita avrebbero ucciso anche dei familiari. E secondo la ricostruzione della Cnn quattro dei morti erano funzionari del gigante energetico Gazprom o di una delle sue controllate. Tra questi uomini d’affari russi deceduti c’è Sergey Protosenya, ex presidente di Novotek, trovato morto all’inizio di questo mese in Spagna insieme alla moglie e alla figlia. In un primo momento si è parlato di omicidio-suicidio, ma i dubbi su quanto accaduto non mancano. Parlando al Daily Mail, il figlio di Protosenya ha detto di non credere al suicidio e suggerito che suo padre possa essere stato assassinato. “Amava mia madre e soprattutto Maria, mia sorella. Era la sua principessa. Non avrebbe mai potuto fare nulla per danneggiarli. Non so cosa sia successo quella notte, ma so che mio padre non gli ha fatto del male", ha detto Fedor Protosenya, che si trovava nella casa di famiglia in Francia al momento dell’accaduto.

Sergei Protosenya con sua moglie Natalya
Sergei Protosenya con sua moglie Natalya

Tra gli altri c’è Leonid Shulman, capo dei trasporti di Gazprom Invest: è stato trovato morto nel suo cottage nel villaggio di Leninsky, vicino a Leningrado, alla fine di gennaio. È stato trovato sulla scena un biglietto d’addio. Un mese dopo, nello stesso villaggio, è stato trovato morto nel suo garage Alexander Tyulakov, anche lui dirigente del gigante del gas. Era il 25 febbraio. Anche in questo caso Novaya Gazeta ha parlato di suicidio.

Alexander Tyulakov
Alexander Tyulakov

In Inghilterra, nella sua casa nel Surrey, il 28 febbraio è stato trovato privo di vita un miliardario russo di origina ucraina, Mikhail Watford. In questo caso, le indagini sulle cause del decesso sono in corso. Vasily Melnikov, uomo d’affari titolare di una società di forniture mediche, è stato trovato morto il 23 marzo insieme alla sua famiglia alla fine di marzo. Secondo la ricostruzione della Cnn, lui, la moglie e i loro due bambini di 4 e 10 anni sarebbero stati pugnalati a morte. Infine c’è il nome di Vladislav Avayev, ex vicepresidente della Gazprombank, trovato morto il 18 aprile insieme alla moglie e alla figlia nel suo appartamento di Mosca che risultava chiuso a chiave dall’interno. Igor Volobuev, ex vicepresidente di Gazprombank, ha detto di non credere che Avayev si sia suicidato.

595 CONDIVISIONI
Bollettino Covid Italia, oggi 9.429 contagi e 40 morti per Coronavirus: i dati di venerdì 3 giugno
Bollettino Covid Italia, oggi 9.429 contagi e 40 morti per Coronavirus: i dati di venerdì 3 giugno
Perché dopo mesi i russi sono tornati a bombardare Kiev
Perché dopo mesi i russi sono tornati a bombardare Kiev
Cosa sappiamo della misteriosa epidemia intestinale che sta colpendo i malati di Covid in Nord Corea
Cosa sappiamo della misteriosa epidemia intestinale che sta colpendo i malati di Covid in Nord Corea
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni