773 CONDIVISIONI
14 Luglio 2021
15:14

Il bimbo appena nato non respira, gli somministrano gas esilarante invece che ossigeno: morto

La tragedia che ha visto vittima il piccolo John Ghanem è avvenuta nel luglio del 2016 al Bankstown-Lidcombe Hospital di Sydney, in Australia. Nei giorni in cui il bimbo avrebbe dovuto compiere cinque anni, la Corte di Lidcombe ha stabilito che i tubi dell’ossigeno e del protossido di azoto nelle sale operatorie erano stati etichettati erroneamente anni prima della tragedia…
A cura di Biagio Chiariello
773 CONDIVISIONI

Un neonato australiano è morto appena un'ora dopo essere venuto al mondo quando i medici gli hanno erroneamente somministrato del gas esilarante invece dell'ossigeno. Al piccolo John Ghanem è stato pompato del protossido di azoto mentre i medici cercavano di farlo respirare al Bankstown-Lidcombe Hospital di Sydney, in Australia, nel luglio 2016. In quello che sarebbe stato il suo quinto compleanno, un'inchiesta alla Corte di Lidcombe ha stabilito che i tubi dell'ossigeno e del protossido di azoto in una delle sale operatorie erano stati etichettati erroneamente anni prima della tragedia. Successivamente sono stati collegati all'unità neonatale senza essere adeguatamente controllati, un disguido che è passato inosservato per oltre un anno. Un problema che ha provocato un danno cerebrale significativo anche ad un'altra neonata quando è stata ventilata in modo simile con il protossido di azoto due mesi prima della nascita di John, riporta The Australian.

La madre di John, Sonya, aveva subito un cesareo d'urgenza su raccomandazione del suo ostetrico il 13 luglio 2016. Il neonato è stato messo in un'area di rianimazione dopo che i medici hanno notato che una parte allentata del suo cordone ombelicale era rimasta avvolta intorno al suo collo e che non respirava correttamente, riporta news.com.au. A quel punto i medici hanno provato a pompare aria nei suoi polmoni, ma non ha risposto, quindi l'hanno collegato al tubo che credevano fosse ossigeno "al 100%". Ma il cuore di John ha smesso di battere dopo che il piccolo è stato ventilato con il protossido di azoto (noto anche come gas esilarante  per via dei suoi effetti euforizzanti). L'errore è stato colto solo dall'intuizione di un medico dopo aver notato alcuni paralleli tra gli incidenti in ospedale e la morte di un ragazzo in India a causa di uno scambio con il gas in questione.

Youssef e Sonya Ghanem, i genitori del bimbo
Youssef e Sonya Ghanem, i genitori del bimbo

L'ingegnere Stuart Clifton, incaricato di indagare sull'incidente nel 2017, ha dichiarato all'inchiesta che lo scambio di gas sarebbe stato scoperto immediatamente se fossero stati eseguiti i test richiesti. "Il semplice fatto è che se avessero fatto i controlli adeguati, il risultato, essendo questa indagine, non sarebbe stato richiesto". Un test di identificazione del gas richiede meno di due minuti per essere completato. L'inchiesta continua.

773 CONDIVISIONI
USA, tredicenne muore di Covid: la malattia l'ha ucciso in due giorni
USA, tredicenne muore di Covid: la malattia l'ha ucciso in due giorni
Thailandia, bimbo di 9 anni morto in spiaggia: è stato punto da una medusa velenosissima
Thailandia, bimbo di 9 anni morto in spiaggia: è stato punto da una medusa velenosissima
Palazzina crollata a Torino, la mamma di Aron: "Volevo aiutarlo ma ero bloccata dai calcinacci"
Palazzina crollata a Torino, la mamma di Aron: "Volevo aiutarlo ma ero bloccata dai calcinacci"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni