113 CONDIVISIONI

Hamas diffonde nuovo video di 3 ostaggi israeliani: “Il tempo sta scadendo, fateci tornare a casa”

Hamas ha diffuso un nuovo video-appello di 3 donne in ostaggio a Gaza da ormai 107 giorni. Le 3 chiedono al governo israeliano di riportarle a casa. “Oggi abbiamo più paura del nostro governo che di Hamas”.
A cura di Gabriella Mazzeo
113 CONDIVISIONI
Immagine

Il giorno della decisione della Corte di giustizia dell'Aja, Hamas ha diffuso un nuovo video che mostra 3 ragazze in ostaggio a Gaza. Le 3 donne, inquadrate da una telecamera fissa, hanno lanciato un appello alle autorità israeliane spiegando di essere prigioniere da ormai 107 giorni. Si esprimono con foga in ebraico e denunciano di essere state abbandonate da Israele il 7 ottobre, giorno dell'attacco di Hamas. In ultimo, le 3 donne in ostaggio  si rivolgono direttamente al premier Benyamin Netanyahu, chiedendogli di mettere fine alla guerra e riportarle sane e salve dalle loro famiglie. "Prima di diventare anche noi cadaveri", aggiungono le 3 donne in conclusione.

Il video diffuso online si intitola "il tempo sta scadendo" e mostra una clessidra che si sta svuotando. "Sono stata rapita dalla base nel Kibbutz Nahal Oz – spiega Karina, una 19enne soldatessa per Israele in ostaggio a Gaza dal 7 ottobre scorso -. Siamo costantemente sotto il fuoco, sotto attacchi e bombardamenti. Mi avete quasi ammazzata con i vostri attacchi. Come può accadere che io oggi abbia più paura del mio Stato di quanta ne abbia di Hamas?".

Insieme a lei sono tenute prigioniere Danielle, soldatessa 19enne e Doron, una 30enne residente nel Kibbuz Kfar Aza. Anche le altre due giovani sono apparse nel filmato e nei loro interventi, hanno accusato l'esercito di aver ucciso altre persone rapite e tenute in ostaggio da Hamas. In conclusione, le 3 hanno sollecitato le famiglie ad organizzare manifestazioni di protesta. "Prima ci avete esposte al pericolo – hanno ribadito riferendosi al governo Netanyahu – poi ci avete abbandonato, vogliamo tornare a casa".

In Israele il video non è stato mostrato perché i media non hanno voluto trasmettere l'appello, definendolo "terrorismo psicologico da parte di Hamas".

113 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views