33 CONDIVISIONI
Cambiamenti climatici

Guterres alla Cop28: “Il destino dell’umanità in bilico, il pianeta brucia. Dobbiamo agire ora”

Il segretario generale dell’ONU: “Le politiche attuali porterebbero ad un aumento della temperatura di tre gradi che potrebbe bruciare la terra. Non possiamo salvare un pianeta in fiamme con un idrante di combustibili fossili”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Davide Falcioni
33 CONDIVISIONI
alto commissariato onu
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Cambiamenti climatici

"Proteggere il nostro clima è la più grande prova di leadership a livello mondiale. Il destino dell'umanità è in bilico". A ribadire l'allarme sullo stato del clima è stato Antonio Guterres, segretario generale dell'Onu, intervenuto in occasione della cerimonia di apertura del World Climate Action Summit della Cop28 in corso a Dubai. "Siamo a chilometri dagli obiettivi dell'Accordo di Parigi, e a pochi minuti dalla mezzanotte per il limite di 1,5 gradi. Ma non è troppo tardi. Potete prevenire lo schianto planetario e l'incendio. Abbiamo le tecnologie per evitare il peggio del caos climatico, se agiamo ora. Abbiamo bisogno di leadership, cooperazione e volontà politica. E ne abbiamo bisogno adesso", ha detto Guterres.

Guterres: "I segni vitali della Terra stanno venendo meno"

Il numero uno delle Nazioni Unite ha ricordato alcune evidenze: "I ghiacciai stanno scomparendo davanti ai nostri occhi provocando il caos in tutto il mondo: da frane e inondazioni, all’innalzamento del mare. Ma questo è solo un sintomo della malattia che mette in ginocchio il nostro clima. Una malattia che solo voi, leader globali, potete curare". Guterres ha spiegato che "i segni vitali della Terra stanno venendo meno: emissioni record, incendi feroci, siccità mortali e l’anno più caldo di sempre". Una situazione, quella del caos climatico, che non sta alimentando anche le ingiustizie sociali ed esaltando l'egoismo degli stati più ricchi di fronte a quelli più poveri e meno responsabili di questa situazione. Il riscaldamento globale – ha detto Guterres – "sta distruggendo i bilanci, facendo lievitare i prezzi dei prodotti alimentari, sconvolgendo i mercati energetici e alimentando una crisi del costo della vita. L’azione per il clima può far girare l’interruttore. Il dono è l’energia rinnovabile. Fa bene al nostro pianeta, alla nostra salute e alle nostre economie. Pulisce la nostra aria. Soddisfa la crescente domanda di energia nel mondo. Collega milioni di persone all'elettricità a prezzi accessibili. Porta stabilità e sicurezza ai mercati. E fa risparmiare denaro: l'energia rinnovabile non è mai stata così economica".

Le tre ricette di Guterres per salvare il pianeta

Per il Segretario Generale dell'ONU, e per la totalità della comunità scientifica internazionale, la diagnosi è ormai chiara: "Il successo di questa COP dipende dalla capacità del Global Stocktake di prescrivere una cura credibile in tre aree. In primo luogo, ridurre drasticamente le emissioni. Le politiche attuali porterebbero ad un aumento della temperatura di tre gradi che potrebbe bruciare la terra. In secondo luogo, non possiamo salvare un pianeta in fiamme con un idrante di combustibili fossili".

Inoltre, ha aggiunto Guterres, "dobbiamo accelerare una transizione giusta ed equa verso le energie rinnovabili. La scienza è chiara: il limite di 1,5 gradi è possibile solo se alla fine smetteremo di bruciare tutti i combustibili fossili. Non ridurre. Non diminuire. Eliminazione graduale, con un calendario chiaro. Il Global Stocktake non deve solo impegnarsi in questo senso, ma deve anche impegnarsi a triplicare le energie rinnovabili; doppia efficienza energetica; e portare energia pulita a tutti entro il 2030. I dati economici sono chiari: il passaggio globale alle energie rinnovabili è inevitabile. L’unica domanda è quanto riscaldamento dovrà sopportare il nostro pianeta prima che accada. In terzo luogo, la giustizia climatica è attesa da tempo".

"I paesi in via di sviluppo vengono devastati da disastri che non hanno causato. Il Global Stocktake deve impegnarsi a incrementare i finanziamenti, anche per l’adattamento, le perdite e i danni. E deve sostenere la riforma delle banche multilaterali di sviluppo per mobilitare molti più finanziamenti privati ​​a costi ragionevoli. I paesi sviluppati devono mostrare come raddoppieranno i finanziamenti per l’adattamento portandoli a 40 miliardi di dollari all’anno entro il 2025 – come promesso – e chiarire come riusciranno a raggiungere i 100 miliardi di dollari – come promesso. Proteggere il nostro clima è la più grande prova di leadership a livello mondiale. Il destino dell’umanità è in bilico", le parole di Guterres.

33 CONDIVISIONI
500 contenuti su questa storia
Nel 2023 nuovo record di emissioni di CO2, ma alcuni segnali sono incoraggianti
Nel 2023 nuovo record di emissioni di CO2, ma alcuni segnali sono incoraggianti
Perché il cambiamento climatico rischia di far scomparire il risotto dalle nostre tavole
Perché il cambiamento climatico rischia di far scomparire il risotto dalle nostre tavole
Migliaia di megattere uccise dal caldo record: morte di fame a causa nostra
Migliaia di megattere uccise dal caldo record: morte di fame a causa nostra
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views